Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Somalia: ucciso un Giornalista a Mogadiscio

Somalia: ucciso un Giornalista a Mogadiscio
Autore: Teresa Corrado - Redazione Cronaca
Data: 22/04/2013

La vita delle persone che hanno scelto di fare giornalismo, si sa, è molto dura. Ma lo è ancor di più, quando si fa questa professione con passione e ci si dedica ad argomenti impegnativi, alla ricerca della verità, alla giustizia. Perché, facendo questo mestiere, in molti ci lasciano la vita, aggrappandosi a quegli ideali che si cerca di trasmettere attraverso le parole.

Mohamed Ibrahim Rager era un giornalista investigativo che lavorava per la televisione nazionale e per Radio Mogadiscio, uno di quelli che danno fastidio ai poteri forti o a quelli che comandano, perché fanno troppe domande, investigano troppo a fondo e lasciano spesso che il dubbio si insinui nella mente delle persone. Un giornalista che fa questo per passione, come ce ne sono tanti in molti paesi del mondo, e si, anche in Italia. Solo che Mohamed Ibrahim Rager era un giornalista somalo e lavorava, dopo anni di esilio in Kenya e Uganda, nel suo paese.

Il reporter personaggio scomodo, è stato ucciso a colpi di pistola nei pressi della sua abitazione a Mogadiscio, freddato come tre suoi colleghi. Lui è il quarto giornalista che viene ucciso dall'inizio dell'anno in Somalia. ma la Somalia è troppo lontana dai mass media europei. È un paese che non riesce a superare le lotte tribali di potere, che non è riuscito a superare tutte le incomprensioni e vive in una eterna lotta interna che non fa più notizia, perché è diventata normalità. È normale che si continui la guerra, è normale che la maggior parte della popolazione muoia di fame, è normale che ci sia la carestia, dove milioni di bambini muoiono lungo le strade, stremati e senza acqua, ma non è normale che ci siano persone che cercano di battersi contro le ingiustizie.

È alta l'attenzione del sindacato nazionale dei giornalisti del paese del Corno d'Africa, poiché la morte di quattro reporter dall'inizio dell'anno, sembra proprio una strage, un modo per massacrare e mettere paura a chi, invece, continua a svolgere il proprio lavoro per informare.

È proprio vero che alle mafie, alle dittature, le parole fanno paura, perché si insinuano nella mente delle persone e alla fine risvegliano i loro animi diventando avversari implacabili contro cui combattere.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 20/01/2021 01:48:41

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 27/05/2020
Traffico di droga: le società fantasma dei cartelli messicani

La rete più articolata, e che riguarda uno degli importi più elevati da record, è stata scoperta dall'Unità di informazione finanziaria (FIU) del Tesoro nel 2014.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 14/05/2020
Afghanistan: attacco a un reparto maternità di Kabul

I primi momenti della vita di un neonato dovrebbero trascorrere tra le braccia di sua madre, non in un ospedale in fiamme con proiettili e bombe che piovono...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/05/2020
Allarme Interpol: droga consegnata domicilio con il cibo

Le organizzazioni criminali stanno ricorrendo ai servizi di consegna di cibo per trasportare la droga e altre sostanze illecite, mentre i Paesi sono in preda al lockdown a causa della pandemia globale di Covid-19. 

Leggi l'articolo

Autore: Di Luca De Rossi - Redazione Esteri
Data: 07/05/2020
Coronavirus: in Olanda aumenta l'uso di cannabis a causa dell'isolamento forzato

Il consumo di cannabis in Olanda e’ aumentato durante la crisi causata dall’avvento del coronavirus.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -