Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Occupazione  
Italia: reddito minimo garantito. Dalle famiglie.

Italia: reddito minimo garantito. Dalle famiglie.
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 02/10/2012

Avete mai sentito nominare il "Reddito minimo garantito"? Il reddito minimo garantito, o reddito di cittadinanza, reddito minimo di esistenza ed anche reddito minimo universale, è un sostegno economico da parte degli Stati europei che riconoscono ai cittadini della nazione di appartenenza, un minimo contributo economico individuale. Garantito appunto. Indipendentemente dal proprio patrimonio. Patrimonio, intendete bene e non reddito.

Orbene: tutta l'Europa aderisce all'erogazione di questo contributo sociale. Tutta l'Europa. Ad eccezione dell'Italia e della Grecia. In Italia infatti, tranne sparuti casi a livello locale, il reddito minimo garantito è talmente un miraggio da aver fatto costituire persino un comitato che ne sostiene la messa in vigore.

Raccolta firme a livello nazionale, per chiedere ciò che l'Unione Europea da tempo ha ammesso e reso possibile nel resto del continente.

Per quali motivi viene erogato questo contributo economico dagli stati europei? Per consentire ad ogni cittadino di potersi permettere una esistenza almeno dignitosa. Punto. Non vi sono altri elementi su cui riflettere e dibattere. Riconoscere un minimo sostegno economico – mediamente di circa 600 euro al mese – è considerato – fuori dal nostro territorio e dal territorio greco – il minimo sindacale che un paese civile ed evoluto può fare per i suoi cittadini. Linfa vitale di ogni nazione.

Si chiama "Welfare", ricordate? Che significa "Stato sociale". Uno Stato cioè, che tende a ridurre - se non ad eliminarle - le diseguaglianze sociali, garantendoservizi nei comparti primari dell'esistenza come la Sanità, l'Istruzione o la previdenza sociale.
Da noi non ne è rimasta traccia, a furia di picconare tagli su tagli sempre e solo ai comparti – appunto - sociali.
Ci siamo ridotti a dover semmai tentare di essere sostenuti da questa o quella organizzazione privata, ottenendo un ambiguo quanto assurdo "welfare mix" che non è "mix" dal momento che lo Stato attualmente non riconosce quasi nulla a livello di sostegni sociali quasi ai disabili, figurarsi a tutti i cittadini indistintamente al di la del loro patrimonio…

Ora, assistiamo parallelamente alla distruzione di ogni fondamento di welfare nel nostro paese, ad un'altra aberrazione tipicamente nazionale. Nel nostro paese, crescono a dismisura cause giudiziarie intentate da figli contro i genitori. I motivi? Richiesta formale di sostegno economico pur vivendo – magari a 30, 40 anni - ancora in seno alla famiglia e senza lavoro (o precario).

Quella che un tempo era la scarna "paghetta" viene oggi recriminata da adulti dipendenti dalle famiglie di origine in tutto. Vuoi per la penuria di lavoro, vuoi perché a casa – tutto sommato si sta bene. Non vi sarebbe nulla di male e di ambiguo a scegliere di restarsene in casa coi genitori pure a sessant'anni suonati. Se si facesse parte attivamente del nucleo famigliare.

Spesso però, e qui scattano le cause che portano strambe famiglie in competizione giudiziaria – codesti figli ostentano una reiterata allergia a compiere qualsiasi gesto a sostegno delle famiglie che continuano ad accoglierli. Nonostante tutto.

Ho ascoltato una dichiarazione di un padre che, chiamato in tribunale dal figlio 35enne che chiedeva il suo "reddito minimo garantito" ai genitori, confermava come il pargolo in casa, oltre a dormire, mangiare, sporcare e disseminare della sua presenza tutto l'appartamento, non facesse altro che partecipare ad happy hours con gli amici, chiedere l'ultimo modello di Iphone e corbellerie del genere. "Se ogni tanto facesse qualcosa anche lui in casa, oggi non mi sentirei di negargli un supporto economico". Come dagli torto? Ma ecco il punto: il vuoto normativo. Che essendo appunto una mancanza - almeno ad oggi – fa si che queste cause vedano invariabilmente vincere… I figli. Che – parole di Giudice – hanno diritto ad attendere nella casa familiare le migliori possibilità di vita e lavorative, in osservanza delle proprie tendenze ed aspirazioni personali (come recita la Costituzione)

Se poi le "aspirazioni personali" del figliol prodigo di turno, siano quelle di utilizzare la casa familiare come il classico albergo di cui molti genitori conoscono bene l'indirizzo, le normative in vigore non fanno cenno alcuno.

Alla luce di questo, se l'Italia – come la Grecia – fossero nazioni civili e socialmente sviluppate, avrebbero il loro reddito minimo garantito, che permetterebbe a tutti – figli di mezza età compresi – di poter fare la loro strada, lontani qualche quartiere dal frigorifero di mamma e papà.

Mettere in atto questo criterio di giustizia sociale, metterebbe tutti in pace. Lo Stato Italiano, che riuscirebbe finalmente ad uscire dalla terribile impasse in cui è caduto nei confronti dei cittadini a causa della non ottemperanza di quei criteri di sostegno alla popolazione che sono l'esempio eccelso delle società civili evolute. Agli adulti italiani in impasse da società ad alto livello di criticità a causa della recessione. Alle famiglie. Che magari aggiungerebbero persino un "rinforzino" economico al reddito di cittadinanza a quei figli che, lontani da casa, apprezzerebbero meglio la famiglia e quella tendenza naturale a divenire – prima o poi – protagonisti della propria esistenza.

Licenza Creative Commons
Italia. reddito minimo garantito. Dalle famiglie by Emilia Urso Anfuso is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at http://www.gliscomunicati.com/content.asp?contentid=2328.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 14/08/2022 04:49:01

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Occupazione

Autore: Emilia Urso Anfuso - Redazione Economia
Data: 24/05/2020
Decreto rilancio: approvato il Bonus colf e badanti

Nella precedente versione del decreto, gli importi del sostegno economico erano stati fissati dai 400 ai 600 euro...

Leggi l'articolo

Autore: Andrea Pascale - Redazione Economia
Data: 10/05/2020
Fase 2, allarme delle imprenditrici: ''Le donne rischiano di essere tagliate fuori''

“Nel dibattito sulla fase due le donne sono del tutto assenti. Il Governo sembra essersi dimenticato di mettere le imprenditrici e le lavoratrici... 

Leggi l'articolo

Autore: Fausta Tagliarini - Redazione Economia
Data: 30/04/2020
Covid-.19: Cassa Dottori Commercialisti: online il bando per contributi agli iscritti

È online da ieri sul sito della Cassa Dottori Commercialisti il bando per la richiesta di contributi assistenziali a supporto degli iscritti che lavorano in uno studio professionale in affitto.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 27/04/2020
Settore ristorazione: si rischia il fallimento

Moriranno oltre 50.000 imprese e 350.000 persone perderanno il loro posto di lavoro. Bar, ristoranti, pizzerie, catering, intrattenimento, per il quale non esiste neanche una data ipotizzata...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -