Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Teatro  
'L'isola degli schiavi' - al teatro Eutheca fino al 22 dicembre

'L'isola degli schiavi' - al teatro Eutheca fino al 22 dicembre
Autore: Nostro Inviato Gabriele.Santoro
Data: 14/12/2013

 Dal 12 al 15 dicembre e dal 19 al 22 dello stesso mese al teatro Eutheca, vicino Cinecittà, va in scena “L’isola degli schiavi”, opera del drammaturgo francese Pierre de Marivaux del 1725 tradotta da Ferdinando De Martin per la regia di Federica Tatulli, con il doppio ruolo di attrice, nella parte del governatore dell’isola. A completare il cast Romano Talevi (Arlecchino), Giovanni Grasso (Iphicrate), Lorena Ranieri (Colombina) ed Ilaria Piemontese (Euphrosine).

 Due padroni, Iphicrate ed Euphrosine, ed i loro rispettivi servi, Arlecchino e Colombina, dopo un naufragio trovano rifugio su una terra che rivelerà presto essere la cosiddetta “Isola degli schiavi”, idealmente localizzata nella Grecia antica ma che di fatto supera il concetto di tempo: l’istituzione della schiavitù ancora vigente coesiste con prodotti della modernità, o più di un degrado post-moderno, come carrelli della spesa, bottiglie e barattoli abbandonati sulla riva.

La società del luogo è sorta dall’emancipazione degli schiavi e la legge impone agli ospiti un sovvertimento dei ruoli che fino ad allora si erano avuti. Così Arlecchino e Colombina si ritrovano ad essere i benestanti con Iphicrate ed Euphrosine al loro totale servizio. Come primo atto dovranno mettere gli ex padroni davanti ai loro difetti, rinfacciandone lo stile di vita dissipato o la civetteria, oltre ai troppi maltrattamenti subiti. L’obiettivo del governatore è iniziare un percorso di cinque anni che li faccia diventare persone migliori, al termine del quale saranno liberi di tornare ad Atene.

In questa situazione che comporta anche lo scambio di abiti, Colombina ed Arlecchino provano ad avventurarsi in un tipo di conversazione romantica da “gran signori”, ma l’effetto non è di quelli sperati: da umile popolano illetterato Arlecchino non trova il filo di un discorso che – anche se per finta – avrebbe dovuto aprire il cuore della “dama”. “Siamo più saggi ma anche più ridicoli di loro”, si lascia scappare Colombina. I due decidono allora di sfruttare il loro potere per scegliersi come amanti l’uno il servitore dell’altro.

È proprio mentre potrebbe approfittare della debolezza e dell’incapacità di difendersi di Euphrosine che in Arlecchino scatta il meccanismo di empatia per i due che ora si trovano nella sua stessa vecchia condizione. Il percorso rieducativo ha sortito le conseguenze sperate, sostituendo la sete di vendetta tipica “degli stolti”, come definita dal governatore, con un’umana pietà che supera la prospettiva personalistica dietro cui gli individui troppo spesso si trincerano.

Il rango sociale di nascita è il modo che hanno gli dei per “metterci alla prova”, è la lezione del governatore, sta poi al singolo vincere le paure, le diffidenze verso l’altro nel rispetto dell’intera umanità. Oltre le maschere ed i condizionamenti c’è l’università dell’essere che deve abbandonare i conflitti, adottando uno sguardo allargato che meglio può valorizzare le differenze culturali che ci arricchiscono.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/11/2020 20:57:24

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Teatro

Autore: Carla Fabi - Redazione Cultura
Data: 27/05/2020
Roma, Teatro Lo Spazio - Il 4 Giugno l'insegna si riaccende in segno di speranza

Poco prima dell'inizio della crisi da Coronavirus, il Teatro Lo Spazio di Roma è stato affidato alla guida di Manuel Paruccini...

Leggi l'articolo

Autore: Carla Fabi - Redazione Cultura
Data: 01/05/2020
Andrea Rivera dal 7 Maggio su Vimeo - Teatro Online

Nell'epoca in cui le sale teatrali sono ferme, per far fronte a quella mancanza da "sipario chiuso", è necessario reinventarsi e pensare al futuro.

Leggi l'articolo

Autore: Maya Amenduni - Redazione Cultura
Data: 23/03/2020
Teatro le Maschere in streaming da lunedì 23 marzo con: TRE OMINI NEL BOSCO

Un cantastorie accompagna il pubblico in un alternarsi di narrazione e azione attraverso il complesso percorso di crescita di una fanciulla narrato nel rispetto della ricca e tradizionale simbologia delle fiabe

Leggi l'articolo

Autore: Eleonora Turco - Redazione Cultura
Data: 04/03/2020
Roma, Teatro Studio Uno - 12-15 marzo - in prima assoluta 'Malleus Maleficarum'Debutta in prima assoluta al Teatro Studio Uno dal 12 al 15 marzo 2020 Malleus Maleficarum
Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -