Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Teatro  
Lo stupro di Lucrezia, al Teatro Vascello fino all'8 dicembre

Lo stupro di Lucrezia, al Teatro Vascello fino all'8 dicembre
Autore: Nostro inviato Gabriele Santoro
Data: 04/12/2013

Nel 1594 Shakespeare scrisse il dramma Lo stupro di Lucrezia, opera dedicata al Duca di Southampton, ripercorrendo i passi di come la disavventura subita dalla moglie del generale e politico romano Collatino, violentata da Sesto Tarquinio, suo cugino e figlio dell’ultimo re di Roma Tarquinio il Superbo, andrà ad intrecciarsi con la res publica del VI secolo a.C., finendo per innescare una rivolta che depose una classe monarchica ormai vista corrotta e crudele. Dal 3 all’8 dicembre va in scena al Teatro Vascello l’adattamento di Valter Malosti, con la traduzione di Gilberto Sacerdoti in endecasillabi.

L’intensità della storia è resa al meglio sul palco da Alice Spisa e Jacopo Squizzato, freschi di diploma alla Scuola per Attori del Teatro Stabile di Torino, il cui lavoro corporale faticoso e violento segue inizialmente di pari passo il racconto della voce narrante – lo stesso Malosti, visibile ma idealmente non presente. L’incalzante musica di sottofondo riesce poi a scandire l’azione cruda aggiungendo un forte senso di inquietudine al turbine di sensazioni che viene trasmesso.

Secondo quanto tramandato dalla tradizione durante l’assedio di Ardea fra i romani nacque una disputa su chi avesse la moglie con le più eccellenti qualità ed a spuntarla fu Lucrezia, sposa di Collatino. Questo scatenò la morbosa curiosità di Sesto Tarquinio, che decide di dover prendere un “trofeo”, ossessionato dal desiderio di possesso.

Tarquinio entra quindi in conflitto, consapevole che un atto così ignominioso potrebbe essere un marchio indelebile anche per la discendenza, che finirebbe per rinnegare un individuo spregevole, “maledicendo le ossa” anche una volta arrivato al riposo eterno. Finirà però con l’auto-assolversi, convinto dalla propria indulgenza che il silenzio di Lucrezia – interessata a non macchiare l’onore della famiglia – avrebbe avuto il sopravvento.

Dall’altra parte anche la vittima vive una lacerazione interna una volta subito l’atroce delitto. In una dinamica psicologica ancora troppo attuale – frequente il riferimento nei casi di violenza di genere  - prevale il senso di colpa per qualcosa di cui colpa non si ha. Lucrezia teme l’arrivo del giorno, quasi  fosse la luce solare a svelare le nefandezze coperte dalla quiete e dall’oscurità notturna, trova la forza di maledire il Tempo e l’Occasione, personificazioni di un destino cinico e beffardo, complice nel dare appunto opportunità a Tarquinio. Finché racconterà tutto al ritorno di Collatino per poi suicidarsi, sopraffatta dalla vergogna, non prima di aver preteso vendetta.

Il Teatro Vascello informa che la presenza di scene di nudo e contenuti tematicamente violenti potrebbero offendere la sensibilità di qualche spettatore. In generale si consiglia comunque la visione ad un pubblico adulto.

Info su costi e biglietti: www.teatrovascello.it; botteghino@teatrovascello.it

Tel.: 06-5881021; 06-5898031




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/11/2020 21:46:17

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Teatro

Autore: Carla Fabi - Redazione Cultura
Data: 27/05/2020
Roma, Teatro Lo Spazio - Il 4 Giugno l'insegna si riaccende in segno di speranza

Poco prima dell'inizio della crisi da Coronavirus, il Teatro Lo Spazio di Roma è stato affidato alla guida di Manuel Paruccini...

Leggi l'articolo

Autore: Carla Fabi - Redazione Cultura
Data: 01/05/2020
Andrea Rivera dal 7 Maggio su Vimeo - Teatro Online

Nell'epoca in cui le sale teatrali sono ferme, per far fronte a quella mancanza da "sipario chiuso", è necessario reinventarsi e pensare al futuro.

Leggi l'articolo

Autore: Maya Amenduni - Redazione Cultura
Data: 23/03/2020
Teatro le Maschere in streaming da lunedì 23 marzo con: TRE OMINI NEL BOSCO

Un cantastorie accompagna il pubblico in un alternarsi di narrazione e azione attraverso il complesso percorso di crescita di una fanciulla narrato nel rispetto della ricca e tradizionale simbologia delle fiabe

Leggi l'articolo

Autore: Eleonora Turco - Redazione Cultura
Data: 04/03/2020
Roma, Teatro Studio Uno - 12-15 marzo - in prima assoluta 'Malleus Maleficarum'Debutta in prima assoluta al Teatro Studio Uno dal 12 al 15 marzo 2020 Malleus Maleficarum
Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -