Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Fisco e Tasse  
Redditest: la piccola e media evasione fiscale hanno le ore contate. Anche la privacy...?

Redditest: la piccola e media evasione fiscale hanno le ore contate. Anche la privacy...?
Autore: Sergio De Maio - Redazione Economia
Data: 20/11/2012

 
(Video: 1984 - Dal Romanzo di George Orwell)
 
Il Redditest è l'ultimo strumento informatico messo a punto per l'Agenzia delle Entrate, entrato in vigore in queste ore e che dovrebbe mettere in grado i contribuenti di comprendere se, il calcolo fra entrate ed uscite è in qualche modo equilibrato.
Si fa tutto online accedendo a questa pagina: Redditest
 
E' necessario scaricare sul proprio PC il software gratuito e poi immettere tutti i dati richiesti.
 
Se alla fine il risultato del test darà una luce verde c'è la prova della congruità, altrimenti si accende un semaforo rosso, segno di una discrepanza tra reddito e tenore di vita. Una spia che invita a rivedere bene la propria posizione e nel qual caso il contribuente può essere convocato per le opportune verifiche, anche se sembra esserci un asorta di tolleranza che si aggira su un 20%.

Il nuovo redditometro, che partirà a gennaio, tiene conto di oltre 100 voci di spesa, dalle auto alle barche, dal possesso di cavalli al risparmio e ai movimenti bancari, dai contributi versati alle assicurazioni, ai mutui e ai lavori immobiliari, gallerie d'arte e tour operator. L'Agenzia delle Entrate presenta oggi lo strumento aggiornato che considera «elementi certi» come la potenza delle auto e la lunghezza delle barche, non più solo presuntivi, gli incrementi patrimoniali e il risparmio dell'anno. Inoltre, considera la composizione della famiglia. L'Agenzia ha l'obbligo di dialogare con il contribuente attraverso il contraddittorio: «I nostri funzionari sono a disposizione», ha detto il direttore, Attilio Befera, sia in fase preventiva che in un'eventuale fase ulteriore.

La domanda però è d'obbligo: siamo certi che, scaricando questo software sul nostro PC non scarichiamo anche qualche programmino occulto che sia in grado di sapere vita, morte e miracoli del contribuente, almeno per ciò che riguarda la sua presenza e permanenza su Internet? D'altronde i programmi di tipo Keylogger, sono altamente utilizzati e spesso in maniera occulta, da molti portali che chiedono di scaricare un programma all'utente ed a sua insaputa poi, spia costantemente ogni più piccolo movimento fatto sul web. Spesso, questi programmi servono a comprendere le tendenze di acquisto, ma non solo.
 
L'altra domanda è: con questo nuovo sistema di auto verifica, non si sta in effetti ribaltando del tutto il criterio di privacy in considerazione delle domande poste su spese del tutto private in molti casi? (palestra, benessere, scuola, svago...)
 
Oltretutto, c'è da riflettere su un punto fondamentale: per quale ragione il cittadino dovrebbe "verificare" eventuali discrepanze e di conseguenza piccole e medie evasioni? Non lo sa già...? Semmai, è il Fisco a non sapere...
 
Orwell aveva visto giusto: prima o poi, con la scusa della lotta all'evasione, ogni singolo cittadino sarebbe stato messo nella condizione di non avere più modo di esistere al riparo da occhi indiscreti. Ci samo.
 
Il redditometro non sarà ad ogni modo l'unica arma in mano al Fisco. Ecco l'elenco di tutti gli strumenti utili e "arruolabili":
  • Redditometro: è uno strumento che permette di confrontare i redditi dichiarati dai contribuenti con il loro tenore di vita, misurato attraverso le spese sostenute. Messo a punto dopo anni di sperimentazioni, è un servizio che incrocia i dati di 7 macro categorie (casa, mezzi di trasporto, assicurazioni, istruzione, attività ricreative, investimenti, altre spese). Sotto controllo il possesso di barche, auto, cavalli, o l'acquisto di viaggi o visite ai centri spa.
  • Banca dati "Serpico": è il cervellone dell'Agenzia delle Entrate. Le banche, gli operatori finanziari e le assicurazioni comunicheranno a Serpico i propri dati, con evidenza di saldi e movimenti, del dare e dell'avere. Il cervellone potrà integrare tali dati con ulteriori informazioni (ad esempio, catastali), senza richiedere l'accesso all'autorità giudiziaria.
  • Equitalia: entra a regime l'accertamento esecutivo. I controlli fiscali si concentreranno sul biennio 2007-2008, al fine di incassare le imposte non dichiarate. L'atto di contestazione diventa esecutivo dopo 30 giorni e nei successivi 30 viene affidato ad Equitalia.
  • Tutoraggio: per i grandi contribuenti scatta finalmente il tutoraggio. Coloro che hanno un giro d'affari superiore a 100 milioni di euro, infatti, saranno seguiti attivamente da un tutor dell'Agenzia delle Entrate, al fine di monitorare al meglio la contribuzione fiscale.
  • Tracciabilità: dal 6 dicembre non può essere utilizzato denaro contante per pagamenti superiori o pari a 1.000 euro. Stessa limitazione per gli assegni bancari o circolari, privi della clausola di non trasferibilità e senza indicazione del bilancio. Entro il 31 marzo 2012 i libretti con saldo superiore a 1.000 euro devono essere estinti definitivamente o il loro saldo ridotto sotto i 1.000 euro.
  • Scontrini e ricevute: previsti nuovi blitz della Finanza dopo quelli di Cortina e Milano. I funzionari si affiancheranno alle casse degli esercizi commerciali e monitoreranno le statistiche, incrociandole con le basi di riferimento.
  • Ispettori: l'Agenzia delle Entrate punta ad assumere 1.440 funzionari in più per portare avanti con maggiore efficacia la lotta all'evasione fiscale. I due milioni di controlli effettuati nel 2011 dovrebbero pertanto incrementare nei prossimi anni.
  • Spesometro: scatta a regime lo spesometro, che monitora le uscite dei cittadini per ogni acquisto superiore ai 3.600 euro. Superata tale soglia sarà infatti obbligatorio fornire al venditore il proprio codice fiscale, al fine di consentire la trasmissione in via telematica all'Agenzia delle Entrate.
 
Di seguito, il comunicato odierno diramato da Federcontribuenti;
 
Hanno cambiato il concetto di evasione fiscale con l'elusione fiscale. In uno Stato dove ogni 10 euro di guadagno ben 7 euro vanno all'erario, l'elusione fiscale da parte del contribuente diventa un modo per sopravvivere e non soccombere al carico fiscale. Mentre, l'evasione fiscale si ha quando gran parte del guadagno non viene dichiarato. Va sottolineato che ad oggi, ogni stipendio, subisce già una decurtazione fiscale a monte, le detrazioni e una volta incassato lo stipendio le tasse non sono finite.
 
Non si conteggia l'Iva pagata su ogni prodotto acquistato, non si conteggiano le accise sulla bolletta dell'energia elettrica o sul carburante. Lo stipendio prelevato non è da definirsi al netto eppure viene costantemente tassato. Il reddito finale si riduce ad un 30%, un esempio: uno stipendio di 1.200 euro, tolte tutte le voci fiscali, dalle detrazioni alle imposte dirette e indirette contenute anche negli acquisti e nelle bollette delle utenze come le accise, si riduce a circa 360 euro. Ecco cosa andremo a tassare.
 
Il nuovo redditometro quindi non scoverà nessun evasore e la sua entrata in vigore genererà un effetto domino che, secondo Federcontribuenti, avrà conseguenze devastanti. Ce lo spiega direttamente il presidente Paccagnella: '' poniamo il caso un cittadino abbia acquistato una macchina in leasing, il redditometro non terrà conto dell'acquisto fatto a rate e avviserà l'Agenzia delle Entrate che, a sua volta, chiamerà il cittadino ad una verifica. Basterà poco per dimostrare di non aver evaso, resta il fatto che si violerà la privacy, si violerà la vita privata del cittadino costretto a giustificarsi al fisco. Visti i requisiti del redditometro solo un 10% dei contribuenti sarà in regola, non per loro colpa, ma perchè si è tassato anche l'aria che respiriamo e le patatine fritte al bar.
 
Partiranno a raffica controlli a tutto spiano, perquisiranno le case e le casse degli italiani a caccia anche di un solo centesimo avanzato. Qui la guerra all'evasione non c'entra, qui si tratta di scovare ogni euro pur di non intaccare la casta e i suoi privilegi ''. La Federcontribuenti denuncia soprattutto il clima di terrore e di controllo che il redditometro contribuirà ad instaurare: quanto carburante hai messo; quanto hai pagato di acqua, luce, gas; quante volte sei andato al cinema o a mangiare una pizza; se hai chiamato un idraulico sei fregato. Crolleranno i consumi, le saracinesche non si apriranno più per indotto fallimento, si eviteranno spese: ci si guarderà alle spalle mentre si entra dal parrucchiere o a farsi fare l'analisi del sangue. Si tornerà al mercato nero.
 
Ogni voce, ogni scontrino e fattura fiscale dovrà essere dichiarata. Il problema è un altro ed è l'altra faccia della terribile medaglia. A seconda delle voci fiscali dichiarate, il redditomentro è impostato per decidere di quale reddito si dispone: qui la trappola. Non ne è detto che se si hanno due impiegati è perchè ogni santo mese si guadagna un tot preciso,  probabilmente l'imprenditore avrà attinto ai risparmi oppure ha risparmiato sul proprio stipendio pur di non avere debiti.
 
Il redditometro in questo caso darà segnale rosso e si verrà chiamati negli uffici dell'Agenzia delle Entrate. '' Non esiste un modello fiscale simile in nessun'altra nazione. Un contribuente non può essere visto come portatore sano di guadagno. Un cittadino ha diritto di vivere del proprio lavoro senza dover dar tutto allo Stato incapace di legiferare in maniera tale da riproporzionare i redditi della casta a quelli dei cittadini ''. Non si sostiene la ripresa dell'economia e dei consumi, si sostiene il malsano principio che ogni singolo lavoratore è chiamato a sostenere con le proprie finanze una classe politica vorace.



Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 16/05/2022 10:41:25

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Fisco e Tasse

Autore: Emilia Urso Anfuso - Redazione Economia
Data: 15/05/2020
Bonus vacanze 2020: tutte le informazioni utili

Un dato interessante: le perdite economiche subite dal settore ricettivo ammontano a circa 81 milioni di euro.

Leggi l'articolo

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 13/05/2020
Decreto rilancio: rinviata la lotteria degli scontrini

 

La partenza della lotteria degli scontrini, prevista dal 1° luglio 2020, slitterà al 1° gennaio 2021: è quanto si legge nell’ultima bozza del Decreto Rilancio 
Leggi l'articolo

Autore: Andrea Pascale - Redazione Economia
Data: 15/02/2020
Scongiurato l'aumento IVA per bar e ristoranti

Il Presidente di Fipe, Lino Enrico Stoppani: "Ci auguriamo che questa posizione sia mantenuta non tanto per porre fine alle speculazioni e alle voci che ciclicamente ritornano"...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 23/01/2020
Il Vademecum del contribuente 2020 presentato da Unione Fiduciaria

Chi vuole orientarsi nel mondo dei tributi senza perdere le più recenti norme introdotte dall’ultima Legge Finanziaria, deve avere con sé il volume “Vademecum del Contribuente 2020” 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -