Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Lettere al Direttore  
Lettera al Direttore di una professoressa rappresentante della comunità armena

Lettera al Direttore di una professoressa rappresentante della comunità armena
Autore: Prof.ssa Barbara Grassi Najarian
Data: 27/06/2013 11:03:35

 
Abbiamo ricevuto una nuova lettera iniviata al nostro Direttore Emilia Urso Anfuso: la Professoressa ha chiesto che potesse essere pubblicata e di seguito potete leggere il testo e le motivazioni
 

Gentile Direttore


Sono un'insegnante di italiano e storia della scuola secondaria di secondo grado di origini armene. Non ho potuto in quanto docente e in quanti discendente di un fiero popolo martire della chiesa cristiana non rimanere ferita dalle affermazioni rilasciate a mezzo stampa da un alto funzionario del MIUR, il prof. Luciano Favini, che nel commentare le possibili tracce dei temi della maturità ha testualmente affermato l'impossibilità di proporre "un tema storico sul genocidio degli armeni che va a colpire la particolare sensibilità della Turchia".


Lasciando stare i miei sentimenti di armena, da docente ho sempre cercato di far capire ai miei alunni come ai miei figli quanto sia prezioso saper ammettere le proprie colpe e che gesto meraviglioso sia chiedere scusa. Ho insegnato che nascondere la propria colpevolezza non renda automaticamente innocenti e che imparare a confessare da ragazzi forse un giorno renderà migliore la nostra società.

Ora, ricordando che il Parlamento italiano nel 2000 ha votato, al pari di numerose altre istituzioni internazionali, una risoluzione di riconoscimento del genocidio armeno, come devo commentare, come posso giustificare le parole di un alto funzionario della pubblica istruzione che si preoccupa di tutelare la sensibilità del negazionismo?

 

Como posso rimproverare un alunno colpevole che scarica la colpa sul vicino a cuor leggero quando nessun ministro riprende il prof. Favino che ritiene più giusto non urtare i sentimenti di chi alimenta una menzogna? Siamo davvero una tribù di così poca importanza noi armeni? Un milione e mezzo di morti, bambini e donne trattati come spazzatura non devono davvero aver mai uno sguardo di pietà da nessuno?


La verità caro professor Favino, caro Ministro Carrozza, è più importante di tutto, la si può negare, si può fingere che non esista, si possono pagare storici per riscriverla, ma rimane sempre verità. Ho visto commissari all'esame di maturità assegnare zero a chi si era permesso di fare una tesina sulle foibe, anteponendo bieche motivazioni politiche allo sterminio dei propri fratelli italiani per mano straniera e ora vedo funzionari preoccuparsi della suscettibilità del negazionismo e non di quella dei figli e nipoti di ex bambini violentati, resi orfani e profughi, zittiti e umiliati per 98 anni.


Ma cosa vogliamo insegnare?

 

Prof.ssa Barbara Grassi Najarian

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 17/11/2019 14:46:42

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Lettere al Direttore

Autore: Un lettore di nome Stefano
Data: 19/02/2014 20:30:40
Lettere al Direttore -. Dal mondo dei farmaci perduti: la Cannabis - con VIDEO

Quindi dopo essermi informato via internet cercai di fare chiarezza e di parlarne con il mio medico specialista. Purtroppo il dottore si dimostrò reticente all’argomento e ciò che è peggio disinformato, comunque mi promise di fare ricerche. A quel punto venni dimesso, al cortisone venne aggiunta una terapia a base di interferone. 

Leggi l'articolo

Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 16/08/2013 07:41:37
Un bel commento all'articolo La crisi di chi

 Riceviamo e publichiamo in questa sezione un lungo commento di Provedel all'articolo del direttore "La crisi di chi".

 

"La tua diagnosi è condivisibile.

Il "potere" esiste anche se oggi con lo sviluppo della rete si aprono ampie falle nelle quali inserirsi per far viaggiare idee diverse, soluzioni diverse e nuovi modelli interpretativi del potere stesso. Tu in questo articolo proponi la tua visione e diagnosi. L'Italia è un paese che ha ben identificabili e identificati punti di debolezza che purtroppo oggi vengono ancor più manipolati dai sistemi di potere per scopi anche assurdi o controintuitivi; 

Leggi l'articolo

Autore: La Redazione
Data: 06/06/2013 11:53:25
Lettera al Direttore sui bambini dimenticati in auto: in Germania le scuole controllano...Gentile Direttore, sono un cittadino tedesco che vive a Venezia. Le scrivo dopo aver letto l’ennesimo caso di un bimbo “dimenticato” in auto dal padre. In Germania – come in ogni paese civile - vale la seguente procedura: Quando un bimbo non arriva a scuola e la famiglia non ha avvisato, la scuola chiama i genitori e chiede chiarimenti.
Leggi l'articolo

Autore: Piero Tucceri
Data: 08/05/2013 14:43:49
Lettere al Direttore - Il sistema nega la Libertà, non il denaro...In questo inquietante scenario si colloca l’iniziativa intrapresa in difesa dell’impiego del denaro contante nella regolazione delle ordinarie transazioni economiche. Essa si propone pertanto come manifestazione di civiltà, anziché come mera diatriba volta ad affermare la prevalenza di una modalità di pagamento su un’altra.
Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -