Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Fisco e Tasse  
INPS: Mastrapasqua chiede copertura del deficit allo Stato. Ma poi ritratta...

INPS: Mastrapasqua chiede copertura del deficit allo Stato. Ma poi ritratta...
Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Economia
Data: 15/11/2013

Antonio Mastrapasqua prima scrive a Saccomanni e Giovannini per chiedere la copertura del deficit dell’Ente che sarebbe da ricondurre all’unificazione dei bilanci di più Enti, così che - ad esempio - il deficit acquisito dall’ex INPDAP unito alla contrazione dei contributi causato dallo stop del turnover nel settore del pubblico impiego e all’aumento costante delle spese legate al mantenimento delle prestazioni istituzionali, realizzino complessivamente in bilancio un deficit non imputabile a cattiva gestione.

Mastrapasqua scrive ai Ministri Saccomanni e Giovannini “invitando a fare un'attenta riflessione» sul bilancio dell'Istituto che ormai è un bilancio unico, essendo il disavanzo patrimoniale ed economico qualcosa che, visto dall'esterno, può dare segnale di non totale tranquillità”.

Il Presidente INPS  – durante una relazione in commissione bicamerale – ha affrontato anche il tema relativo al controllo sugli enti previdenziali spiegando come «la genesi della perdita dell'Inps derivi da uno squilibrio imputabile essenzialmente al deficit ex Inpdap, alla forte contrazione dei contributi per blocco del turnover del pubblico impiego e al continuo aumento delle uscite per prestazioni istituzionali».

In pratica: L’Inps da tempo accorpa anche Inpdap ed Enpals. Ciò comporta quindi che, alla chiusura annuale dei bilanci i deficit relativi a Inpdap ed Enpals facciano da contraltare negativo ai bilanci effettivi Inps.

Per tale ragione Mastrapasqua sta ora chiedendo l’intervento economico del Tesoro anche attraverso la realizzazione di normative ad hoc che garantiscano la razionalizzazione di tutto il sistema previdenziale nazionale.

Prima del 2008, era lo Stato che si occupava – in maniera strutturale - delle coperture utili alla gestione Inpdap. Dopo il 2008 e con l’accorpamento dell’Ente all’Inps, la situazione è cambiata e il rischio di passività è l’ombra che scuote ora il Presidente Inps.

Mastrapasqua solleva anche la questione legata a quella  che sembra essere una delle chiavi di volta del problema: ancor oggi sui bilanci ex Inpdap gravano le uscite legate alle prestazioni istituzionali che – nota Mastrapasqua – non sembrano nella realtà dei fatti corrispondenti al reale fabbisogno: come dire che stanno uscendo molti più soldi di quanto è realmente necessario. Ciò provoca il rischio costante che le coperture previste annualmente non bastino a coprire il fabbisogno realizzando così quei disavanzi che generano poi effetti negativi a cascata.

La richiesta di Mastrapasqua? Tornare alla situazione pre Legge Finanziaria 2008.

Dopo tutto questo bailamme però, arriva la smetita: il Presidente Mastrapasqua ribadisce che "i conti dell'Istituto sono in piena sicurezza e smentisce ogni allarmismo diffuso dopo l'audizione di questa mattina alla Commissione bicamerale".

"C'è piena e totale sostenibilità dei conti della previdenza e dell'Inps. Nessun allarme e nessun allarmismo. Oggi mi sono limitato a ribadire quanto ho affermato lo scorso mese di luglio nell'annuale relazione al Parlamento e che cioè il disavanzo ereditato dall'ex Inpdap, non deve trasformarsi in un sintomo di incertezza sulla tenuta della previdenza italiana. E' solo un problema contabile, che - ha assicurato Mastrapasqua - non mina la certezza dei flussi finanziari. Nessun rischio né per oggi né per domani. Le pensioni sono e saranno regolarmente pagate".

Insomma: la riflessione è d'obbligo. Il fatto che l'accorpamento con gli Enti in deficit provochi il deficit nei bilanci INPS è semplice da capire pure a uno studente di scuola media. Smentire ciò che è stato detto in commissione bicamerale riportando ora il discorso su questioni di ordine "tecnico" appare essere solo il tentativo di far rientrare l'informazione - gravissima - fuoriuscita a mezzo Stampa.

In conclusione: lo Stato non ha versato i contributi. Ha generato deficit. Chi deve coprire il deficit? Lo Stato...Chi è lo Stato al momento di pagare? I cittadini...

Fate un pò voi...





Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 28/09/2022 20:23:42

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Fisco e Tasse

Autore: Emilia Urso Anfuso - Redazione Economia
Data: 15/05/2020
Bonus vacanze 2020: tutte le informazioni utili

Un dato interessante: le perdite economiche subite dal settore ricettivo ammontano a circa 81 milioni di euro.

Leggi l'articolo

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 13/05/2020
Decreto rilancio: rinviata la lotteria degli scontrini

 

La partenza della lotteria degli scontrini, prevista dal 1° luglio 2020, slitterà al 1° gennaio 2021: è quanto si legge nell’ultima bozza del Decreto Rilancio 
Leggi l'articolo

Autore: Andrea Pascale - Redazione Economia
Data: 15/02/2020
Scongiurato l'aumento IVA per bar e ristoranti

Il Presidente di Fipe, Lino Enrico Stoppani: "Ci auguriamo che questa posizione sia mantenuta non tanto per porre fine alle speculazioni e alle voci che ciclicamente ritornano"...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 23/01/2020
Il Vademecum del contribuente 2020 presentato da Unione Fiduciaria

Chi vuole orientarsi nel mondo dei tributi senza perdere le più recenti norme introdotte dall’ultima Legge Finanziaria, deve avere con sé il volume “Vademecum del Contribuente 2020” 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -