Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
La strategia (anti) democratica della politica #sapevatelo...

La strategia (anti) democratica della politica #sapevatelo...
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/01/2014

Credo sia giunto il momento, in questo paese, di parlare chiaro. Non amo notoriamente i giri di parole, ma forse persino la mia chiarezza tipica nell’affrontare gli argomenti che descrivo nei miei articoli, non basta a chiarire cose, verità e temi che ancor oggi, non sono assimilati dalla maggior parte della cittadinanza.

Il tema è: il core business della Politica. Per chi ignorasse il termine, core business è l’attività principale che un’impresa sceglie come fulcro del proprio business. E’ ciò che crea – di conseguenza – guadagno.

Ovviamente, tutto è basato sullo sviluppo delle migliori strategie imprenditoriali affinché il core business aziendale sia sviluppato per produrre i massimi fatturati. Si usano le tecniche del marketing, si migliorano determinati processi produttivi e s’impostano politiche aziendali atte a far sì che l’azienda abbia ragione di esistere.

Voltiamo pagina (circa) e passiamo alla politica. Anche la politica si basa sul concetto di "core business". “Possibile”? Direte. Non solo è possibile, ma è matematico che sia così.

Secondo voi, a cosa serve il sistema politico e tutto l’enorme carrozzone attraverso cui esercita le proprie azioni? Il popolo risponderà: “A risolvere i problemi della povera gente”. La risposta concreta (anche costituzionalmente parlando, in alcuni articoli di essa) è: nossignore. La Politica, e non solo nel nostro paese, non ha questo ruolo, prioritariamente. Ha semmai il ruolo di realizzare le migliori strategie affinché il proprio core business – il popolo – alimenti i massimi guadagni, in ordine di potere e anche economici. Per chi fa parte dell’ambiente politico.

Come si realizza tutto questo senza che il popolo se ne renda conto? Citerò una frase del compianto Indro Montanelli che soleva dire “La Sinistra ama talmente i poveri da triplicarli a ogni governo”. Eccola la risposta. Sintetizzata nel core business della politica di Sinistra. Che cosa significa: provate a riflettere su come le problematiche sociali di un certo tipo, care alla Sinistra, non vengano mai, di fatto, risolte. Semmai, amplificate. Perché accade questo? Perché sono la fonte inesauribile che garantisce a questo polo politico il fluire del proprio elettorato. Almeno fino ad oggi. La gente finalmente sta capendo – l’Italia s’è desta? – che le promesse non si mettono nel piatto.

Direte: lo fa solo la politica di Sinistra? Ovviamente no. Ogni canale di tendenza politica ha il proprio core business. Prendiamo i radicali. Il loro core business è basato su temi quali ad esempio ora, la liberalizzazione delle droghe – vecchissimo tema riesumato alla bisogna – e i diritti alienati dei carcerati. Da che se ne occupano, vi sembra che abbiano risolto mai le problematiche nonostante i penosi digiuni e privazioni dell’acqua di Pannella? No. Accade strategicamente. Non si risolvono le problematiche per cui si palesa di battersi. Tutto ciò serve solo ad appassionare l’elettorato. Se i temi in questione scadono – come le date di scadenza sui cibi confezionati – si passa a un altro “grande tema sociale”.

Il Centro Destra ha come core business il sostegno dei diritti dei ricchi e degli pseudo poveri. In questo caso devo dire che vi sono state clamorose azioni concrete. Vedi ad esempio la depenalizzazione del falso in bilancio o il “premio” fiscale per tutti quelli che portano astutamente i loro averi all’estero: vorrei vedere se per magia tutti diventassimo milionari, se lasceremmo nelle fameliche mani del sistema fiscale nazionale i nostri amati averi. Si fa presto a parlare, quando non si è ricchi. Imprenditori e industriali apprezzano. I cittadini, operai o impiegati, ammesso che genericamente si sappia persino cosa sia il falso in bilancio, al più attendono ancora la restituzione dell’IMU in contanti, ma questa è un’altra querelle.

Tutti i partiti quindi, non fanno altro che sostenere – a parole – alcune macro aree di problematiche sociali, che non sono scelte a caso ovviamente né acquistate all’asta. Per ovvie ragioni, ogni tendenza politica opera in quelle aree di problematiche che storicamente fanno parte di un’ideologia. Ideologia storica, ovviamente. Che nulla ha a che vedere con la realtà dei fatti né con l’attualità.

Stante tutto ciò, consiglio vivamente una cosa: non sicuramente di disaffezionarsi alla Politica, che è cosa nobile e tale rimane, semmai di comunicare ai propri politici di riferimento che ormai è stato scoperto l’inghippo e la ragione per cui nessuno di essi risolverà mai le problematiche delle quali si fa paladino di volta in volta. Non potrete che trarne grandi benefici. Prima di tutto per ciò che riguarda un aspetto non secondario: non esser più trattati da ottusi e ignoranti creduloni. E ‘per queste tre peculiarità, esistenti nel DNA di miliardi di cittadini in tutto il mondo, che i personaggi politici di ogni livello riescono a prendere per il culo, da secoli, intere popolazioni. #sapevatelo. Come si usa su Twitter…

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 08/08/2020 21:25:11

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -