Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Satira  
Auditorium, Festival delle Scienze: i linguaggi. Storia semiseria della nascita di una 'frase'

Auditorium, Festival delle Scienze: i linguaggi. Storia semiseria della nascita di una 'frase'
Autore: Luca Nasetti - Redazione Cultura
Data: 25/01/2014

Parla come mangi. Detto ormai in disuso e sdoganato, da oggi si deve dire “parla come pensi”. Luoghi comuni popolari invero, il cui significato è noto ai più (non a tutti, perché molti sempre più spesso si dimenticano di usare il filtro posto alla base del cervello e danno sfogo a pensieri non proprio politically correct).

Sta di fatto che le scienze di oggi preferiscono affermare (con qualche ombra di dubbio, tra un po’ vedremo quali), che i linguaggi e le lingue naturali non seguono regole convenzionali per strutturare una frase, ma che queste abbiano un collegamento diretto con il nostro cervello (per chi lo sappia usare, è ovvio).

Ovvero, il pensiero di un uomo e non di un animale - badate bene - sembrerebbe la causa principale di ogni nostra articolazione linguistica - più o meno - veritiera. La scoperta è stata discussa ampiamente ieri (23 gennaio 2013, ndr) nel primo incontro del Festival delle Scienze dedicato ai linguaggi che si svolge all’Auditorium, da tre eminenti professori e linguisti: Andrea Moro (Pavia), Luigi Rizzi (Siena) e Philippe Schlenker (Usa).

Ora, senza nulla togliere all’interesse scientifico e pratico delle ricerche esposte e senza entrare nel merito della teoria (manca la competenza accademica), possiamo fare l’unica cosa che ci rimane da fare: descrivere con innocua ironia i paradossi linguistici derivanti da quella conclusione. Cioè, dimostreremo che la teoria dei linguisti è valida e verosimile perché è valido e verosimile anche l’altro luogo comune che va tanto di moda: “collega il cervello prima di parlare, perché evidentemente non sai cosa stai dicendo”.

Giochiamo un po’. Allora, a quanto pare chiunque conosca il significato di una frase sa anche in quali condizioni essa è vera o falsa. Quindi se dico un’idiozia dovrei anche rendermene conto da solo, senza che qualcuno me la spieghi. Purtroppo nella realtà non è sempre così. Ci sono persone che dicono un’idiozia ma credono invece che sia la verità. O almeno sperano che chi ascolta creda sia la verità (ma questo è un altro discorso).

Di esempi se ne potrebbero elencare una barca. Si potrebbe partire dalla politica, ma meglio rimanere in silenzio, perché dovremmo citare almeno un episodio relativo a tutte le coalizioni presenti oggi in parlamento per par condicio, compito lungo e noioso, meglio lasciar perdere. Andiamo avanti: la tv.

Mi ritornano in mente quei tre concorrenti (dico tre, uno due e tre) di un noto quiz tv della Rai che hanno sbagliato la data in cui Adolf Hitler venne nominato cancelliere del Reichstag. 1933 secondo i manuali di storia, ’48, ’64 e ’79 secondo le loro brillanti menti. Si certo, lì è questione di storia direte voi, se uno non lo sa non lo sa (scusate, ma questo è davvero un alibi di burro), ma santi numi ragioniamo un attimo: che tu (concorrente) sia nato nel ’48, nel ’64 o nel ’79 importa poco che non sappia quando Hitler si sia insediato nel parlamento tedesco, perché se è vero quello che dici allora vuol dire anche che il dittatore è più o meno tuo coetaneo, il che porterebbe a concludere che tu hai vissuto di persona la Seconda Guerra mondiale (ammesso e non concesso che tu sappia che almeno sia accaduta), cioè che mentre vedevi gioioso e felice l’Italia che batteva la Germania nel mondiale dell’82, dall’altra parte piangevi perché la Germania stessa invadeva Roma con le SS, ma solo per invidia perché hanno preso tre pappine da Rossi, Tardelli e Altobelli.

Ecco, classico esempio di “non sai quello che dici”, quindi “non sai quello che pensi”, ma lo hai detto comunque, quindi il tuo cervello non è stato la causa dell’idiozia che hai sparato, ma solo una convenzione sociale: se ci azzecco bene, altrimenti l’importante è partecipare. Ora, la teoria dei linguisti dice anche che siccome il linguaggio verbale è molto ambiguo (posso cioè interpretare in modi diversi una stessa frase), quello dei segni per i sordo muti invece supera questi problemi, cioè rende visibile i significati della lingua parlata.

Ora, non voglio mettere il dito nella piaga, ma visibile era anche il finto interprete che avrebbe dovuto tradurre nel linguaggio dei segni il discorso del presidente Usa Obama e degli altri leader mondiali alla cerimonia in ricordo di Nelson Mandela, lo scorso 10 dicembre allo stadio di Soweto, e invece ha fatto dei segni a caso.

Non è stato neanche in grado di tradurre termini semplici come “grazie” o “Mandela”. Quel genio si è inventato di sana pianta tutti i gesti che ha fatto. Ora, quale mente diabolica non è stata in grado di capire che quel signore aveva il cervello disconnesso dalle proprie braccia e mani? Alla domanda non voglio neanche trovare risposta. Non serve. Sarebbe inutile. Quindi linguisti di tutto il mondo, sappiate che le chiacchiere stanno a zero: alla gente interessa solo il “detto”, e non il modo in cui si dice. Per questo me torno a parlare come mangio, perché in fondo le tradizioni sono anche la nostra cultura.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 24/09/2020 15:57:00

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Satira

Autore: Davide
Data: 22/04/2013
Condominio ItaliaI soliti zerbini davanti alle porte. Le solite gomme americane attaccate sugli scalini dell'androne. Le solite sigarette buttate nelle aiole. Le solite targhette unte e bisunte dell'ascensore. "MPS. Manutenzione Pianteante Sollevattrici. Ditta responsabile della manutenzione. Max carico 130 kili. Max 4 persone."
Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 08/04/2013
Ingroia l ' errante: dalla Rivoluzione alla RiscossioneIngroia ha anche un’altra peculiarità che certamente verrà studiata scientificamente nei decenni a venire: quella di sapere rimbalzare plasticamente, proprio come una pallina di gomma. Lo prendi, lo sbatti lì, lui rimbalza, torna indietro, risbatte – random (…) – da un’altra parte. Lo prendono e tentano di tirarlo da un’altro lato (Aosta).
Leggi l'articolo

Autore: Davide
Data: 05/04/2013
Crisi di Governo: una soluzione...stupefacente

Bersani ha di nascosto sostituito in privato il suo sigarone con una E-sigarette con ricarica dalla ricetta segreta dal nome Jamaica Sweet. Ecco la spiegazione al suo tentativo malgrado l'evidenza a tentare ancora di presentarsi come il futuro presidente del consiglio. Grasso cerca di limitare i danni imponendo limiti sul consumo alla Buvette che non potrà più vendere le cartine lunghe.

Leggi l'articolo

Autore: Davide
Data: 04/04/2013
W l'Italia

Che l'Italia fosse un paese che già  in passato ha fatto ridere non è una novità . Gli altri Stati da che l'Italia è unita ci dipingono come una sorta di Pulcinella tutto pizza e mandolino o come un Arlecchino servitore di 2 o più padroni. Non c'è quindi da stupirsi che ci si sia affidati soprattutto negli ultimi anni a pianisti da piano bar o cabarettisti da poco riconvertiti ad una delle tante neo religioni stile Scientology con tanto di Casaleggio gurù a cui manca il saio stile accappatoio di "Quelo". Che dire poi di un leader di sinistra che sembra si faccia scrivere i testi da un comico anche egli genovese?

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -