Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Teatro  
Teatro Quirino: 'Zio Vanja' Riflessioni su un testo classico

Teatro Quirino: 'Zio Vanja' Riflessioni su un testo classico
Autore: Nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 04/12/2013 12:03:44

Zio Vanja, Il classico dei classici, per eccellenza, quello che potremmo definire il capolavoro di Cechov, ha debuttato ieri sera, 3 dicembre 2013, al Teatro Quirino di Roma. Solo la prima di una sfilza di date che percorreranno l’intero stivale fino a Febbraio 2014.

Nomi del calibro di Michele Placido, nei panni di Serebriakoff, e Sergio Rubini, appunto zio Vanja, oltre a Bruno Cariello (Telieghin), Marco Trebian (operaio), Maria Lovetti (balia) e Lucia Ragni (mamma). Per la regia di Marco Bellocchio, regista notoriamente anticonformista che si è espresso sempre nell’ambito della laicità per parlare di politica sessantottina, follia o incapacità di amare. Perchè scegliere un testo classico, per parlare ad un pubblico del nuovo millennio?

Qual è il messaggio che Cechov ci ha lasciato e che ancora oggi vale come eterno e sempre attuale? Già dalle prime battute si sente una rivisitazione da parte del regista, che avvicina tanto quello zio Vanja, angosciato e depresso, ad un uomo dei nostri giorni. Il Sergio Rubini che ci ricordavamo in Denti, tanto per citarne uno, prende i panni degli interrogativi esistenzialisti che segneranno tanto teatro moderno del novecento. Il senso della vita, lo scorrere monotono e sempre uguale dei giorni, l’atmosfera inquieta e surreale della tenuta dove si svolge la vicenda, che fa presagire l’imminente tragedia, senza in realtà raccontare nulla. Chi è zio Vanja? Un uomo meschino piegato dagli eventi della vita?

Un filosofo mancato che si nasconde dietro la scusa di non aver potuto fare altrimenti, che se fosse stato diverso avrebbe anche lui scritto e studiato e pubblicato, come Serebriakoff, diventando addirittura un Dostoevskij? Vanja incarna l’uomo afflitto dell’ottocento ma anche l’uomo contemporaneo, non sempre padrone di quello che gli accade.

Serebriakoff è il suo alter ego, il vincente sbruffone, che comanda e giudica, decide e si lamenta a suo piacimento. E zio Vanja lo detesta, di un odio che supera i millenni per arrivare fino ai giorni d’oggi, la rabbia dei soprusi, dell’infelicità, della prevaricazione. E tra le maglie di questa dimensione inconsistente, dove l’illuminazione del palco, quasi cinematografica, ci fa avvertire il rincorrersi delle ore, con effetti luce di volta in volta cangianti, vivono le figure femminili, Helena e Sonia (Lidiya Liberman e Anna Della Rosa), subissate da amori infelici, l’una sposata al burbero Serebriakoff e amata da zio Vanja, l’altra segretamente innamorata del dottor Astrof (Pier Giorgio Bellocchio) - anche lui impegnato in una battaglia venata di buonismo ecologico, contro il disboscamento e la distruzione della fauna - che la respinge perché invaghito della bella Helena.

Ma lei, l’ammaliatrice che aspetta la vittima nella sua tela per farne carneficina, è a sua volta travolta dalla depressione di una vita ormai tracciata. Vuota, incapace di fare qualsiasi cosa, tranne suonare il pianoforte, a cui ha peraltro rinunciato definitivamente, leggiadra, impalpabile, è una creatura di un tempo indefinito, vittima anch’essa e perdente. Chi davvero emerge in questo quadro desolante è Sonia, la brutta dai capelli e occhi bellissimi, la delusa dall’amore, la respinta, eppure quella che più di ogni altro personaggio incarna l’ideale di donna tenace, capace di accettare il proprio destino, misericordiosa e colei che alla fine, accanto ad uno zio Vanja sfinito e che ha appena tentato di uccidere il cognato Serebriakoff con un colpo di pistola, oltretutto mancato (beffa ancor più cruda ai danni di un personaggio del tutto immobile), è capace di dire: “Zio, caro zio, mettiamoci a lavorare, ricominciamo con i nostri conti, così non pensiamo a niente”. Desolante, di una desolazione che va oltre lo sconforto, alla fine fa pensare allo spettatore che non ci sia scampo alla condizione umana di miseria e ineluttabilità.

La scena si annebbia, lo zio Vanja è curvo sui suoi fogli spalmati sulla scrivania, accanto Sonia con il suo barlume di speranza, anche se era proprio lei a dire “e se rimanessi nell’incertezza? Almeno rimane la speranza (a proposito del suo amore per il dottor Astrof)”, per poi affrontare la dura verità del rifiuto e rifugiarsi nella piccola certezza dei suoi lavori quotidiani. Tra la scarna scena di strehleriana memoria e la realizzazione che sa di dejavù, Bellocchio, facendo l’occhiolino a Cechov, ha raccontato ancora una volta l’uomo con tutte le sue immense e indecifrabili fragilità. 

 


L'articolo ha ricevuto 1600 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/09/2019 17:34:50

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Teatro

Autore: Elisabetta Castiglioni - Redazione Cultura
Data: 16/09/2019 07:19:33
Roma: Sante, bambole, puttane - Grazia di Michele e Maria Rosaria Omaggio

“Sono sofferenze, e perfino tenerezze – raccontano le due interpreti - che salgono da un’umanità emarginata, speranze che si alimentano di sogni, alla disperata ricerca del bello e del giusto in un mondo che sembra offrire pochi spiragli soprattutto a chi è più debole… e le donne sempre più spesso, purtroppo, si ritrovano in questa condizione”.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cultura
Data: 20/07/2019 07:05:53
Roma: Giorgio Montanini - Lunga Vita Festival - 21 Luglio 2019

Nel 2008 Giorgio Montanini è entrato a far parte del gruppo Satiriasi, il primo esperimento italiano di Stand Up Comedy.

Leggi l'articolo

Autore: Gaspare Urso - Redazione Cultura
Data: 30/06/2019 07:47:15
Siracusa, Teatro Greco: un trionfo per la commedia Lisistrata

Dieci minuti di applausi e un’ora e quaranta minuti di risate questa sera al Teatro Greco di Siracusa per il debutto di Lisistrata di Aristofane. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cultura
Data: 24/05/2019 06:46:54
Roma, Teatro Lo Spazio - FAMIGLIA - dal 30 Maggio al 2 Giugno

Dopo il grande successo riscosso all'Indiadal 30 maggio al 2 giugno 2019 al Teatro Lo Spazio di Roma, torna in scena lo spettacolo Famiglia, della drammaturga e regista Valentina Esposito, fondatrice della factory Fort Apache Cinema Teatro

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -