Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Recensioni  
Sense of Wine: i migliori vini italiani di Luca Maroni

Sense of Wine: i migliori vini italiani di Luca Maroni
Autore: Nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 10/02/2014

Si è svolto a Roma, dal 6 al 9 febbraio, presso il Complesso Monumentale di Santo Spirito in Sassia a Roma, un evento di tre giorni di degustazioni, presenti alcune delle migliori case vinicole d’Italia. Evento eccezionale già per la scelta della location, un complesso monumentale del 1400 in pieno centro storico a pochi metri dalla Basilica di San Pietro, nelle tre giornate in cui si è svolto, l’affluenza di visitatori, degustatori, assaggiatori amatoriali e neofiti, è stata incessante e costante, come ci ha detto Duilio Papetti, sommelier dal 2008 e grande frequentatore di eventi Ais organizzati in tutta Roma “già dal primo pomeriggio si vedeva gente arrivare, è stato un bel successo di affluenza.

Questo è il secondo anno che l’evento si svolge qui, a Santo Spirito in Sassia, e sicuramente il prestigio del luogo aiuta ad attirare più persone”. Gli stand sono divisi per regione, ciascuna ha presentato i migliori vini prodotti da case vinicole rinomate e note.

Tanto per citarne alcuni, dalla Sicilia un ottimo Donnafugata Chiarandà del 2010, e un Nero D’Avola Harmonium del 2012, qualificato come miglior rosso d’Italia; dal Piemonte il Barbera d’Asti Bera rosso del 2010 e il Merum Bellicoso del 2011, vini d’eccellenza con ottimi punteggi. Dal Lazio l’Azienda vinicola Poggio Le Volpi, dal 1996 e già di terza generazione, ha presentato il Donnaluce del 2012, un bianco che si merita 98 punti. Dall’Abruzzo la Cantina Diubaldo Vini ha proposto un ottimo Montepulciano D’Abruzzo Zauott del 2010, che, ci spiega il proprietario “in dialetto significa ragazzo”. Caratteristica la scelta di applicare un’etichetta in stoffa perché “la zona è anche rinomata per produzioni tessili,  per questo ci siamo ispirati alla particolarità del luogo, anche se l’etichetta non deve distrarre da quella che è la qualità effettiva del vino, ma sicuramente aiuta ad attirare l’attenzione del pubblico”.

Ad accompagnare i vini anche degustazioni alimentari di prodotti tipici come marmellate, cioccolata, creme di lumache, tartufo, crostini assortiti, formaggi e porchetta. Tra le iniziative da ricordare quella de La Degustazione.com che si prefigge di promuovere prodotti di nicchia, fuori dal grande circuito mediatico e commerciale, che però mantengano l’altissima qualità tipica di una dedizione assidua da parte dei produttori.

E quindi accanto ad una salsa di lumache ‘alla Cantalupese’ hanno proposto l’accostamento di un vino poco pubblicizzato, un Vermentino di Gallura, Matteu bianco, abbastanza fresco, morbido e con un sapore poco persistente. Per terminare questo percorso attraverso le diverse regioni d’Italia si arriva allo stand del Veneto, che ha presentato un Moscato Passito dei Colli Euganei, prodotto dalla Fattoria Monte Fasolo che, come ci spiega la proprietaria, Gabriella Mazzucato “è un 100% moscato giallo, fior d’arancio docg del 2008”. Le chiediamo come si prepara. “E’ un processo molto complicato – continua la signora Mazzucato – innanzitutto è un vino dalla vita lunghissima. Si raccoglie a Settembre, in cassette altissime e forate.

Si pone l’uva su un solo strato lasciando uno spesso margine di aria nella parte alta. Poi in cantina avviene l’appassimento e poiché da noi il clima è indecente – lo dice ridendo – siamo costretti a mettere l’uva a contatto con deumidificatori e ventilatori. In tre mesi di appassimento si perde il 50% del peso iniziale, quindi c’è una resa zuccherina molto alta e il prodotto risulta dolce e profumato. Poi l’uva viene lavorata in solo acciaio e secondo le indicazioni del nostro attuale enologo, si evita accuratamente il legno che altrimenti altererebbe il sapore del vino. Si può abbinare a formaggi erborinati, come pecorini molto stagionati e formaggi blu come il gorgonzola.

Per completare l’esaltazione del sapore, ai formaggi si possono accompagnare cereali che smorzano la forza della stagionatura”. La strada per conoscere il vino, i suoi segreti e gustarne tutta la sua immensa ricchezza è ancora molto lunga, ma certamente eventi come questo appena conclusosi possono favorire e incentivare un mondo, come quello del vino e di tutto ciò che lo circonda, tanto antico eppure sempre attuale. 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 14/08/2022 14:17:32

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Recensioni

Autore: Recensione del nostro inviato Ettore Mazzanti
Data: 17/01/2020
Recensione: Tango del calcio di rigore - con Neri Marcorè - al Brancaccio fino al 19 Gennaio

Ritmo, passaggi rapidi e dribbling dei cocenti e pesanti temi condivisi, senza commettere falli di gioco troppo evidenti che facciano sussultare gli spettatori dell’arena Brancaccio.

Leggi l'articolo

Autore: Recensione del nostro inviato Ettore Mazzanti
Data: 14/01/2020
Recensione: Tosca e altre due - Teatro Belli

E’ di genio prendere a pretesto una narrazione arcinota, Tosca, per costruirne una parallela che conduce su un binario parallelo ad un’altra dimensione umana. 

Leggi l'articolo

Autore: Recensione della nostra inviata Susanna Schivardi
Data: 23/12/2019
Recensione: un insolito Natale al Teatro Vascello

Uno spettacolo per bambini e adulti, in scena dal 21 dicembre al 6 gennaio per accompagnare in allegria le festività natalizie. 

Leggi l'articolo

Autore: Recensione del nostro inviato - Ettore Mazzanti
Data: 20/12/2019
Recensione: Ismael, in viaggio dalla Siria - Off Off Theatre

Si annusano situazioni, si cercano elementi che accomunano, che ci rendono uguali a prescindere dal luogo di nascita. Il mare è blu dappertutto. Le parole hanno il medesimo senso.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -