Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Il vero problema non e' Berlusconi: sono i cittadini italiani

Il vero problema non e' Berlusconi: sono i cittadini italiani
Autore: Il Direttore -. Emilia Urso Anfuso
Data: 02/08/2013

 

Una volta in più in Italia, si conferma un criterio ambiguo. Nel nostro Paese nessuno mai farà una cosa molto semplice ma che avrebbe dei frutti enormi per tutti come reazione immediatamente utile: prendersi le proprie responsabilità.

La parola “responsabile” è ormai stata mistificata da molto decenni specialmente in Italia, sì da aver ormai totalmente contraffatto il significato reale della parola. “Responsabile” di qualcosa, spesso si legge su un biglietto di visita che di norma, equivale ad una sorta di “titolo onorario” persino quando si tratta di manager aziendali.

Invece no: il “Responsabile” la “responsabilità” delle azioni che si conducono, nella vita di ogni giorno, nel lavoro e più che mai in politica, non sono una carica “onorifica” da cui attingere al solo scopo di ottenere maggiori introiti o maggiori facilitazioni.

Responsabilità significa assumere su se stessi una serie infinita a volte di vere e proprie scocciature, e il fine ultimo dell’assunzione di responsabilità è quello di onorare col proprio nome e con la propria esistenza la tenuta di un equilibrio che va dalla vita provata a quella civile, sociale e politica nonché economica di un’intera nazione.

Tanti milioni di singoli individui responsabili, fanno una cittadinanza responsabile e di conseguenza una nazione responsabile, onesta e civilmente progredita.

Chiarito questo e in virtù della recentissima sentenza di Cassazione che ha confermato una subdola condanna a 4 anni “con momentanea sospensione delle pene accessorie” nei confronti di Silvio Berlusconi, vorrei una volta di più e magari una volta per tutte, riflettere sul grande tema delle colpe, che in Italia è parte integrante del tessuto nazionale e che da sempre provoca un terribile gioco che si chiama scarica barile e che – per una volta almeno – non conosce differenza fra le classi sociali né fra le tendenze politiche, ammesso che oggi come oggi esista ancora nella realtà la tendenza di parte politica così come ce la ricordavamo una settantina di anni fa.

Tutto ciò cui stiamo assistendo e vivendo ha dei colpevoli. Non parlo solo delle vicende di Berlusconi, ma di tutto il complesso panorama politico e di conseguenza delle problematiche sociali che ne sono la conseguenza, e che rendono ormai l’Italia sempre prima nelle classifiche mondiali delle nazioni con il minor sviluppo della società civile: siamo infatti fra i paesi più arretrati al mondo persino su temi che anche in molti paesi considerati arretrati sono stati risolti da tempo

  Da qualche tempo la popolazione italiana di classe medio bassa, sempre o molto distratta sulle vicende politiche e sociali nazionali o troppo ignorante (ignorare=non conoscere) da poterle comprendere, ha – probabilmente grazie all’eco delle rivoluzioni civili di altri paesi colpiti da politiche che negano evidentemente i diritti civili alle popolazioni – aperto gli occhi su una situazione nazionale che era evidentissima e che solo persone vendute al lassismo potevano non percepire.

Queste persone, questi italiani, sono gli artefici unici di tutte le angherie che ora vorrebbero sovvertire coi forconi in mano, persone però che non si sono mai fermate a riflettere sulle responsabilità mai assunte e sulle reazioni avverse che tale distacco dalla vita civile nazionale ha provocato negli anni fino a farci giungere all’assurdità di perdere in brevissimo tempo non solo qualsiasi basilare diritto civile ma anche, ed è cosa prioritaria, la dignità.

La questione Berlusconi mi è di aiuto per srotolare la matassa.

Non ripercorrerò la storia del neo condannato perché per la reiterazione delle stesse notizie vi rimando alla cosiddetta “stampa nazionale” che riempie le proprie pagine con informazioni che potete trovare appunto ovunque.

Piuttosto gradirei che gli esseri pensanti di questa nazione, si fermassero almeno un attimo – magari sotto l’ombrellone – a riflettere su un punto fondamentale per la vita soprattutto futura di ogni singolo cittadino italiano.

Lo sfascio nazionale è a vostro parere colpa dei personaggi politici? Pensate per caso che nelle altre nazioni i personaggi politici siano persone speciali nate con un DNA diverso da quello italiano e con particolari predisposizioni all’onestà e allo spirito di servizio nei confronti del paese che si va a governare?

La risposta è NO. Tutti gli esseri umani che per percorso di vita si ritrovano ad aver scelto la professione politica e di qualsiasi nazionalità sono corruttibili, comprabili, manovrabili, dediti ad avvantaggiare se stessi ai danni delle popolazioni, senza se e senza ma.

La differenza – che in Italia sembra non apparire chiara – è che nelle altre nazioni i cittadini non accettano che i personaggi politici possano macchiarsi di colpe che in Italia verrebbero anzi sostenute con grandi applausi.

All’estero sono i cittadini a educare i personaggi politici. Sono i cittadini a fare la differenza. E’ la cittadinanza a chiedere in coro le dimissioni di chiunque non onori la delega generosamente offerta loro all’atto del voto.

E’ per questo che non si potrà mai fare una reale comparazione fra la nazione Italia e le altre nazioni. Pur essendo un paese della Comunità europea, non siamo i cittadini delle altre nazioni europee.

Se fossimo diversi come cittadini, avremmo dirigenze diverse. Se il nostro compito primario di Cittadini lo avessimo tutti ben chiaro in mente, nessuno si permetterebbe di andar contro un’Opinione Pubblica coesa e attenta alle vicende nazionali che sono le vicende della popolazione.

 Gli italiani nel corso degli ultimi settant’anni, hanno lasciato che altri si prendessero la responsabilità totale di governare la nazione, senza mai – dopo aver espresso la propria scelta elettorale quando ciò era ancora possibile – verificare che le persone scelte per governare lo facessero davvero e per il bene del Paese.

Oggi, un’Italia fatta a pezzi da persone normali e non certo eccezionali, che sono il parterre politico nazionale degli ultimi decenni, continua non solo a disonorare il mandato a governare – anche perché attualmente il Governo in carica non è stato nemmeno scelto dai cittadini ammesso che avessimo persino una vera Legge elettorale -  ma a fare il contrario di ciò per cui sono profumatamente pagati: gestire la nazione in maniera tale da dare garanzia di vita quotidiana e di dignità ad ogni singolo italiano, al di là del ceto sociale.

Non possiamo certo prendercela con i politici se nei decenni l’italiano medio ha voltato la testa dall’altra parte ogni qualvolta un nuovo scandalo si aggiungeva ai troppi scandali operati dal gruppo politico o dal rappresentante politico di turno.

Dov’era la popolazione, L’Opinione Pubblica, ogni qualvolta un’assurdità colpiva a morte quel concetto di Democrazia che nel nostro Paese è solo e sempre stato decantato a parole ma mai davvero messo in atto?

Cosa faceva, in maniera compatta, la cittadinanza mentre l’Italia veniva letteralmente fatta a pezzi, mentre i diritti civili venivano palesemente e costantemente negati, mentre ancor più palesemente semplici esseri umani paludati con la maschera di “grandi statisti” si approfittavano delle riserve economiche della nazione…

Ora che persino dopo una condanna nemmeno troppo esemplare, chi se l’è vista assegnare già da ieri sera - durante un incredibile comunicato video mandato su Rai1 durante la trasmissione “”Porta a Porta”  - invece che decidere di non apparire in televisione ha pensato bene di chiarire subito che è tutto una barzelletta perché – anzi! – più di prima sarà “l’uomo della libertà”, cosa vi aspettate che accada alla popolazione italiana abbrutita da insane regole di dittatura intangibile, che ancora a molti non sono chiare…?

Il vero problema dell’Italia, torno a dichiarare, non è certamente Berlusconi. Che da anni non fa nulla di diverso dal suo ruolo imprenditoriale e politico. Un ruolo che per come va il mondo e per forza di cose parla di corruzioni grandi e piccole, associazioni, alleanze, scandali di vario genere. E’ così che si fanno i soldi, o pensavate che si diventasse enormemente ricchi e potenti perché si è gente onesta, trasparente e operosa?

La colpa del dissesto della nostra nazione, del livello ormai infinito di corruzione della politica nazionale, del crollo del criterio di “diritto civile” ha una sola faccia: si chiama cittadinanza italiana. Che poteva scegliere di essere diversa. Ma non l’ha mai fatto.

Creative Commons License
Il vero problema non e' Berlusconi sono i cittadini italiani by Emilia Urso Anfuso is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.
Based on a work at
http://www.gliscomunicati.it/Content.asp?contentid=2837.

 

 

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 30/09/2020 14:17:57

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -