Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Arabia Saudita: il fine settimana slitta per adeguarsi all'Occidente

Arabia Saudita: il fine settimana slitta per adeguarsi all'Occidente
Autore: Gabriele Santoro - Redazione Esteri
Data: 23/04/2013

 
                        (Video: milioni di pellegrini alla Mecca)
 
Ci sono voluti sei anni di studi e dibattiti, alla fine il Consiglio consultivo della Shura dell'Arabia Saudita – organismo senza poteri legislativi, riservati al monarca, ma con facoltà di sottoporre proposte di legge – è giunto ad una conclusione che può trasformare le abitudini del paese. È stato infatti raccomandato al governo di far slittare il fine settimana da giovedì-venerdì a venerdì-sabato, in modo da avere un maggior numero di giorni feriali condivisi con l'occidente e rilanciare così l'economia. Anche se poi, di fatto, molti impiegati nelle compagnie saudite hanno ammesso di lavorare nel loro weekend, proprio per condurre normali rapporti con gli altri paesi.

 

Nel 2007 l'ipotesi fu scartata, considerata un'inaccettabile compromissione dei principi di fedeltà alla base di una nazione dove il Corano e la Sunnah (in senso lato "codice di comportamento") sono la Costituzione, come recitato dall'articolo 1 della Legge Fondamentale. Di diverso avviso erano i vertici economici, dato che il fine settimana così come strutturato paralizza il commercio e le attività bancarie, con i mercati globali che condividono appena il 60% del tempo con le istituzioni finanziarie saudite. Solo Yemen ed Oman, tra i paesi islamici, mantengono gli stessi giorni di riposo, ma anche qui la situazione potrebbe cambiare.

 

Il parere della Shura non è vincolante, ma resta un segno evidente delle trasformazioni in atto. Ogni modifica dovrà passare per gli uomini d'affari legati alla monarchia, secondo quanto sostiene il portavoce della Camera di Commercio e dell'Industria di Jeddah, "solo allora la proposta sarà esaminata dalla Camera di Consiglio e arriverà ufficialmente al ministro del Commercio". "Tutto questo porterebbe enormi benefici al settore privato, che ora ha un peso vicino al 50% dell'economia araba", commenta John Sfakianakis, uno dei vertici della Banque Saudi Fransi, "li unirà al resto del mondo, perdendo solo un giorno lavorativo anziché due. La settimana da sabato a mercoledì non è efficiente nell'attirare investitori nel più grande mercato azionario e finanziario del Medio Oriente".

 

In realtà le motivazioni religiose dell'opposizione a questa riforma non hanno una vera radice storica. La suddivisione attuale del calendario settimanale risale solamente agli anni Ottanta. Nel Corano, più precisamente nella sura numero 62 denominata Al-Jamu'a, il venerdì è indicato come "giorno dell'adunanza", l'incontro settimanale dei fedeli per la preghiera, ma nessuna parola è spesa riguardo al giovedì o al sabato come festivo e di riposo.

 

Non è la prima volta che l'Arabia Saudita si trova nella morsa fra tradizione e modernità. I vistosi nuovi grattacieli della Mecca, tentativo di attrarre turismo danaroso e pronto allo shopping in aggiunta ai milioni di pellegrini, ha in passato acceso la discussione su come bilanciare l'antica eredità della città con il suo potenziale commerciale. Per molti, una dicotomia che nasconde una più profonda e complicata sorta di crisi di identità nazionale. Ad ogni modo tutto continua a piccoli e lenti passi, specie se paragonati alla rapida esplosione di Dubai e degli altri Emirati.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 23/01/2021 10:50:23

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 27/05/2020
Traffico di droga: le società fantasma dei cartelli messicani

La rete più articolata, e che riguarda uno degli importi più elevati da record, è stata scoperta dall'Unità di informazione finanziaria (FIU) del Tesoro nel 2014.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 14/05/2020
Afghanistan: attacco a un reparto maternità di Kabul

I primi momenti della vita di un neonato dovrebbero trascorrere tra le braccia di sua madre, non in un ospedale in fiamme con proiettili e bombe che piovono...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/05/2020
Allarme Interpol: droga consegnata domicilio con il cibo

Le organizzazioni criminali stanno ricorrendo ai servizi di consegna di cibo per trasportare la droga e altre sostanze illecite, mentre i Paesi sono in preda al lockdown a causa della pandemia globale di Covid-19. 

Leggi l'articolo

Autore: Di Luca De Rossi - Redazione Esteri
Data: 07/05/2020
Coronavirus: in Olanda aumenta l'uso di cannabis a causa dell'isolamento forzato

Il consumo di cannabis in Olanda e’ aumentato durante la crisi causata dall’avvento del coronavirus.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -