Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
La trattativa fra Stato e Mafia e l'altare sacrificale sul quale viene offerta la popolazione inerme

La trattativa fra Stato e Mafia e l'altare sacrificale sul quale viene offerta la popolazione inerme
Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 06/07/2013

 

(VIDEO: Luigi Bonaventura, boss pentito delle 'ndrine, parla delle pressioni della Comunità europea sull'Italia per interrompere la scia di sangue all'indomani della strage di Duisburg del 15 agosto 2007)

Da molto tempo si parla della trattativa fra Stato e Mafia.
Molti non sanno di cosa si tratti. Molti altri, sanno bene di cosa si tratta ma nonostante ciò, limitano il raggio di azione di tale infame patto “d’onore” fra “uomini d’onore” a pratiche che si immaginano essere di “alleanza e non belligeranza” nei confronti delle istituzioni.

 

Si fa risalire la trattativa al periodo più infuocato nella storia d’Italia in cui troppo spesso sono state fatte brillare cariche enormi di dinamite che hanno fatto a pezzi non solo i corpi di chi la Mafia stava tentando di sconfiggere ma anche quel criterio costituzionale per cui lo Stato dovrebbe essere garante della sicurezza ma anche dello stato di dignità dei cittadini che rappresenta.

 

Peraltro è "ingiusto" (la Mafia bisogna ricordare sempre che è e resta siciliana e con la parola Mafia non si dovrebbe indicare genericamente la malavita organizzata) parlare solo di "Trattativa Stato/Mafia" perchè la trattativa e i patti che da essa sembrano risultare, comprendono anche le cosche malavitose della Camorra e della 'Ndrangheta nonchè della Sacra corona riunita di cui si è sempre parlato molto poco.
Generalizzare, specialmente in tali ambiti, non può che nuocerci ulteriormente.

Eppure, c’è qualcosa di altro . Ed è quasi stupefacente che non si arrivi a comprendere collettivamente come nella realtà dei fatti la trattativa fra Stato e Mafia non sia un patto di non belligeranza fine a se stesso, teso a stabilire un punto di arresto sulle azioni criminali intese come atti terroristici contro personaggi delle istituzioni. O almeno: questo è stato il punto di avvio della trattativa.

 

La trattativa anche per la cancellazione del 41bis – evidentemente andata in porto – non è assolutamente ciò che le cosce malavitose organizzate hanno ottenuto unicamente in cambio dello spegnersi delle micce.

 

Ciò che è avvenuto realmente, ed è mostruoso in tutti i sensi, è stato un accordo fra lo Stato Italiano e le cosche malavitose che hanno raggiunto i loro veri scopi: ottenere il controllo totale sulla commercializzazione di droga, sulla gestione del gioco d’azzardo, sul controllo - totale - degli appalti di qualsiasi genere, sulla gestione della prostituzione, sull’organizzazione e controllo del lavoro nero riferito agli immigrati, sulla gestione della sanità, sull’organizzazione e le decisioni di ogni ordine riferite alla politica, sul commercio di qualsiasi genere.

 

Come si è perpetrato questo quadro aberrante : attraverso la corruzione che ha fatto si che la politica nazionale si prostituisse - di fatto - alla malavita organizzata che – in molti casi pagando i soggetti coinvolti, in altri ordinando cosa debba essere fatto, per il “bene della grande famiglia”.

 

Evidentemente le prove di ciò che ho scritto non sono occulte : a chi sembra “normale” che annualmente lo Stato sciorini dati sull’evasione fiscale della “Mafia” che raggiunge cifre che a mio parere non sono nemmeno reali e si parla di circa 100 miliardi l’anno… Lo Stato lo sa. E’ qui il cavillo macroscopico che fa comprendere che, se lo sa e lo dice, vuol dire che lo ammette e lo accetta.

 

E come si poteva altrimenti giungere all’aberrazione di creare grave dipendenza da gioco d’azzardo – la chiamano pure ludopatia, quando di “ludico” non trovo nulla – sapendo che nella realtà dei fatti sono poche le macchinette dei giochi elettronici gestite effettivamente dallo Stato e non possiamo poi controllare e verificare la gestione delle somme che lo Stato evince attraverso la miriade di giochi a premio istantaneo.

 

Parliamo di Sanità. Ormai completamente corrotta la sua gestione pubblica. Interamente regalata a pochi privati sempre in odore di corruzione, sia nel mondo laico che clericale. Messa poi nelle sapienti mani organizzative e gestionali di organizzazioni come Comunione e Liberazione che detiene ormai il controllo della privatizzazione massiva della sanità pubblica ma si sa: la Mafia è anche molto, molto cattolica…

 

Che dire della gestione della prostituzione? Lo Stato sa, ma all’atto pratico non fa nulla. Così come sa benissimo che l’immigrazione che da decenni è uno degli assilli del nostro paese, sono in realtà “chiamate al lavoro nero” ben organizzate. Vogliamo forse dire che lo Stato non si accorge del fenomeno? Non sa che ci sono migliaia di clandestini pagati con un pugnetto di riso e costretti a vivere – quando va bene – dentro baracche prove di qualsiasi minima regola igienica? Lo sa, eccome se lo sa.

 

Capitolo appalti : vi serve forse che vi sciorini il lunghissimo elenco di scandali legati ad appalti truccati? No, non credo vi serva. Pensate anche ai terremoti: la mano della Mafia piuttosto che dello Stato, gestisce tutto l’apparato e coloro che – istituzionalmente – dovrebbero prendersi carico degli eventi di tal genere.

 

Il commercio , dalle bancarelle nelle strade alle attività commerciali, è ormai corrotto da un lato dalla costante limitazione della possibilità di proseguire il cammino delle attività – tasse sempre più alte, normative su normative che limitano di fatto qualsiasi libertà di gestione dei commercianti.

 

Provate a pensare ad esempio, alla messa in vigore dell’ HCCP per ciò che riguarda il settore alimentare e della ristorazione. Ricordo perfettamente come tutto fosse completamente folle. Ma come tutto mirasse solo a far pagare più tasse e a far comprare macchinari di ogni tipo ma “a norma di legge” come ad esempio il periodo degli “abbattitori di temperatura” costosissimi e “assolutamente” necessari per le nuove regolamentazioni in vigore.

 

Morivamo di atroci infezioni e gravi malattie riconducibili alla scarsa igiene prima dell’avvento di questa sequela di assurde imposizioni? No. Io ho avuto in famiglia parenti stretti proprietari di Bar e Ristoranti. Ricordo con quanto amore si preparavano panini e tramezzini con le proprie mani e alla luce del sole, davanti a tutti e di come i clienti li mangiassero di gusto e tornassero sempre in piena e vigorosa salute…
Gli abbattitori di temperatura, così come tutta la miriade di normative quasi tutte atte a far comprare qualcosa per essere a norma di Legge, sconfinano troppo facilmente nell'individuazione di un solo impiccio: obbligare all'acquisto di articoli "presumibilmente" commercializzate da aziende...Amiche di chi crea queste normative. Gente cui non credo importi un fico secco della "salute" della popolazione, visto ciò cui stiamo assistendo sul tema della "salute nazionale"...

Siamo ormai all’assurdo. La fame di soldi e potere ha eroso totalmente ogni cellula di ogni singolo personaggio istituzionale della nostra nazione.

 

L’unica “Costituzione” che ravvedo molto chiaramente, è quella di questa organizzazione ibrida che come immagine esterna ha ancora la sfrontatezza di farsi chiamare “Stato” ma che realmente si chiama “Buongiorno, siamo la criminalità organizzata”.

 

Tutto è stato corrotto dalla corruzione di un patto fondamentale: quella fra Stato e cittadini. Era un patto che ritenevamo indissolubile, giacché i garanti fino a un certo punto sembravano essere mediamente veri uomini di onore, di cui poterci fidare. Non che “prima” – prima dell’avvenuto patto Stato/Mafia – l’Italia non fosse una nazione di politici corrotti e puttanieri. Ma era una cosa ancora abbastanza interna, con poche collusioni con le organizzazioni malavitose.

 

Oggi, tutto è assolutamente avviluppato e controllato da una sola parola d’ordine: corrompere ancor di più i corrotti corruttori. Farli aderire a un patto di sangue indissolubile il cui primo “test” atto a determinare la fedeltà a questo Satana in Terra ormai vincitore sui vinti, è proprio quello di portare orde di incolpevoli cittadini sull’altare sacrificale della distruzione di ogni forma di diritto civile.

 

Ormai è quasi completamente impossibile capire chi ha corrotto chi e cosa. Se lo Stato si è lasciato corrompere era già corrotto e quindi gli eventuali “corruttori” chi sono, lo Stato o la Mafia?

 

Tutto ciò che ho appena descritto, giovi ai lettori per comprendere le ragioni – irragionevoli per noi – per cui nonostante esistono le soluzioni per uscire da questa tragedia civile in cui siamo obbligati a vivere, nessuno metta davvero in atto queste soluzioni. Ed anche, per comprendere le ragioni per cui pur essendoci risorse economiche da dedicare sempre e solo – e in quantità incredibili – ai soliti nomi istituzionali e ai loro “adepti minori” si continui a straparlare di denaro che non c’è. Per la popolazione.

 

Come le sirene di Ulisse - che difatti essendo uomo e per tale ragione corruttibile dovette fermamente legarsi all’albero della nave per non perdersi – la Mafia, le cosche malavitose tutte, hanno ammaliato gli animi di tutti coloro che dovevano proteggerci e rappresentarci nel mondo e che hanno deciso, compatti sempre quando c’è da far del male e dal male tanto guadagnare, di dare ascolto ai canti ammalianti che stavolta però hanno solo parole di satanica volontà di distruggere una popolazione inerme e sottomessa ai voleri e ai valori della delinquenza.

 

Creative Commons License
La trattativa fra Stato e Mafia e l’altare sacrificale sul quale viene offerta la popolazione inerme by Emilia Urso Anfuso is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 08/08/2020 21:36:42

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -