Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Recensioni  
Roma, Teatro Ghione: in scena 'Love Letters' dal 10 al 26 Gennaio - Recensione

Roma, Teatro Ghione: in scena 'Love Letters' dal 10 al 26 Gennaio - Recensione
Autore: Nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 11/01/2014

 

Con la partecipazione della Compagnia Piccoli per Caso e la cura di Guido Governale e Veruska Rossi va in scena il testo di Albert Ramsdell Gurney, premiato dalla critica fin dal suo epico debutto a Broadway nel 1990 e, dopo lunghi e variegati giri per tutto il mondo, oggi riproposto con due magistrali figure come Valeria Valeri e Paolo Ferrari.

C’è poco da dire quando a calcare il palco si presentano due del loro calibro, che per ogni istante dello spettacolo, piantonati alle loro sedie, davanti a due scrivanie, scarne e insignificanti, con un copione innanzi e senza alzare gli occhi dal leggio, hanno bloccato, ammaliato, avvinghiato e commosso lo spettatore per tutta la durata della pièce, lunga poco più di un’ora e mezza e semplicemente perfetta. La storia arcinota è una non fiction, un non movie, nel senso che il plot viene raccontato in verità da una corrispondenza epistolare che i due protagonisti,

Andy e Melissa, iniziano dalla tenera età preadolescenziale, per continuare fino alla morte. Esatto, avete capito bene, tutto lo spettacolo si basa sulla lettura di lettere, parole profuse alternatamente e testi capaci di raccontare così finemente e profondamente i due personaggi da far impallidire le migliori sceneggiature cinematografiche. Andy e Melissa piccoli sono stati interpretati da due dei giovani attori della Compagnia Piccoli per Caso, che, unici in Italia, percorrono la lunghissima strada del teatro fin da giovanissimi. Unico esperimento esemplare nel nostro paese, ampiamente omaggiato alla fine dello spettacolo. Anche perché tra le giovani attrici figura Veronica Benassi, la nipote di Valeria Valeri ed Enrico Maria Salerno. Promessa auspicata, ancora in erba ma sulla buona via E dopo di lei si alterneranno a interpretare la parte dei due “piccoli” Andy e Melissa gli altri membri della Compagnia. E che dire dei due maestri? Intensi, accorati, perfettamente calati nel ruolo, come se avessero vestito quei panni da sempre.

Un calore, un’anima così profondi sono emanati dalle loro voci piene, melodiche, mai fuori luogo, sofferenti e languide all’occorrenza. Che ci hanno saputo trasportare attraverso cinquant’anni della storia d’America con una leggiadria, una fermezza, un orchestrazione sinfonica piena di ritmo e cadenza. Ogni tono, ogni nota, ogni suono e sospiro tremendamente in linea col sentimento, le sensazioni scaturite dai messaggi che i due, Andy e Melissa, hanno avuto la forza e la perseverante costanza di regalarsi per tutta una vita, arrivano fino alla platea senza sosta e difficoltà. Nemmeno una storia d’amore sarebbe durata tanto a lungo, se fosse stata vissuta attraverso i mezzi avanzati di cui disponiamo oggi. Invece la bellezza della missiva cartacea, la corrispondenza d’amorosi sensi si è tutta profusa sulla scena, narrandoci con dolcezza l’impossibilità, a volte, dell’amore.

E quei due mostri sacri del teatro hanno fatto davvero credere che tutto sia possibile, purché viva nell’immaginazione. Alla fine si piange, ci si commuove, si rimane atterriti dalla potenza che la semplice parola, a volte, può generare. Ed è in momenti come questo che è ancora lecito credere e sperare che in fondo l’arte, come l’amore, abbia la magica e onnipotente capacità di cambiare il mondo.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 05/12/2021 23:12:21

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Recensioni

Autore: Recensione del nostro inviato Ettore Mazzanti
Data: 17/01/2020
Recensione: Tango del calcio di rigore - con Neri Marcorè - al Brancaccio fino al 19 Gennaio

Ritmo, passaggi rapidi e dribbling dei cocenti e pesanti temi condivisi, senza commettere falli di gioco troppo evidenti che facciano sussultare gli spettatori dell’arena Brancaccio.

Leggi l'articolo

Autore: Recensione del nostro inviato Ettore Mazzanti
Data: 14/01/2020
Recensione: Tosca e altre due - Teatro Belli

E’ di genio prendere a pretesto una narrazione arcinota, Tosca, per costruirne una parallela che conduce su un binario parallelo ad un’altra dimensione umana. 

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 23/12/2019
Recensione: un insolito Natale al Teatro Vascello

Uno spettacolo per bambini e adulti, in scena dal 21 dicembre al 6 gennaio per accompagnare in allegria le festività natalizie. 

Leggi l'articolo

Autore: Recensione del nostro inviato - Ettore Mazzanti
Data: 20/12/2019
Recensione: Ismael, in viaggio dalla Siria - Off Off Theatre

Si annusano situazioni, si cercano elementi che accomunano, che ci rendono uguali a prescindere dal luogo di nascita. Il mare è blu dappertutto. Le parole hanno il medesimo senso.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -