Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Nera  
Pesaro: un'altra donna aggredita. Rischia di perdere la vista

Pesaro: un'altra donna aggredita. Rischia di perdere la vista
Autore: Teresa Corrado - Redazione Cronaca
Data: 19/04/2013 16:17:50

 

 

(Video: Professoressa Fabiana Falato - Relatore ad un seminario sulla violenza alle Donne)

Ancora un atto vandalico nei confronti delle donne, ancora un gesto che molti non si riescono a spiegare, ma che accade sovente, ormai è pura formalità. Una donna, avvocato, è stata sfigurata al volto dall'acido e adesso è ricoverata in ospedale, dove i dottori cercano di salvarle la vista. Una tragedia che colpisce come sempre le donne.

Lucia Annibali, martedì sera era rincasata a casa, come sempre, ma all'interno ha trovato una sgradita sorpresa. Qualcuno la stava aspettando e non ha avuto pietà di lei, riversandole sul viso dell'acido e poi è fuggito. Richiamata dalle grida, una vicina ha soccorso la donna che trasportata d'urgenza in ospedale è stata assistita immediatamente.

La donna, non appena ha potuto parlare con i carabinieri, ha fatto il nome di un suo ex, anche lui avvocato, L. V. di 36 anni che è stato immediatamente fermato e lo ancora adesso. L'uomo aveva avuto una relazione con la Annibali, poi terminata, ma nei giorni scorsi era stato visto all'interno del palazzo. Nessuno aveva messo in discussione la sua presenza proprio a causa della relazione che era conosciuta.

Secondo le prime indagini, però, l'uomo non sarebbe l'esecutore materiale del gesto, ma solo il mandante, poiché al momento dell'aggressione, era impegnato in una partita di calcetto, con testimoni che hanno confermato il suo alibi. Una vita fermata da chi non vuole rassegnarsi ad una separazione, da chi non riesce a comprendere che se una donna dice basta non significa che voglia essere inseguita, ma solo lasciata in pace per riprendere la sua routine.

Una conferma per ciò che riguarda le aggressioni alle donne, dove gli ex continuano ad essere i persecutori principali, senza alcuna distinzione di ceto sociale. A questo si aggiungono anche le possibilità, di alcune persone, di dare l'incarico ad altri, per cercare di uscirne puliti. Una catastrofe sociale che sta intaccando la sicurezza delle donne, che molto spesso, per autonomia, vivono, giustamente, da sole. Ma non è nemmeno questo fattore ad aumentare la pericolosità delle aggressioni, perché uomini del genere, non si fermano dinanzi a niente e nessuno, come dimostrano fatti di cronaca passata.

La richiesta è quella di un inasprimento della pena o di un controllo maggiore verso chi agisce in modo violento verso le donne, costringendole a subire violenza, ricatti e soprusi. Non è possibile e nemmeno immaginabile che una vita possa essere distrutta da qualcuno per gelosia o perché non si riesce a rassegnarsi all'abbandono.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 18/11/2019 10:31:36

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Nera

Autore: Emilia Urso Anfuso - Redazione Economia
Data: 27/08/2019 06:05:36
Rinunciare al reddito di cittadinanza: ecco come fare

Il reddito di cittadinanza, in Italia, è fonte di parecchie discussioni negli ambienti politici ma anche tra la società civile. C

Leggi l'articolo

Autore: Il DIrettore: Emilia Urso Anfuso
Data: 09/05/2014 22:35:09
La trattativa tra Stato e Gomorra

Lo scrittore Roberto Saviano in un’immagine d’archivio del maggio 2007 durante la presentazione del suo libro ‘Gomorra’ a Berlino.
Quasi due milioni di euro con una media per sala quasi ‘invernale’ di 4.442 euro: per Gomorra, il film di Matteo Garrone tratto dal best seller di Roberto Saviano, in corsa a Cannes per la Palma d’oro, e’ subito successo al box office italiano.

Leggi l'articolo

Autore: Teresa Corrado - Redazione Cronaca Nera
Data: 12/08/2013 17:52:37
Omicidio di Lucia Bellucci: il corpo ritrovato nell ' auto dell ' ex

Il ritrovamento a Pinzolo, in provincia di Trento, del cadavere della trentunenne Lucia Bellucci, è stato ritrovato all’interno del portabagagli dell’auto del suo ex fidanzato.

Leggi l'articolo

Autore: Max Murro - Redazione Cronaca
Data: 12/08/2013 12:52:29
Genova: donna di 46 anni sfregiata con l'acido

Ha 46 anni la donna sfregiata stamani da un uomo con un getto di acido muriatico al volto ha riportato una profonda lesione alla retina di un occhio e ustioni sul viso, sulle labbra e sulle braccia.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -