Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Politica Italiana  
Italia: i politici, Wanna Marchi e gli italiani…

Italia: i politici, Wanna Marchi e gli italiani…
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 12/01/2013

 

L'imbonitore di folle è colui o colei che mette in atto tutte le strategie utili per convincere la gente sull'assoluta bontà di un prodotto o servizio, al fine da sbolognare il più alto numero di articoli o servizi a una schiera di babbalei pronti a comprare per buona l'aria fritta.

Non me ne voglia la schiera di babbalei, tanto so che nessuno in questo esatto momento pensa di se stesso di esserlo mai stato. Un babbaleo ci casca. Punto. E non si rende conto di esser preso nelle maglie di coloro che a turno o tutti insieme, riescono a fargli credere che gli asini volino, che si possa camminare sulle acque o che – forse è uno dei "miracoli" più difficili da ottenere – si possa perder peso mangiando il doppio del normale.

E' vero: abbiamo tutti un po' necessità di poter credere nelle favole. Ma un conto è credere a certe favole innocue per noi e gli altri, un conto è generare dissesto sociale a furia di credere ad ogni frottola possibile, immaginabile ed inimmaginabile. In questo caso siamo nel pieno di una follia semi collettiva, che non può che arrecare danni gravissimi a quella parte di società civile che alle frottole proprio non presta orecchio.

Ricorderete tutti Wanna Marchi e le sue spettacolari performance televisive (…) che fecero di lei una ricca imprenditrice nel settore della presa pe il culo. "Centomila! Solo centomila!" urlava assalita da un morbo satanico che eppure ne fece una vera star negli anni '80. Se l'italiano medio fosse meno coglione di quanto non sia nella realtà, nessuno di noi saprebbe chi è Wanna Marchi. Invece, ne abbiamo fatto un mito. E pur dopo aver compreso l'errore a chiusura della prima inchiesta che la vide protagonista e colpevole di abusi fiscali e di vendite di prodotti del tutto inutili a prezzi da capogiro, l'abbiamo pure perdonata e riaccolta nell'Olimpo di coloro che sanno perfettamente come il genere umano dimentichi e perdoni e corra a cercare febbrilmente un nuovo truffatore che tolga loro denaro e sonno notturno.

Si è vero: è stato detto che nella seconda parte della sua esistenza di personaggio fra il televisivo e l'esoterico lei e la sua banda hanno in pratica sfruttato la fragilità "momentanea" di persone afflitte da grossi problemi. Sarà… Peccato che ancor oggi il tema di "santoni" "Stregoni" e "maghi" vari non sia affatto svanita e che la gente – certa gente – continua strenuamente e contro ogni logica, ad inseguire questi personaggi fino all'ultimo centesimo in tasca. Loro.

E' una patologia profonda e quasi misteriosa quella che fa distruggere esistenze e intere famiglie per seguire falsi profeti, assurde fattucchiere e millantatori di ogni tipo. Una patologia che rasenta la follia estrema, se si pensa a come con facilità – anch'essa estrema - una parte di popolazione pur di fronte all'evidenza di comportamenti totalmente contrari all'onestà e alla trasparenza, si faccia sempre compromettere socialmente ed economicamente dai personaggi in questione.

Sono quasi certa che, se Wanna Marchi avesse sfangato per l'ennesima volta l'inchiesta che l'ha vista protagonista nel caso dei "numeri al lotto e degli amuleti" oggi sarebbe ancora in qualche televisione più o meno privata a fottere bellamente migliaia di persone e milioni di euro con una qualche trovata dell'ultimo minuto.

Lo sanno. I truffatori di vario tipo e livello sanno che la gente è molto meno preparata a difendersi dalle truffe di quanto possiamo pensare.

E lo fanno. Ovviamente lo fanno. Continuano a truffare le stesse persone già truffate dieci, cento, mille volte. E perché lo fanno? Ovviamente perché il parterre di persone a cui si riferiscono glielo consente fin quasi a bramare la prossima truffa che evidentemente, vivono come una sorta di "premio" alla loro totale incapacità a comprendere la differenza fra il bene ed il male.

Se è pur vero che oggi vi è una profonda crisi di sistema e che molta gente ha capito – o crede di aver capito – di voler dire NO a tutto ciò che per anni è stato contrabbandato come giusto ed anche incontrovertibile, è anche vero che milioni di italiani rimangono invariabilmente convinti che tutto sommato tizio o caio, pur essendosi macchiati di colpe che a persone come me fanno venire le bolle verdi e le coliche al solo pensarci, possa avere ancora qualche chances. Si convincono che non è possibile poi che possa esistere tanto cinismo, tanto calcolo, tanta cattiveria nei confronti della popolazione. E fanno il danno. L'ennesimo danno. E la frase che accompagna il danno è sempre la stessa: "Proviamo…Però se stavolta sbaglia…" Se stavolta – l'ennesima – tizio o caio sbaglieranno – e lo faranno è ovvio – la persona che ha dato loro l'ennesima possibilità, ne darà ancora una e poi un'altra ed un'altra… Perché non vi è nulla di più estremo che il rapporto fra schiavo e padrone. Fra masochista e Master. Fra vittima e aguzzino.

Così, estremamente si continua a sbagliare. Agendo superficialmente su un concetto prezioso come è la vita di ognuno. Che viene invece considerata nulla se con tanta superficiale incapacità di decidere per il bene, si distrugge una intera popolazione.

Lasciando alle sue beghe Wanna Marchi che ho utilizzato per spiegare il concetto ed iniziare la riflessione, l'attualità ci rimanda lo stesso identico problema che, seppur moderato dalla effettiva presa di coscienza di una popolazione – la nostra – ormai stretta nelle maglie di un sistema istituzionale composto da gente che ha scopeto le carte facendo vedere del tutto l'abietta tendenza ad uccidere la società civile al solo scopo di agevolare se stessi, continuerà almeno per una parte a dare un qualche riconoscimento di "merito" o una fiducia che nella logica dei fatti non si comprende come possa essere ancora donata.

In piena campagna elettorale, a poco tempo da scandali effettivamente inconcepibili, come il continuo utilizzare denaro pubblico a scopi privati da parte della maggior parte dei componenti politici, l'ottenere sempre più denaro in un periodo storico in cui alla popolazione viene costantemente tolto continuando a dire che denaro non ce n'è (…) di fronte a partiti e Movimenti che non si sono vergognati a farci sapere come si possa corrompere tutti, ottenere pure finte lauree, fornicare in festini privati con la partecipazione di pseudo consiglieri politici di ogni sesso, e tutto ciò che di peggiore possa venirci in mente…Ecco che gli stessi identici briganti, sfoderano ora il sorriso migliore e – cosa molto peggiore – promettono.

Promettono cose che non potranno mai concretizzare, perché le promesse sono le stesse identiche fatte ad ogni tornata elettorale. Perché se così non fosse, non staremmo bestemmiando più o meno tutti su una classe politica corrotta e corruttibile al punto da fra crollare se stessa. E perché se ci fosse davvero un qualcosina di buono nell'attuale realtà politica nazionale, ne vedremmo già i frutti e non staremmo qui a considerare che stiamo continuando a permettere di essere presi per i fondelli una volta di più, nonostante tutto e nonostante gli stessi personaggi politici ci dicano da anni – inascoltati e non compresi a quanto pare – quanto sia facile prendere per il culo l'elettore medio italiano.

A questo punto, c'è da considerare con coraggio una sola cosa: renderci conto – finalmente – che se continuiamo ad esser presi per i fondelli, una gran parte di colpa l'abbiamo noi cittadini. Senza se e senza ma.

Wanna Marchi docet. Ma almeno lei, prima o poi, l'hanno bloccata. Fino a quando…?

Licenza Creative Commons
Italia: i politici, Wanna Marchi e gli italiani... by Emilia Urso Anfuso is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at http://www.gliscomunicati.com/content.asp?contentid=2459.


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 11/07/2020 16:05:04

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Italiana

Autore: Editoriale di Sergio Ragaini
Data: 24/05/2020
Nessun diritto: solo concessioni

L’idea di scrivere questo articolo mi è venuta da una riflessione su quanto sta accadendo in questyo periodo. E, soprattutto, dall’articolo 16 del Decreto “Cura Italia”. 

Leggi l'articolo

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 21/05/2020
COVID-19 - Campania: da oggi riaprono i ristoranti

Da venerdì invece riapriranno le aree mercatali non più soltanto per i generi alimentari. Si dà mandato alle amministrazioni comunali di predisporre i previsti dispositivi di sicurezza nei mercati stessi.

Leggi l'articolo

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 19/05/2020
Regione Campania: Turismo e Cultura, de Luca: 'Parola d'ordine Campania Sicura'

Il Presidente Vincenzo De Luca, insieme con l'Unità di crisi, ha incontrato oggi i rappresentanti degli operatori del comparto del turismo e successivamente i rappresentanti del mondo della cultura e degli spettacoli della Campania. 

Leggi l'articolo

Autore: Primo Mastrantoni - Redazione Politica
Data: 17/05/2020
Coronavirus: per appurare le responsabilità della Cina serve una commissione internazionale

Le esportazioni italiane verso l'Europa valgono qualcosa come 311 miliardi di euro e verso la Cina 13 miliardi di euro. Una differenza abissale.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -