Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Fisco e Tasse  
IMU e campagna elettorale: un gran polverone sui rimborsi

IMU e campagna elettorale: un gran polverone sui rimborsi
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 02/02/2013

 

In piena campagna elettorale, si sta generando un caos micidiale per ciò che riguarda il tema dell’IMU.

 

L’IMU, imposta Municipale Unica, messa in vigore durante il Governo Monti, fu però introdotta con il Dl n. 23 del 14 marzo 2011 (articoli 7, 8 e 9) dal precedente Governo Berlusconi che stabiliva la messa in vigore a partire dl 2014. C’è da dire però, che nelle intenzioni di quel governo, l’imposta non avrebbe comunque dovuto gravare sulle prime case.

 

Di fatto, il governo Monti l’ha sostanzialmente modificata e ne ha anticipato l’entrata in vigore “in via sperimentale” (…) a partire dal 2012.

 

L’IMU sostituisce sia l’ Irpef da reddito fondiario sulle seconde case, sia l' Ici, introdotta nel 1992.

 

Gli italiani hanno quindi pagato la salata stangata, bestemmiando non poco sulle cifre versate in una o più rate, come prevede la normativa in vigore.

 

Ma ecco che, galeotta fu la campagna elettorale in corso, tutti, ma proprio tutti i candidati di ogni schieramento, abbattono la mannaia della critica sull’imposta più chiacchierata degli ultimi tempi: persino chi l’ha pensata e siglata per primo – governo Berlusconi – oggi ne fa un punto d’onore promettendone la cancellazione. Anche Monti oggi declama l’iniquità dell’IMU e propone alternative più o meno valide in sostituzione.

 

Ma da cosa parte l’idea che si possa richiedere il rimborso totale dell’IMU versata in quanto imposta ritenuta incostituzionale, generando il caos attuale fra i cittadini italiani che a frotte corrono a presentare tale richiesta ai propri Comuni di appartenenza?

 

Il tutto, parte da una recente intervista rilasciata dell’ex Ministro dell’Economia Giulio Tremonti durante una trasmissione sull’emittente televisiva La7: “ «L'Imu viola la Costituzione per la rivalutazione di colpo e di imperio delle rendite catastali a cui è incardinata, che peraltro non coincidono necessariamente con il valore degli immobili. Questo fa dell'imposta una sorta di patrimoniale permanente. peraltro inflitta in un periodo di gravissima crisi.

 

«Il debito di imposta – ha continuato Tremonti - resta negli anni invariato mentre i valori immobiliari precipitano, creando uno scollamento dai principi costituzionali di capacità contributiva e di eguaglianza tra i cittadini. Si crea di fatto una discriminazione tra chi, godendo di alti redditi, potrà conservare la proprietà dell'immobile e chi, non avendo redditi sufficienti per pagare l'Imu, sarà costretto a venderlo. In questo modo l'Imu va in direzione radicalmente opposta alla carta costituzionale: non favorisce l'accesso alla proprietà dell'abitazione e non tutela il risparmio», diventando addirittura un'«imposta contro il patrimonio. Disumana per le famiglie e suicida per l'economia, che resta bloccata».

 

Secondo Tremonti l’IMU violerebbe addirittura tre articoli della nostra Costituzione: “ il numero 3 (quello che celebra l'uguaglianza tra cittadini), il 47 (sia nella parte che «incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme» sia in quella che «favorisce l'accesso del risparmio popolare alla proprietà dell'abitazione») e il 53 («tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva»)

 

Che l’ Imu sia una tassa illegittima è anche il parere di Codacons l’associazione dei consumatori che, fin da Giugno scorso, ha deciso di fare ricorso al Tar per chiedere il ‘blocco’ di tutti i provvedimenti che hanno introdotto l’Imu.

 

Per il Codacons, l’Imu è una ‘tassa di scopo, decisa contro la legge e senza la previa individuazione delle precise opere pubbliche che l’imposta dovrebbe andare a finanziare, in palese violazione della normativa vigente’ e che essa va ‘a colpire, senza alcuna distinzione, ogni possessore di immobile, senza tenere conto della reale capacità contributiva, spesso decisamente bassa come nel caso di soggetti titolari di pensione e/o precari’.

 

Ma attenzione: la Commissione Europea ha solo parlato di imposta iniqua riferendosi all’IMU e non ne mai decretato l’incostituzionalità, né è stata pronunciata alcuna sentenza che lo attesti.

 

Ciò nonostante, sia molti personaggi della politica nel pieno della campagna elettorale sia alcune organizzazioni a sostegno dei consumatori, stanno creando non poco caos su un tema che a mio avviso, si sta utilizzando appunto a solo fini elettorali.

 

Un conto infatti, è richiedere un rimborso nel caso in cui – a conti fatti a posteriori – ci si accorga di aver versato più del dovuto. E’ un fatto assolutamente lecito e riconosciuto ovviamente dal nostro sistema fiscale. Un conto è, senza che alcun organismo centrale abbia approvato l’illegittimità dell’imposta, far credere ai cittadini che sia legittimo oggi come oggi, presentare richiesta di rimborso dell’intero importo versato.

 

 

 
Si può fare, ovviamente senza però sperarci troppo.

 

E' pur vero che basterebbe la remissione degli atti di una sola Commissione Tributaria Provinciale chiamata a decidere su un singolo ricorso a decretare l'illegittimità dell'IMU e da ciò, se ne ricaverebbe quindi la soluzione per tutti i cittadini. Significa che, se una sola richiesta di rimborso per illeggitimità venisse approvata, questo genererebbe il riconoscimento di illegittimità per tutti e quindi , si avvierebbe la procedura attraverso la quale i soldi versati dovrebbero essere poi realmente restituiti. (...)

 

 
Ricapitolando: se da un lato potete richiedere il rimborso delle somme versate in esubero, attualmente è del tutto inutile presentare il ricorso nella speranza di ottenere indietro tutta l’IMU versata. Potete farlo, nella mera speranza che una Commissione approvi almeno una richiesta di rimborso.

Ne approfitto per ricordare ai lettori il periodo in cui si generò un caos simile relativo al rimborso dell'i.v.a. illegiottimamente pagato per anni sulla nettezza urbana. In quel caso, pur essendoci stata una sentenza di Cassazione che legittimava i cittadini a richiedere la restituzione dell'i.v.a illegittimamente pagata nei precedenti 10 anni, vi su un totale nulla di fatto. In ultima analisi infatti, il governo cancellò questo diritto con un emendamento. A questo link, potete leggere gli articoli scritti e pubblicati a suo tempo sul tema.

Tutto ciò a mio avviso, continua ad avere il sapore appiccicoso di quelle “Promesse da candidati” di cui ho parlato in questo mio recente articolo. Far pensare ai cittadini di una nazione che sono nel legittimo diritto di ottenere la restituzione di somme versate quando non è assolutamente vero, viola qualsiasi criterio di rispetto della dignità umana. Semmai, bisognerebbe ricordare spesso ai cittadini l’art. 50 e l’art. 53 della Costituzione, su cui tutti invece, calano il silenzio assoluto e che recitano:

 

 

Art. 50.

 

Tutti i cittadini possono rivolgere petizioni alle Camere per chiedere provvedimenti legislativi o esporre comuni necessità.

 

Art. 53.

 

Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.

 

Il sistema tributario è informato a criteri di progressività.
 

 

Licenza Creative Commons
IMU e campagna elettorlae: un gran polverone sui rimborsi by
Emilia Urso Anfuso is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at
http://www.gliscomunicati.com/content.asp?contentid=2479.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 04/10/2022 02:53:24

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Fisco e Tasse

Autore: Emilia Urso Anfuso - Redazione Economia
Data: 15/05/2020
Bonus vacanze 2020: tutte le informazioni utili

Un dato interessante: le perdite economiche subite dal settore ricettivo ammontano a circa 81 milioni di euro.

Leggi l'articolo

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 13/05/2020
Decreto rilancio: rinviata la lotteria degli scontrini

 

La partenza della lotteria degli scontrini, prevista dal 1° luglio 2020, slitterà al 1° gennaio 2021: è quanto si legge nell’ultima bozza del Decreto Rilancio 
Leggi l'articolo

Autore: Andrea Pascale - Redazione Economia
Data: 15/02/2020
Scongiurato l'aumento IVA per bar e ristoranti

Il Presidente di Fipe, Lino Enrico Stoppani: "Ci auguriamo che questa posizione sia mantenuta non tanto per porre fine alle speculazioni e alle voci che ciclicamente ritornano"...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 23/01/2020
Il Vademecum del contribuente 2020 presentato da Unione Fiduciaria

Chi vuole orientarsi nel mondo dei tributi senza perdere le più recenti norme introdotte dall’ultima Legge Finanziaria, deve avere con sé il volume “Vademecum del Contribuente 2020” 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -