Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Politica Italiana  
Libertà: cos'è e come viene alienata

Libertà: cos'è e come viene alienata
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 08/09/2012 19:36:26

 

(Giorgio Gaber: La Libertà")

"Libertà è partecipazione" cantava un Giorgio Gaber particolarmente impegnato nella lotta per la Libertà civile qualche decina di anni fa.

Partecipazione. Un fondamento imprescindibile del concetto puro di libertà. Perché se i cittadini di una qualsiasi nazione del mondo, non sono messi in grado di poter partecipare alle grandi decisioni che coinvolgono il paese in cui si vive, ecco che già il concetto di popolo e stato libero, vengono a decadere. Perché, contrariamente, si finisce solo col subire – e del tutto passivamente – qualsiasi accadimento frutto di decisioni prese da altri. Per tutta la comunità intesa come cittadini comuni.

Avete mai provato a rispondere alla domanda: "Cos'è la Libertà"? Spesso non sovvengono immediate risposte. La libertà appare come un qualcosa di fumiginoso persino a noi stessi. Pensare poi di rispondere a questa domanda applicandola all'intera collettività, appare del tutto impossibile. Già questo, è uno degli effetti corrosivi di un sistema che aliena del tutto la libertà, sia essa individuale che collettiva.

Se infatti non avessimo alcun problema ad identificare cosa fa di noi dei cittadini liberi, saremmo nella reale condizione di libertà. Il solo fatto che sia per tutti difficile dettare i contorni di quello che ormai è divenuto un concetto del tutto astratto, la dice lunga sull'alienazione costante di un diritto che doveva essere inviolabile – a parole – ma che nei fatti è stato del tutto azzerato.

Siamo o saremmo liberi, se tutti avessimo pari diritti di fronte alla Legge. Di fatto, non è così, dal momento che tutti sappiamo come la Legge venga applicata solo ed esclusivamente a danno del cittadino comune, in special modo se si tratta di leggi che determinano un contenuto amministrativo e quindi economico da corrispondere ad una qualche istituzione.

Saremmo veramente Liberi, se già i primi quattro articoli della nostra vituperata Costituzione venissero messi in atto dallo Stato e dai governi in carica:

" Art. 1
L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.

La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

Art. 2
La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.

Art. 3
Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Art. 4
La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.

Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un'attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

Invece, sappiamo tutti a nostre spese, di come la nostra Repubblica non faccia nulla per essere fondata sul diritto al lavoro, di come la sovranità popolare sia ormai un concetto astratto per tutti, di come i diritti inviolabili dell'uomo siano costantemente violati, di come non esista pari dignità sociale, dal momento che – anche con la scusa delle tante crisi economiche o pseudo tali, si imponga alla cittadinanza di esser unico protagonista di un impegno civile ed economico che serve a salvaguardare soltanto le garanzie di quei soliti pochi che traggono beneficio dal tormento e dalla disperazione di tanti.

"E' compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese"

Vi pare che ciò venga messo in atto? Vi pare che vi sia qualcuno dei componenti istituzionali che si siano mai presi la briga di convalidare questo diritto comune inalienabile? Eppure la Costituzione è ancora in vigore, anche se pochi – troppo pochi – ne conoscono e semmai comprendono il contenuto.

La Costituzione, la sua lettura, il suo studio sarebbero alla base di una democrazia realmente tale, basata sulla libertà individuale. Così come essa stessa recita nei suoi articoli.

Dovrebbe essere inserita come materia di studio ed applicazione fin dalle elementari, invece è lo scritto meno letto e conosciuto nel nostro paese.

Tutti più o meno, conosciamo a memoria le preghiere maggiori: il padrenostro, l'ave Maria. Ci sono state tramandate a forza, queste preghiere, e persino l'ultimo degli atei – volente o nolente – ne conosce a menadito le parole.

Della Costituzione invece, pochi ricordano semmai qualche pallido approccio. A cominciare da coloro che per primi dovrebbero conoscerne ogni virgola. E già il fatto di non imporre alla popolazione la conoscenza dello scritto che più di altri potrebbe far costantemente verificare alla popolazione che la democrazia ed il suo elemento principe, la Libertà individuale, non vengano mai messi in discussione, Nemmeno per ipotesi.

Sempre all'interno di questo documento "oscuro" troviamo altre tracce di ciò che dovrebbe renderci tutti dignitosamente liberi. Come quando si legge della libertà sulla scelta delle cure per la propria salute. Elemento fondante della vita dell'individuo, che – come sappiamo – viene invece manipolato costantemente persino nella propria intimità di essere umano di fronte al male fisico, al concetto di libertà di vivere o morire se affetti da patologie che rendono straziante l'esistenza, nelle decisioni che più ci appartengono intimamente.

L'esempio più recente in questo senso, lo ritroviamo nelle strazianti notizie di cronaca che stanno vedendo protagonisti dei piccoli italiani affetti da malattie rare cui la Legge vieta di poter assumere cure che – palesemente – ne migliorerebbero le condizioni e farebbero sperare almeno in una migliore qualità della vita.

La Legge . Che vieta, aliena, assume poteri enormi e determina l'alienazione costante della libertà individuale. La Legge intesa non qui come "normativa" ma come quella figura oppressiva ed oscura che tutto controlla e decide. Anche se si tratta della nostra carne e di come farla esistere.

E poi, altre forme di oppressione si aggiungono al misfatto continuo del percorso apparentemente senza ostacoli dell'alienazione della libertà individuale che diviene libertà comune e quindi, assoggettamento globale.

Pensiamo ad esempio ai poteri illimitati di cui lo Stato si investe quando crea – tutti noi soliti cittadini comuni ne siamo vittime – mostri come Equitalia, che attraverso Leggi che tutto permettono all'agenzia di recupero dei crediti pubblici, alienano ogni principio di difesa personale e di conseguenza di diritto umano. Perché nel momento stesso in cui lo Stato, si mette nella condizione di non permettere a nessun contribuente comune di poter attestare il proprio stato di non debitore, ecco che ti elevi a forza maggiore rendendoti istantaneamente Stato di Regime.

Tutto ciò, da sempre, viene servito come piatto freddo denominato "Stato libero e democratico", conferma che se alle parole non seguono i fatti, a nulla esse servono.

Colpevoli anche i cittadini del proprio non difendere mai del tutto la propria libertà individuale e di conseguenza la propria dignità civile.

Dicono di noi italiani che siamo un popolo di pecoroni asserviti al potere, incapaci di vivere senza stare al guinzaglio, incapaci di prenderci le nostre responsabilità di cittadini capaci di partecipare attivamente per ottenere il bene individuale e comune della Libertà.

Mi spiace dover ammettere – una volta di più – che questa visione è del tutto reale e significativa di come, se non si provvederà a riformare noi stessi, cittadini e contribuenti di una nazione sotto regime da decenni, seppur di quel regime spesso intangibile e di conseguenza difficilmente abbattibile, non potremo far altro che continuare a belare senza sosta.
Ammesso che anche questa eventuale "libertà" ci venga ancora riconosciuta da coloro che sanno molto bene come sia facile ammansire un gregge con due abbaiate di cane…

Licenza Creative Commons
Libertà: cos'è e come viene alienata by Emilia Urso Anfuso is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at http://www.gliscomunicati.com/content.asp?contentid=2301.
L'articolo ha ricevuto 16256 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/08/2019 03:29:36

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Italiana

Autore: Angela Urso - Redazione Politica
Data: 21/08/2019 20:13:11
Crisi di governo: primo giorno di consultazioni

La maggior parte dei partiti politici sono disposti a "valutare una maggioranza alternativa" per "fare una scelta responsabile" in quanto si ritiene irresponsabile un ritorno alle urne.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 20/08/2019 19:19:09
La Lega ha ritirato la mozione di sfiducia

La Lega ha ritirato la mozione di sfiducia al Senato che era stata presentata a suo tempo nei confronti del governo Conte. E'  l'Ansa ad apprenderlo da qualificate fonti di maggioranza.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 20/08/2019 15:56:56
Crisi di governo: Giuseppe Conte 'Salvini ha interessi personali. Il governo finisce qui'

"Ho chiesto di intervenire per riferire sulla crisi di governo innescata dalle dichiarazioni del ministro dell'interno e leader di una delle due forza di maggioranza. Siamo al cospetto di una decisione oggettivamente grave, che comporta conseguenze rilevanti per la vita del paese"

Leggi l'articolo

Autore: Fabio Miceli - Redazione Politica
Data: 20/08/2019 06:57:52
Associazione Coscioni: in 1000 chiedono a Conte di nominare Commissario alla ricerca

Già il 9 agosto, allo scoppiare via social della crisi, abbiamo individuato nella candidatura italiana alla Commissione europea il primo banco di prova per dare continuità al metodo e alle maggioranze che portarono al voto favorevole per Ursula von der Leyen al Parlamento europeo. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -