Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
E' finita la fuga di Domenico Cutri'

E' finita la fuga di Domenico Cutri'
Autore: Teresa.Corrado
Data: 09/02/2014 17:14:24

La fuga di Domenico Cutri’ e’ finita la notte scorsa, quando i Carabinieri del Gis (Gruppo Intervento Speciale), hanno fatto irruzione nel suo covo e lo hanno trovato addormentato. Una fortuna per gli agenti che così hanno potuto evitare un nuovo scontro a fuoco, l’uomo, infatti, dormiva con una pistola 375 magnum carica, accanto al letto. 

Non aveva fatto molta strada Domenico, si era rifugiato non lontano da Inveruno, nell’Alto milanese, dove risiede la sua famiglia, anche se era ricercato in tutta Italia. Il covo era una palazzina in ristrutturazione dove questi ha dormito e si è rifugiato, era pieno di scatoloni e giornali. 

L’uomo è stato trasferito immediatamente al carcere milanese di Opera, dove si trova anche suo fratello Daniele, arrestato perché accusato di far parte del commando che lo aveva liberato. I due sono stati rinchiusi in un settore ad alta sicurezza. Domenico Cutri’, dopo essere stato arrestato, si è chiuso nel silenzio.

Insieme a lui è finito in manette anche Luca Greco di 35 anni, pregiudicato, ritrovato nella stessa casa dove si stava nascondendo il boss, con l’accusa di aver fatto parte del commando che lunedì scorso aveva liberato Cutri’ a Gallarate, fuori dal Tribunale. Nello scontro a fuoco di lunedì, era rimasto ucciso un altro fratello di Domenico, Antonino, raggiunto da colpi di arma da fuoco degli agenti di polizia penitenziaria che avevano sotto scorta  Domenico. L’evaso era stato condannato in appello all’ergastolo per essere il mandante dell’omicidio di un giovane polacco, la cui colpa era quella di aver fatto delle avance alla ragazza del boss.

In settimana erano finiti in manette anche gli altri componenti del commando che avevano fatto evadere Cutri’ dal carcere. Quattro erano stati arrestati a Cellio (Vercelli) nel covo allestito dalla banda, uno a Napoli. Gli altri appartenenti al commando erano i fratelli di Domenico Cutri’, Antonino morto nel conflitto a fuoco con gli agenti penitenziali e Daniele di 23 anni, fermato solo due giorni fa.

In carcere è finita anche la compagna di Antonino Cutri’, Carlotta Di Lauro, che gli agenti accusano di favoreggiamento, per aver fornito supporto logistico durante l’evasione. La donna è stata irreperibile per alcuni giorni, poi gli agenti sono riusciti ad arrestarla domenica sera a casa dei genitori, dove si era rifugiata insieme al figlio di cinque anni. 

Il plauso della cattura, in soli sei giorni, dell’evaso e del commando che si è adoperato per far evadere Domenico Cutri’, è da attribuire alla collaborazione tra i carabinieri di Varese, Milano e del Ros (Raggruppamento operativo speciale) che hanno individuato il covo, e il Gis che si è occupato invece, della cattura dell’evaso. 

Le indagini hanno smantellato tutta l’operazione, gestita dalla famiglia Cutri’. Non a caso sono rimaste indelebili le parole della madre che, quando ha rivolto un appello al figlio evaso, dopo la morte del fratello, lo ha esortato a non farsi catturare. Il padre, invece, alla richiesta di commenti, da parte dei giornalisti, dopo la cattura del figlio, ha solo detto: “Non è il momento, non voglio dire nulla…”

In silenzio restano anche i vicini di casa che non hanno voglia di commentare né l’evasione e nemmeno la vicinanza del covo alla casa dove risiede la famiglia.

 



Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/10/2019 07:23:19

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 19/10/2019 07:52:01
Felice Maniero torna in cella: maltrattamenti alla compagna

Felice Maniero, ex boss della mala del Brenta, viveva da tempo a Brescia con un nuovo nome.

Leggi l'articolo

Autore: Primo Mastrantoni - Redazione Politica
Data: 19/10/2019 07:12:51
Politica e credibilità

Si può definire la credibilità come la capacità della autorità  politica di convincere le persone che gli impegni presi saranno mantenuti e che, quindi, le loro azioni future saranno coerenti con gli annunci fatti in precedenza.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 09/10/2019 13:38:18
Operazione Rouge et Noir: Cassazione conferma sequestro di 215 milioni per Francesco Corallo

La difesa di Corallo aveva chiesto la riduzione dell’importo sequestrato a poco più di 99 milioni, sulla base «dei successivi rientri di somme di denaro dall’estero per far fronte ai pagamenti fiscali e del Preu»

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 06/10/2019 07:43:55
Cosenza: incidente frontale causa la morte di 4 giovani e il ferimento di due persone

Due automobili, una  Volkswagen Polo e una Citreoen C3, si sono scontrate frontalmente nei pressi del chilometro 25+500 della strada statale 107, all'altezza degli svincoli di Paino Montello e Surdo. I quattro ragazzi che sono deceduti si trovavano a bordo della Volksvagen. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -