Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Politica Italiana  
Politica: la paralisi del rinnovamento...

Politica: la paralisi del rinnovamento...
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 18/04/2013

 

Per decenni in Italia, la popolazione ha lasciato che la politica procedesse in un solo senso: quello – del tutto insensato – di far tabula rasa di qualsiasi concetto aderente al fondamento stesso della parola "Politica"

Si è lasciato fare. Si è permesso che negli ambienti in cui si dovrebbe gestire la vita di ogni singolo cittadino attraverso una oculata e saggia amministrazione delle risorse economiche costantemente sottratte alle tasche della popolazione, ed attraverso regolamentazioni che sostengano i diritti civili, si potesse invece fare altro.

Altro rispetto al ruolo che doveva essere imposto. Altro rispetto al rispetto per ogni singolo componente della cittadinanza. Altro e basta.

Si è concesso a coloro che bene hanno pensato di intraprendere "carriere" politiche, di non fare politic aper il Paese ma per il bene di se stessi. Per accaparrarsi un potere che è all'antitesi del fondamento di Politica in Regime di Democrazia. Forse molti, pensano che la parola "Regime" significhi dittatura, sbagliando totalmente e procedendo verso un senso contrario a qualsiasi regola civile e democratica.

Dovevamo in effetti essere una Repubblica in Regime Democratico. Abbiamo permesso che l'Italia fosse una Repubblica in Regime di potere politico. Una follia in tutti i sensi che, con l'approvazione di quasi tutti, è divenuta una realtà.

In Italia ancora oggi c'è troppa gente che non è in grado di capire, di comprendere le differenze, di fare confusione con le parole: questa diffusa ignoranza – ignora colui che non sa – ha permesso per anni di giungere alla schizofrenica condizione attuale.

Siamo una nazione in Regime di aberrazione totale di qualsiasi concetto vicino a concetti tipicamente legati a una politica degna di portare questo nome.

Per decenni, si è permesso di far si che la cosiddetta "dirigenza" del paese divenisse sempre più dirigente e reggente e la popolazione sempre meno sovrana, libera e dignitosa.

Se si fa poi una analisi breve di come questo sia potuto accadere, non si può non cadere nell'imbarazzo completo: l'Italiano medio infatti, si nutre di parole. Parole senza contenuto. Parole su parole che lasciano spazio solo ad altre parole.

In Italia la popolazione media viene attratta ancor oggi, e nonostante le palesi contraddizioni quotidiane fra le parole dette e i conseguenti fatti mai messi in atto, dalla melodia dei suoni. Una sorta di musica magica che riesce a penetrare nei neuroni, avviluppare l'intero sistema nervoso centrale fino a renderlo perdutamente schiavo di una malattia che oggi appare quasi incurabile.

Per quanto tutto il parterre politico abbia mostrato la parte più indecente di se stesso, l'italiano medio segue le onde, le vibrazioni, i suoni, le voci di quegli stessi individui che tutti hanno portato al disastro.

Il politico medio italiano può tutto: rubare, reiterare furti di denaro pubblico, corrompere, essere corrotto, mantenere un alto livello di nepotismo all'interno del proprio entoruages, guadagnare – senza lavorare – cifre da cardiopalmo, spendere e spandere mentre si chiede al paese di fare la fame, comprare titoli accademici – e di conseguenza rendere possibile l'infame atto di millantato titolo – e tante altre cose che a me, cittadina normale perché onesta, nemmeno vengono tutte in mente.

Ma c'è di più. Nonostante l'orda satanica che ha avviluppato il mondo politico a suon di inchieste, scandali di ogni tipo, corruzioni e collusioni con tutte le cosche malavitose, sono tutti li. Sempre e per sempre compatti, coesi e particolarmente incollati alle solite poltrone.

Ci viene negata la Politica, la pluralità, la sinistra e il concetto di destra o centro. Hanno fatto una spianata totale di tutto. Ci negano governi e Presidenti della Repubblica degni di questo nome. Ci costringono ad agognare un po' di ossigeno per continuare a vivere. E Leggi che sostengano e non uccidano la popolazione.

Tengono tutti col fiato sospeso. In attesa di non si sa bene cosa. Né quando. Un perenne attendere qualcosa che non arriverà mai più: la decenza mista alla dignità.

E' aberrante stare a guardare. Ascoltare frasi di cittadini che nonostante tutto stanno sperando davvero di venir tratti in salvo dai propri peggiori nemici, colpevoli tutti peraltro di aver cagionato i danni che promettono di risolvere.

L'avvento del "nuovo che avanza" è servito. A paralizzare tutto. Ogni partito politico italiano ha fatto percepire alla popolazione una grande, immensa, incredibile volontà di rinnovamento. Parola che oggi ha sostituito la ormai obsoleta "democrazia" che veniva sparata come attraverso mitragliatrici impazzite contro la folla.

Oggi, va di moda il "rinnovamento". La parola però, non la pratica. Al grido di rinnovamento, hanno paralizzato un intero Paese, palesando non solo l'assoluta mancanza di volontà di rinnovarsi davvero, ma l'incapacità di uscire onestamente da ruoli indegni che hanno il solo scopo di affossare ancora ed ancora un paese alla canna del gas.

Non devono nemmeno sbattersi più di tanto a livello comunicativo per convincere quasi tutti che è realmente in atto una "rivoluzione" del sistema: il massimo che fanno – sapendo che molto spesso basta – è mandare nei talk show politici qualche matricola, un qualche neo laureato cui fanno imparare la scaletta a memoria mentre "loro" continuano indisturbati a mietere vittime civili, stringere e cessare accordi, sostenere il proprio potere, marcare territori più ampi.

La paralisi del rinnovamento è il nuovo Regime di una Repubblica mai iniziata e per questo mai evoluta e mai definita.

C'è chi ama pronunciare frasi come "Prima Repubblica e seconda Repubblica". Io vedo solo una nazione da sempre allo sfascio, mai ricostruita dal dopo guerra, mai sviluppata davvero se non per quei periodi in cui alcuni italiani hanno potuto avere qualche agevolazione da molte maniche larghe in campo finanziario: erano i tempi in cui le banche, che si preparavano a cambiare destinazione d'uso (…), concedevano crediti, anche troppi. Per poi – all'improvviso – chiudere tutte le bocchette dell'aria e rendere schiava una intera cittadinanza. Con il sostegno coeso e compatto del mondo politico. Che oggi prende ancora tutti in giro usando la nuova parola del momento: "Rinnovamento"…

Creative Commons License
Politica: la paralisi del rinnovamento... by Emilia Urso Anfuso is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.
Based on a work at http://www.gliscomunicati.com/content.asp?contentid=2586.


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 02/06/2020 05:44:26

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Italiana

Autore: Editoriale di Sergio Ragaini
Data: 24/05/2020
Nessun diritto: solo concessioni

L’idea di scrivere questo articolo mi è venuta da una riflessione su quanto sta accadendo in questyo periodo. E, soprattutto, dall’articolo 16 del Decreto “Cura Italia”. 

Leggi l'articolo

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 21/05/2020
COVID-19 - Campania: da oggi riaprono i ristoranti

Da venerdì invece riapriranno le aree mercatali non più soltanto per i generi alimentari. Si dà mandato alle amministrazioni comunali di predisporre i previsti dispositivi di sicurezza nei mercati stessi.

Leggi l'articolo

Autore: Paolo Russo - Redazione Politica
Data: 19/05/2020
Regione Campania: Turismo e Cultura, de Luca: 'Parola d'ordine Campania Sicura'

Il Presidente Vincenzo De Luca, insieme con l'Unità di crisi, ha incontrato oggi i rappresentanti degli operatori del comparto del turismo e successivamente i rappresentanti del mondo della cultura e degli spettacoli della Campania. 

Leggi l'articolo

Autore: Primo Mastrantoni - Redazione Politica
Data: 17/05/2020
Coronavirus: per appurare le responsabilità della Cina serve una commissione internazionale

Le esportazioni italiane verso l'Europa valgono qualcosa come 311 miliardi di euro e verso la Cina 13 miliardi di euro. Una differenza abissale.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -