Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Occupazione  
Ilva: sciopero ad oltranza contro la chiusura

Ilva: sciopero ad oltranza contro la chiusura
Autore: Sergio Coronari - Redazione Cronaca
Data: 27/11/2012

 

Sciopero immediato deciso dai sindacati metalmeccanici Fim, Fiom e Uilm in segno di protesta per la decisione dell'azienda di fermare tutta l'area a freddo dopo il blocco e il sequestro delle merci disposti dalla Magistratura.

A Taranto gli operai hanno occupato la direzione - convincendo anche gli impiegati dell'Ufficio personale a lasciare gli uffici - mentre i circa 1.500 metalmeccanici dello stabilimento Ilva di Genova, dopo una breve assemblea, sono usciti dallo stabilimento in corteo e si dirigono verso l'aeroporto di Genova.

Per i sindacati si tratta di una vera e propria "rappresaglia dell'azienda contro i lavoratori" che ricordiamo essere circa 5.000 di coloro che lavorano appunto nell'area a freddo.

L'annuncio della chiusura alimenta il malumore. Il segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni a margine di un incontro con gli operai della Sertubi a Trieste, azienda in crisi, ha dichiarato: "non solo muore l'occupazione li', ma addirittura si mette in difficolta' la produzione di acciaio che serve per l'intera siderurgia italiana".

In un comunicato, l'Ilva ha annunciato che "il provvedimento di sequestro emesso dal Gip di Taranto, comportera' "in modo immediato e ineluttabile l'impossibilita' di commercializzare i prodotti e, per conseguenza, la cessazione di ogni attivita' nonche' la chiusura dello stabilimento di Taranto e di tutti gli stabilimenti del gruppo che dipendono, per la propria attivita', dalle forniture dello stabilimento di Taranto".

Intanto, l'inchiesta a perta a suo tempo, ha generato
sette arresti, due avvisi di garanzia e vari sequestri, oltre al sequestro preventivo di prodotti finiti e semilavorati, destinati alla vendita o al trasferimento, perche' realizzati in violazione delle prescrizioni del sequestro gia' adottato dall'autorita' giudiziaria sugli impianti dell'area a caldo.

A Fabio Riva - vicepresidente dell'omonimo gruppo e figlio di Emilio (ai domiciliari dal 26 luglio) Luigi Capogrosso, ex direttore del siderurgico di Taranto; Girolamo Archina', ex consulente dello stabilimento, addetto ai rapporti con le pubbliche amministrazioni e licenziato ad agosto quando emersero i primi particolari dell'inchiesta è stato inoltrato un ordine di arresto. Fabio Riva si è reso irreperibile.

Ai domiciliari, oltre ad Emilio Riva, presidente della holding controllante, Lorenzo Liberti, gia' presidente della facolta' di Ingegneria ambientale dell'universita' di Taranto; Michele Conserva, ex assessore provinciale all'Ambiente dimessosi nei mesi scorsi; Carmelo DelliSanti della Promed Engineering. Tra gli indagati (una ventina in tutto) anche il presidente dell'Ilva Bruno Ferrante e il direttore generale dell'azienda, Adolfo Buffo.

"La seconda fase dell'autorizzazione integrata ambientale dell'Ilva può aver senso a patto che lo stabilimento resti aperto e la preoccupazione e' che, con gli ultimi sviluppi giudiziari, l'Aia venga bloccata, con conseguenze gravissime sull'ambiente e sull'impatto sociale". E' quanto ha dichiarato il Ministro dell'Ambiente Clini che ribadisce l'importanza di mantenere aperta la struttura.

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 14/08/2022 05:29:46

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Occupazione

Autore: Emilia Urso Anfuso - Redazione Economia
Data: 24/05/2020
Decreto rilancio: approvato il Bonus colf e badanti

Nella precedente versione del decreto, gli importi del sostegno economico erano stati fissati dai 400 ai 600 euro...

Leggi l'articolo

Autore: Andrea Pascale - Redazione Economia
Data: 10/05/2020
Fase 2, allarme delle imprenditrici: ''Le donne rischiano di essere tagliate fuori''

“Nel dibattito sulla fase due le donne sono del tutto assenti. Il Governo sembra essersi dimenticato di mettere le imprenditrici e le lavoratrici... 

Leggi l'articolo

Autore: Fausta Tagliarini - Redazione Economia
Data: 30/04/2020
Covid-.19: Cassa Dottori Commercialisti: online il bando per contributi agli iscritti

È online da ieri sul sito della Cassa Dottori Commercialisti il bando per la richiesta di contributi assistenziali a supporto degli iscritti che lavorano in uno studio professionale in affitto.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 27/04/2020
Settore ristorazione: si rischia il fallimento

Moriranno oltre 50.000 imprese e 350.000 persone perderanno il loro posto di lavoro. Bar, ristoranti, pizzerie, catering, intrattenimento, per il quale non esiste neanche una data ipotizzata...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -