Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
India: rischio incidente diplomatico sulla vicenda dei marò

India: rischio incidente diplomatico sulla vicenda dei marò
Autore: Max Murro - Redazione Cronaca
Data: 12/03/2013

 

 

Toni infuriati da parte del premier indiano Manmohan Singh per la decisione del ministro degli Esteri italiano, Giulio Terzi, che ha scelto di far restare in patria Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, tornati in Italia con un permesso speciale di un mese per votare alle elezioni politiche.

"Assolutamente inaccettabile" ha dichiarato il primo ministro indiano, Manmohan Singh, definendo la situazione creata dal governo italiano sulla vicenda dei due marò.

A tali dichiarazioni, ha fatto subito seguito la prima iniziativa ufficiale del governo indiano: la convocazione dell'ambasciatore d'Italia a New Delhi, Daniele Mancini, al ministero degli Esteri per fornire spiegazioni sulla decisione di non far ritornare i marò in India alla fine del loro permesso.

«Siamo davanti a un caso di classica controversia internazionale tra due Stati che che per uno stesso fatto attestano la propria competenza a giudicare. Le controversie internazionali non possono essere risolte dagli organi giurisdizionali interni, peraltro di una delle parti, ma si devono affidare ad arbitri internazionali o a giudici internazionali» ha commentato Angela Del Vecchio, docente di diritto internazionale all'Università Luiss di Roma.

Il primo ministro indiano Manmohan Singh ha dichiarato  che la situazione creata dal governo italiano rispetto alla vicenda dei due militari fucilieri  del Battaglione San Marco, accusati della morte di due pescatori locali scambiati per pirati, è "assolutamente inaccettabile".

"Questi due criminali sono protetti dal governo indiano, colluso con gli italiani", ha affermato un membro del Bjp, il partito nazionalista indù Bharatiya Janata, principale formazione dell'opposizione

"Andrò a New Delhi in serata (oggi, ndr.) e affronterò la questione con il ministro degli Esteri. Stiamo anche cercando di affrontare il problema da un punto di vista legale" ha dichiarato ai giornalisti il Il premier del Kerala, Oommen Chandy

E Abdul Ghani, presidente dell'Unione Nazionale Marittimi in India rincara la dose: "E' ingiusto, così è stata tradita la fiducia", accusa . "Il nostro sistema giudiziario è stato molto leale con i militari italiani permettendo loro di andare e, se non ritornano, il diritto dovrà fare il suo corso".

Per il ministro degli Esteri italiano Giulio Terzi "l'Italia ha sempre ritenuto che la condotta delle autorità indiane violasse gli obblighi di diritto internazionale gravanti sull'India", in particolare "il principio dell'immunità dalla giurisdizione degli organi dello Stato straniero". Con una nota consegnata oggi dall'ambasciatore italiano a New Delhi Daniele Mancini, l'Italia ha ribadito "la propria disponibilità di giungere a un accordo per una soluzione della controversia, anche attraverso un arbitrato internazionale o una risoluzione giudiziaria".

Siamo al limite dell'incidente diplomatico che in un operiodo storico come quello che stiamo attraversando, dovrebbe essere del tutto evitato trovando magari una formula diplomatica che possa - è il ruolo della Diplomazia - trovare un punto d'incontro fra le due parti.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 20/01/2021 01:11:53

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 27/05/2020
Traffico di droga: le società fantasma dei cartelli messicani

La rete più articolata, e che riguarda uno degli importi più elevati da record, è stata scoperta dall'Unità di informazione finanziaria (FIU) del Tesoro nel 2014.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 14/05/2020
Afghanistan: attacco a un reparto maternità di Kabul

I primi momenti della vita di un neonato dovrebbero trascorrere tra le braccia di sua madre, non in un ospedale in fiamme con proiettili e bombe che piovono...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/05/2020
Allarme Interpol: droga consegnata domicilio con il cibo

Le organizzazioni criminali stanno ricorrendo ai servizi di consegna di cibo per trasportare la droga e altre sostanze illecite, mentre i Paesi sono in preda al lockdown a causa della pandemia globale di Covid-19. 

Leggi l'articolo

Autore: Di Luca De Rossi - Redazione Esteri
Data: 07/05/2020
Coronavirus: in Olanda aumenta l'uso di cannabis a causa dell'isolamento forzato

Il consumo di cannabis in Olanda e’ aumentato durante la crisi causata dall’avvento del coronavirus.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -