Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Immigrazione  
Rapporto dell’Ue sulla tratta di esseri umani: l’Italia è al primo posto…

Rapporto dell’Ue sulla tratta di esseri umani: l’Italia è al primo posto…
Autore: Gabriele Santoro - Redazione Attualità
Data: 16/04/2013

 

 

Emergono dati preoccupanti dal primo rapporto dell'Unione Europea sul traffico di esseri umani concernente il periodo 2008-2010. Nei paesi dell'area comunitaria è stata stimata la presenza di oltre 24 mila persone ridotte in condizioni di schiavitù, costrette a sfruttamento sessuale, lavori forzati, accattonaggio ed altro. Il numero più alto, poco meno di 6500, pari ad 1/5, si trova in Italia o vi è perlomeno transitato. La maggioranza delle vittime sarebbero di etnia rom, provenienti in particolar modo da Bulgaria e Romania. E si parla di stime al ribasso, visto che la delicatezza della questione rende impossibile identificare ogni soggetto e dunque valutare con precisione assoluta le cifre reali del fenomeno.

 

Ma il traffico non coinvolge, ovviamente, solo paesi dell'est Europa, costanti gli arrivi anche dall'Asia, Cina e Vietnam su tutti, Sudamerica e Africa, specialmente Nigeria. Si calcola che il 62% sia indirizzato allo sfruttamento sessuale, il 25% al lavoro forzato ed il 14% ad altre attività come la vendita di minori, criminalità organizzata, espianto e vendita di organi, per un volume di affari che supera i 30 miliardi di dollari annui, secondo solo – rimanendo nell'illegalità – ai proventi derivanti dalla droga. Le donne sarebbero il 68%, il 25% i minori.

 

L'Unione Europea ha cercato di porre un freno alla situazione, attraverso la direttiva n. 36 del 5 aprile 2011, sulla prevenzione e repressione della tratta di esseri umani e la protezione delle vittime, ma al 6 aprile 2013, termine ultimo per convertire la normativa in legge nazionale, soltanto sei Stati membri l'hanno adottata, Repubblica Ceca, Lettonia, Finlandia, Ungheria, Polonia e Svezia. Un'indolenza diffusa che ha stizzito le istituzioni continentali, con il commissario europeo per gli Affari interni Cecilia Malmstrom molto critico verso il mancato recepimento.

 

La direttiva definisce le norme minime comuni per determinare i crimini connessi alla tratta di esseri umani e fissarne le relative pene. Per sfruttamento viene intesa una forma di coercizione sulla persona attraverso minacce, uso della forza, frode o rapimento, indipendentemente dal consenso che può conseguirne. Sono punibili anche l'istigazione, il concorso, il favoreggiamento ed il tentativo, con la reclusione dai cinque fino ai dieci anni qualora vi siano le aggravanti di reati contro soggetti vulnerabili, tra cui i minori, contesti di organizzazioni criminali, violenze particolarmente gravi e causa di pericolo o pregiudizio verso la vittima. Nonostante ciò, il numero di condannati è calato del 13%, da 1534 a 1339 nel triennio 2008-2010 preso a riferimento.

 

Sono previste anche forme di assistenza e sostegno a carico dei singoli Stati, nel corso e dopo la fine del procedimento penale, per permettere ai soggetti l'esercizio dei diritti loro conferiti dalla posizione di vittima. In particolare si parla di fornitura di un alloggio, cure mediche, informazioni e servizi. Per le categorie vulnerabili ci sono misure aggiuntive, come il supporto psico-sociale e, per i minori, l'accesso all'istruzione e la possibilità di designare un tutore o rappresentante. Relativamente alla prevenzione, viene chiesto di scoraggiare la domanda attraverso lo svolgimento di campagne di sensibilizzazione, la formazione di funzionari che entrino in contatto con le vittime della tratta, la costituzione a reato della condotta di chi ricorre a servizi delle vittime stesse.

 

Le Nazioni Unite già nel 2000 avevano promulgato la Convenzione contro il crimine organizzato transnazionale, la cosiddetta Convenzione di Palermo, per intervenire nel sistema di norme sulla tratta di esseri umani. Nel 2007 è stato lanciato l'UNGIFT, progetto globale dell'Onu in collaborazione con l'Organizzazione Internazionale del Lavoro (Oil), l'Organizzazione Internazionale delle Migrazioni (Oim), l'Unicef, l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani e l'Osce – Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa. La strategia richiede una coordinazione delle risorse e l'accrescimento di conoscenza e consapevolezza, provvedendo con assistenza tecnica e giuridica per creare una sinergia  in grado di sviluppare efficaci strumenti di intervento. L'obiettivo è la riduzione della domanda di sfruttamento, assicurando protezione adeguata alle vittime e un appropriato processo agli imputati, dove la certezza della pena sia garantita.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/02/2020 18:57:05

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Immigrazione

Autore: Redazione Esteri
Data: 18/10/2019
Libia: chiude il centro di detenzione di Misurata. Profughi e migranti in condizioni inumane

Uomini, donne e bambini arbitrariamente detenuti per mesi e in molti casi per anni, con poco accesso a cibo, acqua e accesso all’aria, saranno esposti alle stesse condizioni disumane. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 12/10/2019
Roberta Pinotti (PD): 'L'Europa deve far sentire la propria condanna alla Turchia'

“L’Europa deve far pesare la propria indignazione e condanna con delle sanzioni economiche nei confronti della Turchia”

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Esteri
Data: 11/10/2019
Siria: la Turchia all'attacco dei curdi. Erdogan 'Vi invieremo 3,6 milioni di rifugiati'

Secondo il rapporto delle forze curde 5 soldati turchi sarebbero rimasti uccisi. Nel frattempo ad Ankara è scattata un'inchiesta per "propaganda del terrore" e le indagini si concentrano i leader filo-curdi.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 02/09/2019
Venezuelani in Brasile: migliaia di migranti e richiedenti asilo in condizioni precarie nel Roraima

Migliaia di persone in fuga dal Venezuela devastato dalla crisi vivono in condizioni del tutto precarie nello stato brasiliano del Roraima, principale punto di ingresso dal Venezuela al Brasile, dove faticano anche a trovare cure mediche adeguate. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -