Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Salernitana Nocerina sospesa al 20' dopo le minacce degli ultra'

Salernitana Nocerina sospesa al 20' dopo le minacce degli ultra'
Autore: Teresa.Corrado
Data: 10/11/2013

immagine da webIncredibile, ma vero. Questa non è politica, non sono traffici illeciti o concorsi, questo è solo calcio. È calcio che arriva però, alla cronaca, come se fosse un fatto di camorra. Il calcio sottomesso ad un’azione di minaccia che non può essere lasciata a sé stessa. Qualcosa che va oltre lo sport, libero da ogni cognizione restrittiva.

Ma si sa, è solo utopia. Accade a Salerno, nella domenica delle partite, quella che lascia molti tifosi attaccati alla radio o alla tv per seguire la partita della propria squadra o che li trascina negli stadi. L’incontro è tra quelli più a rischio per la Campania. Si gioca Salernitana – Nocerina e le tifoserie non sono nuove ad atti violenti, negli anni passati la Nocerina ha sempre dovuto combattere contro i suoi ultrà, cercando di calmare gli animi. Oggi, invece, si assiste alla resa della squadra e del direttivo, dopo che la partita viene sospesa al 20’.

Il prefetto di Salerno, in accordo con le disposizioni del Viminale, vieta l’ingresso agli ultrà provenienti da Nocera Inferiore per la partita che è considerata il derby salernitano, ma è anche la partita che potrebbe avere gravi risvolti nell’ordine pubblico. Ma gli ultrà non ci stanno. Per loro partecipare è fondamentale e cominciano le minacce. Minacce che seguono giorni di preparazione, visto che Nocera Inferiore era stata tappezzata da manifesti che invitavano tutti a partecipare comunque alla partita.

Un gruppo di circa 200 ultrà arrivano comunque a Salerno e, parlando con i giocatori, minacciano tutti. O si gioca con loro sugli spalti o non deve giocare nemmeno la squadra. Interviene il prefetto e dopo 40 minuti convince la Nocerina ad entrare in campo per giocare, ma la partita dura solo 20 minuti. In questi venti minuti il Nocera fa tutte e tre le sostituzioni che ha a disposizione, poi, uno dopo l’altro, i giocatori cominciano ad accusare malori e a lasciare il campo. Alla fine ne restano solo 6. L’arbitro al 20’ dichiara finita la partita e manda tutti negli spogliatoi.

Questa volta ha vinto la paura, hanno vinto le minacce, hanno vinto quelle persone che hanno saputo alzare la voce. A perdere non è solo la squadra del Nocerina, ma è lo sport, il calcio, la società i cui dirigenti si dimettono in massa, la Lega. Un fatto che fa inorridire per la drammaticità della situazione, ma anche per il gesto futile degli ultrà e degli stessi giocatori. Uno sport che scombussola non solo una città, ma l’intera Lega, dove, a vedere le immagini di oggi, ci si deve fermare e riflettere e soprattutto si devono prendere giusti e duri provvedimenti per evitare che casi del genere si ripetano non solo il Lega Pro, ma in tutte le categorie.

Le “mafie” nelle loro trasformazioni quotidiane, nel loro essere presente in qualsiasi modo, perché un gesto del genere può essere considerato solo di questa specie, riescono, ancora una volta a impaurire e a sottomettere al proprio giogo i malcapitati. Paura di giocare, come paura di parlare. Ecco quello che è accaduto oggi, l’omertà all’interno del calcio è questa, cedere ai ricatti e fermarsi intimoriti dinanzi a minacce pesanti che vengono fatte alle singole persone.

La Lega decide di costituirsi parte civile, ma intanto la credibilità dell’intero calcio italiano decade dinanzi ad azioni palesi o nascoste che avvengono nel nostro paese. E forse, dopo tante altre azioni e indagini che la coinvolgono, si pensa davvero che adesso non ci sia più nemmeno legge all’interno dello sport. 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 18/02/2020 16:37:30

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Luca De Rossi - Redazione Cronaca
Data: 08/02/2020
Marco Vannini: la Cassazione annulla la sentenza e riapre il processo

"Marco Vannini non è morto per un colpo di arma da fuoco, ma è morto per un ritardo di 110 minuti nei soccorsi".

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 06/02/2020
Lodi: deraglia un Frecciarossa. Morti i due macchinisti

Il Frecciarossa Av 9595 Milano-Salerno è deragliato sulla linea alta velocità nei pressi di Livraga, in provincia di Lodi.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 03/02/2020
Coronavirus: rimpatriati 56 italiani provenienti da Wuhan

Il Boeing KC767 dell'Aeronautica militare, ha riportato in patria gli italiani rimasti a Wuhan. 

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Esteri
Data: 26/01/2020
Terremoto in Turchia: sale il numero di morti e feriti

Il terremoto che ha colpito la provincia di Elazig in Turchia ha provocato almeno 29 vittime. Il numero dei feriti accertati è di 1.243. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -