Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Fisco e Tasse  
Tares, Irap e Irpef: stangata in arrivo per autonomi e piccole imprese

Tares, Irap e Irpef: stangata in arrivo per autonomi e piccole imprese
Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Economia
Data: 25/03/2013

 
 
Stangata in arrivo per lavoratori autonomi e piccole imprese.
 
Tares, Irap e Irpef fra i mesi di Giugno e Luglio, rischiano di rendere ancora più bollente l'inizio della prossima Estate.
 
Ricordiamo che la Tares sostituisce la Tia (Tariffa di Igiene Ambientale). Il nuovo tributo è stato introdotto dalla legge 22 dicembre 2011 n. 214

Da alcune simulazioni realizzate presso l' Ufficio studi della Cgia di Mestre parla di cifre preoccupanti: tra versamenti Inps, tassa annuale di iscrizione alla Camera di Commercio, saldo della prima rata Imu 2013, pagamento della nuova Tares (tassa rifiuti), autoliquidazione Irpef (con saldo 2012 e acconto 2013) si rischia di arrivare fino a 25.700 euro circa (per le società di media grandezza con 2 soci e 10 dipendenti).

I sindacati Cgl, Cisl e UIl hanno  calcolato che tra giugno e luglio, lo Stato incasserà 11,6 miliardi di acconto Imu, 14,4 miliardi di saldo Irpef, 4 miliardi di acconto Tares e 1,8 miliardi ottenuti dall'aumento dell'Iva.

Un vero salasso per i lavoratori del settore privato e grandi incassi per le casse dello Stato.

"Peccato" che - ad esempio - fino ad oggi nessuno ha allertato i contribuenti nello specifico sulòla Tares così poco propagandata: troppo presi dalle campagne elettorali e dal caos post elettorale "ovviamente"...
 
Come si calcola la Tares
 
La Tares servirà a coprire non soltanto i costi derivanti dal servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti ma anche di tutti quei cosiddetti servizi indivisibili, come la gestione delle strade, la sicurezza, la manutenzione degli impianti fognari e molti altri ancora sempre di competenza dei Comuni. Saranno proprio le municipalità, stante il regolamento statale, ad introdurre poi eventuali misure per la riduzione del tributo in base alle specifiche situazioni (si pensi ad esempio agli immobili non abitativi o le case di proprietà di persone che vivono all'estero).

Al tempo stesso però saranno sempre i Comuni a realizzare la tariffa applicando sistemi di misurazione puntuale delle quantità di rifiuti conferiti al servizio pubblico. Pagheremo tutti di più, sia coloro che sono soggetti a Tia sia quelli che ancora pagano la Tarsu (oltre l'80% degli italiani), con rincari di 30 centesimi per metro quadro (fino a 40) sulla tassa sui rifiuti attuale. Come se non bastasse, anche la componente rifiuti dovrà aumentare il conto rispetto ad oggi, perché la Tares dovrà finanziare integralmente il costo del servizio rifiuti, cosa che oggi accade solo nei Comuni che applicano la tariffa Tia (circa il 16% del totale).

Cosa significa in concreto ce lo spiega una nota della UIL: la Tares, dovendo finanziare anche il costo dei servizi indivisibili forniti dal Comune, necessiterà di un indispensabile extra sulla spesa, rimborsato ovviamente dai cittadini con la sovratassa di 30 centesimi al metro quadro (o 40, come detto). Queste due aggiunte da applicare alle attuali tariffe Tarsu peseranno mediamente 53 più 27 euro, per un totale appunto di 80 euro di ulteriore spesa. Per l'Imu sulla prima casa, la famiglia media ha pagato 275 euro, mentre di Tares ne verserà 305, quando invece la Tarsu si fermava a 225 euro. Ovvero il 37,5 per cento di spesa in più, 80 euro.

Il primo pagamento dovrebbe avvenire, come detto, a luglio 2013, e in questo caso la Tares si baserà sulle stesse superfici dichiarate ai fini Tarsu o Tia, perché solo quando avverrà lo scambio di informazioni effettivo fra Catasto e Comuni, la tassa assumerà la propria base imponibile effettiva (80% della superficie catastale dell'immobile). Dal prossimo anno la Tares si comporrà di 4 rate, fissate per legge a gennaio, aprile, luglio e dicembre, ma per il 2012 è ormai troppo tardi per questa suddivisione, e allo stato attuale non è ancora chiaro quante altre rate dovremo pagare oltre quella di luglio e (probabile) di dicembre a saldo in base in base alle decisioni dei Comuni. Percorso comune all'Imu, che pone seri interrogativi sulla liquidità dei contribuenti.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 04/10/2022 01:36:29

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Fisco e Tasse

Autore: Emilia Urso Anfuso - Redazione Economia
Data: 15/05/2020
Bonus vacanze 2020: tutte le informazioni utili

Un dato interessante: le perdite economiche subite dal settore ricettivo ammontano a circa 81 milioni di euro.

Leggi l'articolo

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 13/05/2020
Decreto rilancio: rinviata la lotteria degli scontrini

 

La partenza della lotteria degli scontrini, prevista dal 1° luglio 2020, slitterà al 1° gennaio 2021: è quanto si legge nell’ultima bozza del Decreto Rilancio 
Leggi l'articolo

Autore: Andrea Pascale - Redazione Economia
Data: 15/02/2020
Scongiurato l'aumento IVA per bar e ristoranti

Il Presidente di Fipe, Lino Enrico Stoppani: "Ci auguriamo che questa posizione sia mantenuta non tanto per porre fine alle speculazioni e alle voci che ciclicamente ritornano"...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 23/01/2020
Il Vademecum del contribuente 2020 presentato da Unione Fiduciaria

Chi vuole orientarsi nel mondo dei tributi senza perdere le più recenti norme introdotte dall’ultima Legge Finanziaria, deve avere con sé il volume “Vademecum del Contribuente 2020” 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -