Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Politica Estera  
Quasi 500 morti in Egitto 3 giorni fa'. Ed il  caos cresce ancora.

Quasi 500 morti in Egitto 3 giorni fa'. Ed il caos cresce ancora.
Autore: Max Murro - Redazione Esteri
Data: 15/08/2013

 

(Video live da ONTV. Le immagini sono in diretta.)

Peggiora di ora in ora la situazione in Egitto. Si sta rischiando una vera e propria guerra civile. 

La Farnesina sconsiglia i viaggi nel Mar Rosso e invita i turisti italiani che si trovano in vacanza lì a non uscire dai resort, vengono sospesi i voli per il Cairo (700 i passeggeri che a Roma Fiumicino non potranno imbarcarsi) e ogni Paese sta organizzando partenze di aerei vuoti per andare a recuperare i propri connazionali.

"Non è stato cancellato nessun operativo - spiegano dalla compagnia aerea Alitalia - e stiamo garantendo tutti i voli da e per Marsa Alam, Sharm el Sheik e qualche volo spot anche da Il Cairo. Ieri abbiamo garantito tutti i voli. Lo stesso è avvenuto oggi. In programma 5 voli di andata e ritorno su Marsa Alam, due su Verona, due su Bergamo e uno su Malpensa". 


Ieri gravi incidenti alla moschea al Fatah, al Cairo, presidiata dai pro-Morsi all'indomani della feroce repressione nella piazza antistante, Ramses, Il blitz scattato dopo 15 ore di assedio: l'intervento della polizia stato preceduto dal lancio di gas lacrimogeni, poi l'irruzione. "Aiuto, ci uccidono tutti", è stato il grido straziante di una donna nella moschea, nei minuti in cui è iniziata l'operazione. Fuori intanto si scatenava una furiosa sparatoria, che ha preso di mira il minareto della moschea, dove si annidavano cecchini dei Fratelli musulmani, ha denunciato la tv di Stato.


Dopo qualche ora le forze di sicurezza hanno completamente ripreso il controllo della moschea, sfiorando un nuovo bagno di sangue. I militanti portati fuori sono stati sistematicamente aggrediti da una folla di anti-Morsi, che dalle prime ore della mattina presidiava armata di bastoni l'esterno della moschea, accanto ai blindati dell'esercito e delle forze di sicurezza.


Intanto si è appreso che «Mohamed al Zawahri, fratello del leader di al Qaeda, è stato arrestato a Giza». A darne notizia fonti della sicurezza egiziana. Mohamed è «un leader della Jihad Islamica», sottolineano le fonti. L'arresto sarebbe dovuto al sostegno di Mohamed al Zawahiri alla causa del presidente destituito Mohamed Morsi.

Tutto è iniziato  3 giorni fa quando la polizia egiziana ha cominciato a disperdere con la forza i presidi al Cairo dei sostenitori del presidente deposto Mohamed Morsi e la situazione è degenerata in un bagno di sangue.  Quasi 500 morti e 4000 feriti il bilancio ufficiale degli scontri.


La polizia ha attaccato violentemente i manifestanti, lanciando gas lacrimogeni e – secondo alcune testimonianze – sparando su di essi con armi automatiche, aprendosi così la strada per penetrare nei due accampamenti di el-Nahda e Rabaa al-Adaweya.

L’ultimatum del governo ai Fratelli Musulmani per sgombrare, dopo sei settimane di braccio di ferro, i due campi di protesta in cui si erano riuniti i sostenitori dell’ex presidente Morsi (in piazza Nahda a Giza, vicino all’Università del Cairo, e intorno alla moschea di Rabaa al Adawiya, a Nasr City nella parte orientale della metropoli) era scaduto l’altro giorno senza che i militari intervenissero.

Il vice presidente ad interim della Repubblica egiziana, Mohammad ElBaradei, si è dimesso.

Il movimento integralista Jamaa Islamiya, vicino ai sostenitori di Morsi, ha avvertito che se non cambierà la situazione in Egitto "ci sarà una rivoluzione globale in tutto il Paese". In un comunicato l'organizzazione denuncia "i massacri commessi dal regime militare golpista contro sit-in pacifici a Rabaa e Nahda".

Sia l’Unione Europea sia gli Stati Uniti sia l’Onu hanno condannato l’eccessivo uso della forza da parte del governo, invitando ad agire con maggiore equilibrio. La Casa Bianca ha detto che la violenta azione del governo egiziano «va esatamemente nella direzione opposta a quella della riconciliazione» che era invece l’obiettivo del governo in carica. Il portavoce del governo di Washington ha dichiarato che gli Usa premono sul «governo egiziano e su tutte le parti coinvolte perché abbandonino la violenza e risolvano le loro differenze pacificamente». 

Più passano le ore e più gli le violenze crescono di intensità. Al Cairo è stato dato alle fiamme il ministero delle Finanze, il palazzo è stato occupato dai manifestanti pro Morsi. Ad Alessandria si registrano 10 morti. Scontri anche ad Assiut, 350 km a sud del Cairo; ad Assuan è stata circondata la sede del governatorato, che è stato evacuato.

Intanto, decine di persone sono scese in piazza anche in altre città, come Minya e Sohag. Alcuni manifestanti hanno attaccato le chiese copte, appicando il fuoco con delle bombole incendiarie. La polizia ha cercato di disperdere la folla lanciando dei lacrimogeni. A Suez, oltre a una chiesa, è stata parzialmente incendiata anche una scuola. Il governo ha proclamato lo stato di emergenza per un mese. 

Un cameraman di Sky News una giornalista di origine egiziana e un cronista del quotidiano di stato Al Akhbar morti nelle violenze del Cairo. Numerosi i feriti, tra loro un fotografo di Associated Press Un terzo giornalista è rimasto ucciso negli scontri di oggi in Egitto. Si tratta del reporter egiziano Ahmed Abdel Gawad, che scriveva per il quotidiano di Stato egiziano Al Akhbar, ed è stato ucciso mentre seguiva per lavoro la repressione del sit-in pro Morsi nei pressi della moschea di Rabaah al-Adawiya al Cairo. Lo riferisce l’Egyptian Press Syndicate, un sindacato dei giornalisti, che non ha però altre informazioni sulle circostanze della morte del reporter.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 13/07/2020 12:27:57

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Estera

Autore: Laurent Joffrin - Redazione Esteri
Data: 08/04/2020
Coronavirus: gli USA e il disastro sociale

La tragica prova che gli Stati Uniti stanno attraversando apriranno finalmente gli occhi agli elettori americani? 

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Esteri
Data: 22/03/2020
Coronavirus - Angela Merkel è stata posta in quarantena

La Merkel, 65 anni, sarà sottoposta a "test regolari" nei prossimi giorni e continuerà con il suo lavoro da casa, almeno per il momento.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Esteri
Data: 17/03/2020
Covid-19 - Macron: 'Siamo in guerra'

"L'epidemia di coronavirus è diventata una realtà immediata, presente. Siamo in guerra, una guerra sanitaria certamente: non lottiamo contro un esercito o contro un altro paese". 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 16/03/2020
Covid-19: risposta insufficiente del Regno Unito all'emergenza sanitaria

Mentre molti paesi europei hanno adottato misure drastiche per arginare la diffusione del coronavirus, il Regno Unito non ha ancora introdotto misure di "distanziamento sociale"...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -