Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Stati Uniti: al Senato il dibattito sulle restrizioni per le armi da fuoco

Stati Uniti: al Senato il dibattito sulle restrizioni per le armi da fuoco
Autore: Gabriele Santoro - Redazione Esteri
Data: 10/04/2013 16:41:52

 
Il senato degli Stati Uniti d'America si prepara a dare il primo voto giovedì 11 aprile ad una riforma restrittiva in materia di armi da fuoco, per cercare di porre un limite alla violenza dilagante secondo i dettami del presidente Barack Obama. L'accordo tra il democratico Joe Manchin e il repubblicano Pat Toomey lascia ben sperare Harry Reid, capogruppo dei Democrats, fiducioso nel raggiungimento di una maggioranza qualificata di 60 senatori che possa evitare il fenomeno del filibustering - l'ostruzionismo. L'attuale composizione della camera alta vede infatti 51 seggi per i democratici, 47 repubblicani e 2 indipendenti. La chiave dell'intesa con una fetta del partito dell'elefante per arrivare a questa votazione sta nei cosiddetti background check, controlli preliminari per chi decidesse di comprare un'arma.
 
Ma anche vincendo questa schermaglia l'amministrazione dovrà combattere per ottenere il consenso dei legislatori, sia per implementare gli accertamenti che per bandire le armi da assalto o i depositi ad alta capacità di munizioni, sfidando la campagna della potente lobby Nra – National Rifle Association. "Gli americani meritano che si voti in questa legislatura", commenta Reid dopo un incontro con i compagni di partito per discutere la strategia da attuare. Ma nonostante la pressione dei sostenitori del maggior controllo, le misure rischiano seriamente di essere respinte. Anche se il 90% dei cittadini si dichiara favorevole alle verifiche preventive all'acquisto, i repubblicani temono che questo si tramuti in una sorta di registro nazionale dei detentori, trovando alleati anche tra i democratici degli Stati più conservatori.
 
Obama, nella speranza di riuscire ad indirizzare il voto, si è recato a Newtown, in Connecticut, teatro dell'ultima strage in ordine temporale lo scorso 14 dicembre, quando nella scuola Sandy Hook l'appena ventenne Adam Lanza uccise 26 persone di cui 20 bambini. I genitori delle vittime hanno tenuto degli incontri in forma privata con i senatori di entrambe le fazioni, per "dare un volto alla tragedia", come affermato da Mark Barden, che in quel giorno maledetto perse il figlio di 7 anni. "Molti ne discutono da un punto di vista intellettuale, noi portiamo la prospettiva personale".
 
Joe Biden, vicepresidente e capo del Senato, si è presentato alla Casa Bianca per spingere le parti ad affrontare il prima possibile il dibattito, "non capisco come cento uomini e donne brillanti non arrivino al punto", l'opinione di Biden. "L'apice di questa tragedia potrebbe essere che nemmeno si arrivi al voto? Pensate che immagine daremmo". "Per troppo tempo l'unica voce alta abbastanza da influenzare il Congresso è stata quella della Nra", rincara la dose il sindaco di New York Bloomberg, "ecco come ci siamo ritrovati con leggi inefficaci che hanno alimentato il paese con una violenza epidemica".
 

Secondo le statistiche pubblicate dal Guardian relative al 2012, gli Stati Uniti hanno un totale di 270 milioni di armi da fuoco, con una media di 88,8 ogni 100 persone. Cifre nemmeno lontanamente paragonabili a quelle di nessun'altra nazione, se pensiamo che al secondo posto c'è lo Yemen con il 54,8% e che paesi con una grande tradizione di caccia come Finlandia o Canada si attestano rispettivamente al 45 e 30%. L'Italia, con 7 milioni di armi, ha una media che sfiora il 12%. Per quanto riguarda il numero di omicidi – sempre per arma da fuoco - gli Usa si trovano quinti con oltre 9 mila, dietro Brasile, più di 34 mila, Colombia, Messico e Venezuela, che oscillano tra gli 11 e 12 mila. Nella terra di Zio Sam il tasso di delitti ogni mille abitanti è relativamente basso (2,97) se paragonato all'America centro-meridionale ed in linea con una zona di guerriglia come Gaza. Ma prendendo come parametro l'Europa il tasso schizza dalle 4 alle 60 volte tanto. Nel vecchio continente questo scende abbondantemente sotto l'unità, dal nostro 0,71 passando per lo 0,2 di Spagna e Danimarca, 0,19 per la Germania, fino allo 0,07 di Inghilterra e Galles, 0,06 per la Francia e lo 0,05 della Norvegia, con appena due assassini nell'anno seguente il massacro perpetrato da Breivik, costato la vita a 77 persone.  

 


L'articolo ha ricevuto 4112 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 18/09/2019 18:24:12

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 14/09/2019 07:14:41
Ford: nuovo record per la più grande parata di Mustang

Esemplari di ogni generazione di Mustang, dal lancio dell’iconica auto sportiva nel 1964, si sono radunati presso il Lommel Proving Ground di Ford

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 09/09/2019 06:40:26
Siria: più della metà dei bambini a Idlib rischiano di perdere la scuola

Migliaia di bambini che dovrebbero iniziare l'anno scolastico nella Siria nord-occidentale potrebbero rimanere senza scuola a causa dell'ultima escalation dei combattimenti nella quale sono state colpite o danneggiate 87 strutture scolastiche

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 31/08/2019 18:53:54
Lione, due persone aggrediscono la folla in banlieue: almeno 1 morto e 9 feriti

Almeno una persona è morta, 9 i feriti, tre dei quali versano in condizioni molto gravi. Secondo i testimoni gli aggressori erano in due - uno sarebbe originario dell'Afghanistan.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 05/09/2019 06:12:39
USA: su Amazon 4.152 prodotti vietati. La denuncia del Wall Street Journal

Sono merci che i negozianti al dettaglio sono costretti a togliere dai loro scaffali. Il Wsj ha identificato almeno 157 prodotti che Amazon aveva detto di aver bandito, inclusi materassi che secondo la Food and Drug Administration possono soffocare i neonati.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -