Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
L'Italia e' una Repubblica fondata sull'instabilita'  politica

L'Italia e' una Repubblica fondata sull'instabilita' politica
Autore: Il Direttore -. Emilia Urso Anfuso
Data: 30/09/2013

 

Non c'era necessità di esperti nè di saggi per  immaginare anzitempo che, l'ennesima crisi di Governo nel nostro paese, avrebbe fatto crollare i mercati, l'immagine del paese e la speranza di uscir fuori prima o poi da una crisi che - più che economica - è palesemente sempre più sistemica.

Con le dimissioni dei ministri Pdl, si è  verificato tutto ciò che persino un bambino avrebbe compreso: Piazza Affari ha aperto in  calo a -2,09% con vendite sui titoli bancari e su Mediaset che perde più del 5%.

A meno di due settimane dall’approvazione della legge di Stabilità, assoltamente necessaria per correggere il seppur lieve sforamento del deficit italiano rispetto ai parametri europei.   sale anche - oviamente - lo Spread: il rendimento del Btp a 10 anni scivola poco sotto la soglia del 4,50%, al 4,49%.

L'instabilità politica che uccide ormai da anni la stabilità nazionale, nel nostro paese sembra essere diventata parte integrante della nostra Repubblica: forse un giorno, nella "riforma" costituzionale, metteranno un articolo aggiuntivo: "L'Italia è fondata sull'instabilità politica e la minaccia costante di far crollare i governi per cause che nulla hanno a che fare con il bene della popolazione"

Nel frattempo, a nessuno dei politici in particolare sembra interessare che la società civile annaspa quotidianamente fra un problema e l'altro, fra una nuova imposizione fiscale e una negazione dei diritti umani: troppo presi dalle bagarre politiche, interne o esterne. Non si capisce più nulla: deve far parte di un qualche progetto "politico" molto "importante" che noi umani comuni non siamo in grado di comprendere (...)

Sempre nel frattempo, gli stessi "dirigenti politici" continuano a comportarsi come se fossero i padroni non solo della nazione, ma della vita di ogni singolo cittadino "comune" il cui solo scopo di vita appare essere continuare a sopportare l'assurdo perchè "loro" hanno deciso così...

E' pur vero che c'è una parte di questi "cittadini comuni" che non battono ciglio di fronte agli eccessi esagerati (mi scuso per l'orribile frase) di una classe politica che - col beneplacito della "grande capacità di sopportazione" dei cittadini e che pensa solo a far di conto, ma in un solo senso: togliere ai poveri per dare molto ai pochissimi veri ricchi. Probabilmente, anche questo "accettare" fa parte del DNA iitaliano e dovremo farcene tutti una ragione.

In tutto ciò chi aveva ha molto più di prima, chi aveva un pò - la cosiddetta "classe media" - sta subendo una distruzione di massa, come negli "amici" Stati Uniti, chi già povero era probabilmente fa parte dell'unica classe sociale cui, tutto sommato, non è accaduto granché di diverso da prima, a parte la negazione totale di qualsiasi beneficio economico per mano dello Stato.

Io non mi vergogno di essere italiana, mi vergogno di chiunque non abbia voluto guardare in tempo a occhi bene aperti ciò che palesemente stava accadendo e che oggi tutti viviamo.

Mi vergogno di una popolazione, o parte di essa, che non ha mai fatto nulla per mettersi in grado di capire e formarsi - si: formarsi, studiare - almeno un pò, allo scopo di non far cadere tutti nella pentola di olio bollente.

Mi vergogno anche di tutto ciò che viene permesso a un gruppicolo di paraculi personaggi politici che da anni tengono in ostaggio il Parlamento, grillini compresi seppur da poco tempo, e conseguentemente un'intera popolazione per scopi molto, molto personali e non parlo certamente solo di Silvio Berlusconi, che semmai serve a tutta la classe politica per fare da elemento di distrazione di massa sui fattacci ignobili che piu' o meno ogni personaggio politico nasconde - nemmeno troppo - in qualche armadio.

Non mi indigno, per il solo fatto che l'indignazione non serve se non seguita dall'azione.

Non posso sopportare passivamente che ciò che non ho voluto, creato, aiutato a realizzare debba oggi subirlo. E con me e come me, tanti altri

Non si può vivere in un posto dove ogni giorno non sai se tornerai vivo a casa, in un territorio dove è stato tolto tutto, dove paghi tasse a vuoto ma se fai un assegno a vuoto ti rovinano la vita, e nessuno sa o pochi, che la normativa sul protesto anni fa fu vergata da un protestato...

Sono semmai stanca: stanca di troppe parole, reiterazioni, inutili proteste civiche che appaiono come la gita fuori porta con la comitiva domenicale della parrocchia.

Stanca di una popolazione che si lamenta ma non fa nulla per cambiare il paese. Perchè forse ancor oggi nessuno sta capendo, che il paese non potrà mai cambiarlo chi l'ha rovinato fino ad oggi. Dovevamo cambiarlo noi questo sistema

Lo scrivo da anni nei miei articoli, ma nessuno che abbia preso in seria considerazione questa soluzione.

Non so cosa accadrà dopo l'ennesima rappresentazione di follia politica nazionale: dicono che stanno cambiando la Legge elettorale, e questo dovrebbe sanare il bordello supremo in cui siamo stati intinti tutti?

Perché non usano il troppo denaro di cui si appropriano tutti allegramente, partiti e fondazioni e ex partiti, per sanare un po’ il caos disonorevole in cui ci hanno ficcato? Ah già, come potrebbero? Lo hanno rubato loro fin qui, ci hanno calato nella melma apposta, vuoi che ora ci tirino pure fuori dai guai che ci hanno e ci stanno procurando...?

Cittadini italiani, aprite occhi e orecchie finalmente, ma davvero.

Come potete ancora pensare che possa essere l'ambiente politico a "salvarci" se è proprio l'ambiente politico che ci portiamo appresso da trent'anni ad averci messo nei guai?

In altre nazione, per motivi meno gravi dell'assurda situazione in cui ci troviamo, hanno deciso di restare senza governo e l'hanno fatto: i risultati positivissimi che tale decisione ha realizzato, dovrebbero far riflettere tutt: un "esperimento" di tal genere per tutti, quello del Belgio. Ne parlai in questo mio articolo tempo fa.

Mi chiedo: cosa rende possibile che una popolazione rimanga costantemente vittima di se stessa? Ottusità? Ignoranza? Incapacità a rendersi conto che la responsabilità di un intero paese non puo' essere sempre lasciata in mano ad altri? O la scoperta che, tutto sommato, in questo paese non si vive poi male?

Sta di fatto che, piccola nota di "cronaca" personale, e aderendo - incredibile ma vero - a una frase detta da Berlusconi anni fa, Sabato sera scorso uscendo per andare a cena, letteralmente i ristoranti strabordavano di gente. E non erano turisti...


Creative Commons License
L'Italia è una Repubblica fondata sull'instabilità politica by Emilia Urso Anfuso is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported License.
Based on a work at http://www.gliscomunicati.it/Content.asp?contentid=2991.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/01/2020 03:27:47

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/01/2020
Policlinico Umberto I: Dipartimento di chirurgia Valdoni e un bel ricordo da conservare nel cuore

Sapere che sì, esistono luoghi di cura, che ancora oggi si possa contare sull’attenzione, la professionalità e l’umanità di professionisti a cui chiediamo di prendersi la responsabilità della nostra vita, è un grande valore.

Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 19/01/2020
Università: le scelte alternative per chi non passa il test a Medicina

Nel 2019 sono stati 68.694 gli iscritti ai test d’ingresso, a fronte di soli 11.698 posti disponibili nei vari atenei dislocati sul territorio nazionale...

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 12/01/2020
'L’odore della vagina' e la follia di chi la compra

Il punto è la candela, il business, i soldi spesi per un moccolo firmato e profumato? No, il punto è un altro e ve lo spiego. Non esistono più limiti. A cosa? A qualsiasi cosa. Qualcuno potrebbe dire: “Ma dai, che vuoi che sia…” e come al solito si rimette tutto nelle mani del “Esistono cose peggiori e più gravi”.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/01/2020
Dittatura intangibile: gravi le dichiarazioni del ministro Paola Pisano sulla password di Stato

Non esiste libertà quando essa è controllata a 360° dallo Stato. Non esiste libertà attraverso la tecnologia, se è la tecnologia a controllare te.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -