Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
Italia: la stabilità dei bilanci, l’instabilità dei cittadini

Italia: la stabilità dei bilanci, l’instabilità dei cittadini
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 25/10/2012

Credo sia giunto il momento di fare un po' di chiarezza su alcuni criteri, o almeno, di provarci. Troppe parole, riflessioni, dubbi, visioni, fanno si che – all'atto pratico – poco si comprenda di ciò che in Italia stia accadendo davvero.

Il dubbio che vi sia una crisi ad esempio: bisognerebbe difatti capire di quale tipo di crisi è affetta l'Italia e se essa corrisponda a parametri di criticità economica al pari dei conti "della serva" che tutti abbiamo il compito di dover fare nella nostra esistenza.

L'Italia è una nazione. E come tale, facendo oltretutto parte della Comunità Europea, deve rispondere ad alcuni criteri e dettami dettati appunto dal Consiglio Europeo, che vigila e verifica – per quanto possibile – affinché le nazioni facenti parte dell'Europa, possano risolvere le problematiche che via via si presentano nelle varie comunità. C'è poi il Consiglio dell'Unione Europea - da non confondere col precedente – che legifera in merito alle varie questioni inerenti le nazioni del gruppo ed inoltre si occupa dei bilanci, coordinando di fatto le strategie economiche degli Stati membri.

E' utile questa precisazione, in quanto quando si parla di "crisi" economica di questo o quel paese europeo, bisogna fare molta attenzione a non confondere la "crisi" intesa come decadimento effettivo dei parametri economici che consentono alle nazioni di elevarsi o meno al ruolo di nazione nel suo complesso in piena attività economica, e la "crisi" economica che per mille ragioni coinvolge direttamente i cittadini.

Sono due crisi diverse? In qualche modo si. Nel senso che, un conto è la recessione economica – "sostenuta" ad esempio da bilanci pubblici fallimentari – che viene a cadere sulle spalle e le tasche dei cittadini che, in questo modo toccano con mano gli effetti della crisi economica. Un conto è ciò che – nel caso del nostro paese – l'Italia deve dimostrare in campo economico sia alla Comunità europea sia a quelle nazioni extra europee in qualche modo coinvolte anch'esse nella grande crisi economica mondiale.

Faccio un esempio: la nostra "Legge di stabilità" – ex Legge Finanziaria – non viene creata per "stabilizzare" l'economia dei singoli cittadini oppressi da un altro ramo della stessa crisi economica. Essa crea infatti i presupposti affinché si traccino in maniera netta, le strategie migliori per riportare i conti pubblici in uno stato di equilibro per fare in modo che poi, le organizzazioni internazionali continuino ad avere rapporti economici con lo Stato Italiano. Punto. E' quindi una Legge che ogni volta conterrà una serie di misure per dimostrare ai controllori degli Stati membri che il governo di turno è in grado di occuparsi dell'economia e della finanza nazionale si da non provocare effetti deleteri sulla finanza internazionale.

Diverso è il discorso relativo alla criticità economica sofferta dai cittadini, che dovrebbe essere trattata in altri ambiti e che invece viene confusa con la crisi sistemica economica della nazione e che di conseguenza – almeno fino ad oggi – non ha trovato altre risposte utili se non quella di fare uno zibaldone infernale mettendo dentro allo stesso sacco problematiche diverse.

Ora: se è vero quindi che, all'atto pratico, con le strategie intraprese dall'attuale governo Monti, i conti del bilancio della nazione Italia si stanno, sembra, via via mettendo in equilibrio, è necessario poi parallelamente mettere in atto strategie affinché l'economia dei cittadini non subisca solo variazioni al ribasso ponendo peraltro la ciliegia sul caos totale del chiamare "crisi economica" una crisi effettivamente a due velocità che di conseguenza meriterebbe altri ambiti di riflessione, strategia e presa in carico.

Se quindi da un lato chi di dovere sta muovendosi più o meno bene per rimettere in sesto l'immagine globale della nostra nazione per poter rientrare a tutti gli effetti nei parametri richiesti a livello internazionale, dall'altro si sta dimenticando che – con la stessa enfasi e passione – qualcuno dovrebbe prendersi carico e cura della crisi economica che si sviluppa in quel territorio che si chiama "umanità".

Non è certamente un pool di "tecnici" che possono far questo, per diverse ragioni. L'attuale governo, più o meno tecnico, sta svolgendo il ruolo per cui è stato chiamato a governare: rimettere in sesto i bilanci dello Stato. Abbassare – per quanto possibile – il debito pubblico, che altro non è se non un disavanzo: se entrano 100 e ne vengono spesi 1.000, ovviamente la nazione deve poi chiedere prestiti alimentando in maniera tortuosa il famigerato debito pubblico.

Il pool di tecnici è messo li a far di conto, a sottrarre in ogni ambito possibile. La sua missione – o Mission, come si usa oggi – è solo ed esclusivamente quella di riportare la nazione ai criteri di bilancio ed a quegli scambi economici che possano consentirci di far parte ancora dell'allegra brigata degli Stati membri dell'Unione Europea.

E noi a questo, siamo si abituati, ma non del tutto. I governi politici difatti, hanno una peculiarità che nessun governo tecnico avrà mai: dovendo "piacere" all'elettorato di riferimento, deve prima o poi "mollare" qualcosa alla popolazione. Vuoi una riduzione di imposte. Una tassa in meno. Qualcosa che possa dare alla gente quel famoso pane et circenses coniata dal poeta latino Giovenale.

Il governo tecnico quindi si prefigge un solo obiettivo: risanare i conti e ridare una immagine dell'Italia – verso l'esterno, cioè l'Estero – quale nazione in sviluppo e competitiva sui mercati.

Cosa manca quindi? Qualcuno e qualche strategia che si prenda l'onere e l'onore, di pensare che, così come è indubbio che la nostra nazione abbia urgente necessità di uscire dall'impasse della grande crisi economica mondiale, così i cittadini devono trovare un sostegno alla propria economia, considerando un fatto importante e non eludibile: i cittadini vengono costantemente chiamati a sostenere economicamente ogni governo affinché poi l'Italia mantenga il suo ruolo di Nazione competitiva ed in sviluppo economico agli occhi del mondo ma poi non vengono sostenuti nella quotidianità delle proprie urgenti necessità.

Un cane che si morde la coda.

Se coerentemente, mentre si pensa ai bilanci attivi e passivi, mentre si guarda all'Italia come elemento di un grande disegno internazionale, si troverà il modo di pensare anche più…In piccolo, sostenendo l'economia dei cittadini, potremmo persino sperare che – volgendoci in questa direzione in maniera stabile – i conti dell'Italia potranno sempre essere bene o male in attivo.

Perché se si continuerà a "bilanciare" creando sempre e progressivamente uno sbilanciamento dei conti privati, ovviamente non vi potrà mai essere un pareggio. E non credo di dover chiamare in causa esimi economisti a conferma di questo semplice teorema.

Attenzione quindi, a non proseguire sulla strada della confusione di ruoli, strategie, missioni e compromissioni. Perché potremmo nella migliore delle ipotesi trovarci in ogni caso in fondo al tunnel più buio senza alcuna possibilità di vedere uno sbadiglio di luce.

Ragionare conviene sempre a tutti.

Licenza Creative Commons
Italia: la stabilità dei bilanci, l'instabilità dei cittadini by Emilia Urso Anfuso is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at http://www.gliscomunicati.com/content.asp?contentid=2344.


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 28/09/2022 22:32:31

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 27/05/2020
Settore giochi: scatta l'allarme cassa  integrazione straordinaria

Un allarme occupazionale che preoccupa un intero settore, ancora chiuso per il lockdown e che non intravede una possibile data di ripartenza del business. 

Leggi l'articolo

Autore: Lettera dei Presidenti Dario Gallina e Paolo Scudi
Data: 26/05/2020
Lettera di Unione Industriale di Torino e ANFIA al Presidente Conte

“Sollecitare un intervento governativo è vitale per recuperare l’operatività del settore automotive e la sua capacità di sviluppo decisiva per il progresso economico” – si legge nella lettera.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 26/05/2020
Settore giochi e Fase 2: Ughi (Obiettivo 2016) 'Settore discriminato e beffato'

Un danno economico addizionale poiché non vi sono previsioni sulla data di riapertura dei luoghi di vendita (sale scommesse, sale bingo, sale giochi ecc...

Leggi l'articolo

Autore: Diletta Regoli - Redazione Economia
Data: 25/05/2020
Inchiesta Altroconsumo: l'impatto del Covid-19 sul portafogli degli italiani

L’emergenza coronavirus in corso non riguarda solo la salute ma anche l’economia delle famiglie, per questo Altroconsumo ha condotto un’indagine per analizzare il peso che sta avendo la pandemia sui bilanci degli italiani

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -