Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Caso Merk: vi dimostro come e' possibile che si creino vaccini per produrre malattie

Caso Merk: vi dimostro come e' possibile che si creino vaccini per produrre malattie
Autore: Il DIrettore: Emilia Urso Anfuso
Data: 01/02/2014

Come molti lettori che mi seguono da anni sanno, mi sono ampiamente occupata negli ultimi 5 anni in particolare, del tema dei vaccini, delle “pandemie” e di ciò che le Case Farmaceutiche realizzano ai danni della popolazione mondiale.

Piccola premessa: per coloro che ritengono che, le Case Farmaceutiche operino per il bene dell’Umanità e il loro scopo primario sia quello di salvare ogni giorno il più alto numero di vite umane, ho una buona e una cattiva notizia. Prima la buona: certamente migliaia di brevetti farmaceutici rilasciati, da anni salvano vite umane in ogni angolo del globo e, nel quotidiano, levano parecchi disturbi fastidiosi di vario genere. La cattiva notizia è: le industrie farmaceutiche sono imprese economiche il cui core business è quello di produrre farmaci e di venderne il più alto numero possibile.

Cosa significano la buona e la cattiva notizia messe insieme? Che se è pur vero che grazie alla ricerca farmaceutica nell’ultimo secolo malattie quali la poliomielite o la tubercolosi sono state quasi del tutto debellate è anche vero che, ogni giorno le industrie farmaceutiche internazionali di concerto con i governi mondiali e l’OMSOrganizzazione Mondiale per la Sanità – producono una serie di aberrazioni ai danni dell’umanità del tutto ignara di tanti accadimenti.

Quali sono queste aberrazioni? Provate a riflettere su un criterio. Se come appena scritto è vero che grazie alla ricerca scientifica in campo farmacologico nel mondo molte malattie in alcune aree sono state debellate – attenzione, in alcune aree mondiali, non in tutte – è verissimo che le potentissime industrie farmaceutiche hanno lo scopo di produrre fondamentalmente bilanci societari sempre più ricchi.

Provate ora a pensare di essere titolare di una grande industria farmaceutica e di dover far crescere sempre più la vostra impresa. Se debellaste le malattie o quantomeno le moderaste grazie ai farmaci che producete, come potreste pensare di andare avanti imprenditorialmente parlando? Chiudereste in breve tempo. Grandi encomi pubblici per aver salvato un tot di vite umane ma, poco dopo, vi ritrovereste con l’industria chiusa e la bega di trovare un altro core business in cui lanciarvi, magari nelle automobili di gran lusso, che tirano sempre.

Detto ciò: torno per un attimo a un tema che appunto ho trattato approfonditamente: i vaccini. Siano essi antinfluenzali o di qualsivoglia specie.

Ricorderete in molti la mia articolata inchiesta realizzata nel periodo storico recente e in virtù dell’inquietante tendenza a livello mondiale di sciorinare la convinzione che in tutto il pianeta ci fossero ceppi influenzali pandemici altamente pericolosi per la vita. Pezzo dopo pezzo, ho smontato negli anni questa persecuzione, provando con elementi certi e dati, che di “pandemia” manco l’ombra ma di milioni e milioni di dosi di vaccino da vendere, i magazzini delle industrie farmaceutiche erano – e sono – zeppi. Vaccini peraltro, ampiamente fuori norma dal momento che, la quasi totalità di quelli smerciati “alla gleba” mondiale, erano taroccati. Come? Con la strategia dell’utilizzo di pochissimo principio attivo – a volte del 2,5% contro il 7,5% necessario – per spender meno alla produzione, ma con l’aggiunta dello Squalene, elemento che “attiva” do fatto quel poco di principio attivo altrimenti del tutto inefficace.

Dov’era il problema, direte voi? Che al di là della truffa bella e buona di mettere in commercio vaccini con un minimo di principio attivo e quindi andando contro tutte le norme in vigore in tema di vaccini, lo Squalene introdotto al solo fine di “accendere la miccia” al principio attivo è una vera e propria minaccia per l’organismo umano. Lo sanno bene i migliaia di militari che parteciparono alla Guerra de Golfo e a cui fu imposta la vaccinazione con i primi vaccini addizionati allo Squalene: molti morti, molti malati di malattie pesantemente invalidanti.

Per maggior informazione, lo Squalene è un adiuvante: è cioè un elemento utile all’attivazione di un qualcosa, nel caso dei vaccini – come già scritto – del principio attivo.

Lo Squalene peraltro, è già presente nell’organismo umano in piccole dosi ma, ancor oggi, la Scienza non si è espressa ufficialmente sugli effetti di eventuali addizioni esogene (che provengono dal di fuori)

Tutto questo discorso, per giungere a un tema dibattuto sui Media e specialmente su Internet: ma è vero o no che la Casa Farmaceutica Merkc è arrivata a “condire” i propri vaccini con il Virus dell’HIV e anche con cellule tumorali?

Il dibattito tormentone ancora in atto, genera poca chiarezza. Dubbi, conferme, bufale, dichiarazioni e contro dichiarazioni. Indignazione generale e – di contro – canzonatorie affermazioni da parte di “illustri esperti” di non si sa bene cosa su blog di vario genere, di cui il web pullula.

Come diceva un caro amico campano, scomparso diversi anni fa: “La verità, non la sapremo mai” io aggiungo però:  se due più due fa ancora quattro vi invito a riflettere attraverso il vostro cervello. Distribuire vaccini occultamente addizionati di virus quali l’IHV è un danno terribile per le popolazioni mondiali ma, provate a pensare quale doppio canale di introiti miliardari si garantisce chi architetta cotanta satanica strategia. Da un lato vendere milioni di dosi di “vaccino” dall’altra si garantisce milioni di malati di HIV che, guarda caso poi, può “curare” vendendo costosissimi farmaci e mantenendo in vita poveri e ignari umani che hanno avuto solo la “stupida” idea di fidarsi di altri esseri umani.

Sta di fatto che, la Merck – che ha portato avanti una sperimentazione umana con un vaccino contro l’HIV, ha dovuto bloccare la sperimentazione perché questi vaccini a quanto pare producono un maggior rischio di contrarre l’IHV.

Attenzione: per tutti coloro che subito vorrebbero rispondermi “Ma un vaccino contiene sempre il virus della malattia che deve combattere proprio attraverso l’attivazione degli anticorpi rendendoci immuni”. Blocco tale risposta eventuale – così da non riempire le nostre caselle email redazionali – non è di questo tipo di vaccinazioni che sto parlando.

In chiusura, vi regalo una documentazione preziosa: dimostra come l’IHV sia stato  creato e diffuso attraverso una strategia mirata.

Il fatto che certe potenti entità industriali non vengano mai bloccate con ingiunzioni, arresti e compagnia briscola non è di fatto elemento probatorio di innocenza, dal momento che, come si sa, ogni giorno in tutto il mondo potenti industriali e politici e banchieri, non vanno a finire in galera specialmente quando generano fatturati miliardari o favori di livello notevole. Insabbiare persino le inchieste più eclatanti è robetta. Ricordo ad esempio come, l'inchiesta cui fu sottoposta la Impregilo s.p.a. quando ci fu il terremoto in Abruzzo il 6 Aprile 2006 e crollò buona parte dell'Ospedale S.Salvatore - causando alcune vittime. La Impregilo avrebbe dovuto - per appalto - mettere in sicurezza l'Ospedale. Prese i soldi ma non effettuo' nemmeno le verifiche. Addirittura, si scopri' che l'Ospedale non era nemmeno accatastato. Ebbene, dell'inchiesta sulla Impregilo nel posto sisma in Abruzzo, nessuno sa più nulla e nessuno mai più ha parlato.

DOCUMENTI UFFICIALI HIV/AIDS

Ai link che trovate di seguito, alcuni dei miei articoli / inchiesta sul tema dei vaccini e delle pandemie

http://www.gliscomunicati.it/RisultatoRicerca.asp?TerminiDaCercare=Pandemie&DoveCercare=Title+ShortDesc+LongDesc&DaData=01%2F02%2F2007&AData=01%2F02%2F2014&TipoRicerca=AND&Submit=Avvia+ricerca

http://www.gliscomunicati.it/RisultatoRicerca.asp?TerminiDaCercare=H1N1&DoveCercare=Title+ShortDesc+LongDesc&DaData=01%2F02%2F2007&AData=01%2F02%2F2014&TipoRicerca=AND&Submit=Avvia+ricerca

http://www.gliscomunicati.it/RisultatoRicerca.asp?TerminiDaCercare=Vaccini&DoveCercare=Title+ShortDesc+LongDesc&DaData=01%2F02%2F2007&AData=01%2F02%2F2014&TipoRicerca=AND&Submit=Avvia+ricerca


http://www.gliscomunicati.it/content.asp?contentId=1328

http://www.gliscomunicati.it/content.asp?contentId=1383

Volete notizie di cronaca recente su Merck? leggete i due link di seguito:

http://www.articolotre.com/2014/01/vetro-nei-vaccini-la-merck-ritira-743-360-fiale-di-gardasil/245489

http://www.articolotre.com/2014/01/un-filmato-conferma-che-la-merck-inoculo-il-virus-del-cancro-a-mezzo-vaccini-antifertilita/248421

 

Creative Commons License
Caso Merk: vi dimostro come e' possibile che si producano vaccini per produrre malattie by Emilia Urso Anfuso is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.
Based on a work at http://www.gliscomunicati.it/Content.asp?contentid=3500.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/01/2020 00:30:50

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/01/2020
Policlinico Umberto I: Dipartimento di chirurgia Valdoni e un bel ricordo da conservare nel cuore

Sapere che sì, esistono luoghi di cura, che ancora oggi si possa contare sull’attenzione, la professionalità e l’umanità di professionisti a cui chiediamo di prendersi la responsabilità della nostra vita, è un grande valore.

Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 19/01/2020
Università: le scelte alternative per chi non passa il test a Medicina

Nel 2019 sono stati 68.694 gli iscritti ai test d’ingresso, a fronte di soli 11.698 posti disponibili nei vari atenei dislocati sul territorio nazionale...

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 12/01/2020
'L’odore della vagina' e la follia di chi la compra

Il punto è la candela, il business, i soldi spesi per un moccolo firmato e profumato? No, il punto è un altro e ve lo spiego. Non esistono più limiti. A cosa? A qualsiasi cosa. Qualcuno potrebbe dire: “Ma dai, che vuoi che sia…” e come al solito si rimette tutto nelle mani del “Esistono cose peggiori e più gravi”.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/01/2020
Dittatura intangibile: gravi le dichiarazioni del ministro Paola Pisano sulla password di Stato

Non esiste libertà quando essa è controllata a 360° dallo Stato. Non esiste libertà attraverso la tecnologia, se è la tecnologia a controllare te.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -