Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Teatro  
Teatro Vascello: La Tempesta di W. Shakespeare - Dal 25 Febbraio al 16 Marzo

Teatro Vascello: La Tempesta di W. Shakespeare - Dal 25 Febbraio al 16 Marzo
Autore: Redazione Cultura
Data: 18/02/2014

 

25 febbraio - 16 marzo 2014
TSI La Fabbrica dell'Attore - Popular Shakespeare Kompany

LA TEMPESTA
di William Shakespeare

Regia di VALERIO BINASCO
Spettacolo della Popular Shakespeare Kompany
con (in o.a.): Alberto Astorri, Valerio Binasco, Fabrizio Contri, Andrea Di Casa, Simone Luglio, Gianmaria Martini, Deniz Ozdogan, Fulvio Pepe, Sergio Romano, Roberto Turchetta, Ivan Zerbinati

Musiche originali: Arturo Annecchino
Scene: Carlo de Marino
Costumi: Sandra Cardini


Dopo il successo di Romeo e Giulietta (produzione Teatro Eliseo 2011, con Riccardo Scamarcio e Deniz Ozdogan) e quello de Il Mercante di Venezia con Silvio Orlando nel ruolo di Shylock a Verona, la Popular Shakespeare Kompany - nata con l'obiettivo di mettere in scena ogni anno un classico della letteratura shakespeariana con la motivazione di continuare a offrire al pubblico grandi testi - torna a Roma, per la prima volta al Teatro Vascello dal 25 Febbraio al 16 Marzo 2014, con uno dei testi più misteriosi e affascinanti del teatro mondiale, La Tempesta, con Valerio Binasco nel duplice ruolo di regista e del protagonista, Prospero. Per il nuovo allestimento di una delle pièce più 'magiche' di Shakespeare, appartenente alla sua ultima fase creativa - quella dei 'romances' in cui rielabora, in dimensione mitica e sacrale, le grandi tematiche delle tragedie e commedie precedenti - saranno in scena con Binasco gli attori dell'avventura iniziata nel 2011: Fabrizio Contri, Andrea Di Casa, Simone Luglio, Gianmaria Martini, Deniz Ozdogan, Fulvio Pepe, Roberto Turchetta. Al suo fianco, i collaboratori di sempre Arturo Annecchino, Sandra Cardini, Carlo de Marino e Nicoletta Robello.


VALERIO BINASCO
Pluripremiato sia come regista che come attore in più momenti di una carriera che spazia dal cinema al teatro con Carlo Cecchi (tra cui la significativa esperienza dedicata al Bardo al Teatro Garibaldi di Palermo), ha recentemente recitato nella serie per Sky ideata da Stefano Accorsi, 1992, in cui interpreta Mario Chiesa. Quest'estate porterà in scena all'Arena di Verona il suo primo spettacolo di Goldoni, Il Bugiardo, affiancato da
Maurizio Lastrico, noto comico di Zelig. Ad ottobre arriverà a Roma Il Mercante di Venezia con Silvio Orlando. Questa primavera sarà invece sul set di Alaska di Claudio Cupellini con Elio Germano, con cui ha lavorato anche nell'ultimo film di Mario Martone, Il giovane favoloso. Con Martone, Binasco ha realizzato, nel 2010, Noi credevamo, vincitore di sette David di Donatello.

NOTE DI REGIA
Shakespeare è il miglior amico dell'umanità.  Nessuno l'ha compresa e raccontata meglio di lui. Quando si legge, o ancor meglio, quando si recita Shakespeare, la tragica inutilità dell'esperienza di vivere sembra invece un dono, un'occasione straordinaria.  Io debbo a lui più di una nascita, più di una salvezza. L'ultima è forse la più significativa:  nel suo nome abbiamo fondato la Popular Shakespeare Kompany, con attori che nel giro di pochissimi anni hanno portato in giro per l'Italia ben tre grandi classici del suo repertorio. Quest'anno la Popular Shakespeare Kompany  presenta nei teatri sia Il Mercante di Venezia che La Tempesta

Il grande successo che festeggia i nostri spettacoli ci dice che il pubblico ha ancora un incessante bisogno della magia del suo teatro.  Shakespeare, per noi,  è il teatro. Un teatro così grande che sconfina nella nostra vita, che ci rivela continuamente qualcosa. Il dono più grande che si possa ricevere da un artista, è la sua Vitalità. La vitalità è felicità per la vita. Shakespeare è questo. I nostri spettacoli scommettono tutto sul magico riaccendersi della Vitalità, e ogni volta che si cominciano le prove di un suo testo, veniamo presi e trascinati in una corrente di sentimenti e di rivelazioni, di cui poi ci sforziamo di essere i testimoni 'viventi' sulla scena. Quando ci riusciamo anche solo un po', ci pare di aver partecipato a una festa. La festa di essere vivi, qui adesso.  Solo in quei rari momenti ci ricordiamo che facciamo il Teatro per essere felici.  L'incessante capacità di Shakespeare di apparire contemporaneo, dipende dal fatto che nessuno ha mai saputo cogliere l'avventura di  vivere con altrettanta semplicità , e potenza.  L'umanità è sempre la stessa, da sempre. Non è mai cambiata.

Da Omero a oggi siamo sempre qui, sotto il sole o nelle tenebre con le stesse paure, con gli stessi amori, con lo stesso cieco dolore, e con le stesse risate.  E l'esperienza della vita è sempre quella, da sempre e per sempre. Shakespeare è il nostro cantore, e il nostro consolatore. Dipinge la nostra vita come se facesse parte in modo organico e perfetto della Natura stessa. Racconta le nostre luci e le nostre tenebre come se davvero tutti noi fossimo figli di Dio. E, pur con tutti i nostri difetti, ne fossimo degni. Personalmente, penso che Shakespeare sia un mago. L'umanità ha, da sempre, un disperato bisogno di maghi. Un bisogno così grande, che ogni tanto ne nasce perfino qualcuno. Di solito, sono artisti. Shakespeare è stato un mago dei più potenti.

Dalle semplici tracce dei suoi passi, continuano a brillare incantesimi, a sbocciare fiori incantati. Noi siamo i suoi piccoli apprendisti stregoni che - al pari di Mickey Mouse in Fantasia - cerchiamo di raccogliere un poco di magia tra le pieghe del berretto del Maestro. Ogni volta che ci riusciamo, anche solo un po', ci pare di capire che l'arte di Shakespeare è stata donata al mondo per aiutare il pubblico a farsi più umano. Gran parte del fascino de La Tempesta dipende dal suo mistero. Cercare il bandolo della matassa è inutile. Meglio puntare dritti al cuore della matassa e perdersi. Qual è il cuore de La Tempesta? E' un dramma (malinconicamente) giocoso sulla fine della civiltà, sulla fine della vita e sulla fine delle cose in generale. Qual è la lezione per noi oggi? C'è solo da comprendere. E comprendere non è perdonare. È arrendersi. Alla fine, resterà solo l'eroismo degli arresi. E Prospero, con fatica, si arrende. Anche se, dicono, ha vinto.

Prezzi:
20,00 euro intero – 15,00 euro ridotto




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 14/08/2022 14:20:11

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Teatro

Autore: Carla Fabi - Redazione Cultura
Data: 27/05/2020
Roma, Teatro Lo Spazio - Il 4 Giugno l'insegna si riaccende in segno di speranza

Poco prima dell'inizio della crisi da Coronavirus, il Teatro Lo Spazio di Roma è stato affidato alla guida di Manuel Paruccini...

Leggi l'articolo

Autore: Carla Fabi - Redazione Cultura
Data: 01/05/2020
Andrea Rivera dal 7 Maggio su Vimeo - Teatro Online

Nell'epoca in cui le sale teatrali sono ferme, per far fronte a quella mancanza da "sipario chiuso", è necessario reinventarsi e pensare al futuro.

Leggi l'articolo

Autore: Maya Amenduni - Redazione Cultura
Data: 23/03/2020
Teatro le Maschere in streaming da lunedì 23 marzo con: TRE OMINI NEL BOSCO

Un cantastorie accompagna il pubblico in un alternarsi di narrazione e azione attraverso il complesso percorso di crescita di una fanciulla narrato nel rispetto della ricca e tradizionale simbologia delle fiabe

Leggi l'articolo

Autore: Eleonora Turco - Redazione Cultura
Data: 04/03/2020
Roma, Teatro Studio Uno - 12-15 marzo - in prima assoluta 'Malleus Maleficarum'Debutta in prima assoluta al Teatro Studio Uno dal 12 al 15 marzo 2020 Malleus Maleficarum
Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -