Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Kiev: continuano gli scontri, 25 morti

Kiev: continuano gli scontri, 25 morti
Autore: Teresa.Corrado
Data: 19/02/2014

Lunga notte di protesta quella che è appena trascorsa a Kiev, dove le manifestazioni degli oppositori dell’attuale governo, si sono trasformate in veri e propri scontri tra dimostranti e forze dell’ordine. Il bilancio provvisorio è di 25 morti, tra cui 13 civili e 7 agenti. Il numero potrebbe aumentare, visto che i dati sono provvisori. I feriti ricoverati sono 241 tra cui 79 poliziotti e 5 giornalisti.

Oggi le scuole e metropolitane di Kiev resteranno chiusi. È questo il risultato dell’azione organizzata dal Governo di Kiev che ha deciso di usare il pugno duro con i manifestanti, facendo sgombrare piazza Maidan Nezalezhnosti, che da tre mesi è diventata il simbolo delle proteste antigovernative.

Ieri dopo una giornata tesissima, nella quale ci sono stati raid da parte di gruppi dei manifestanti, l’ordine da parte del presidente ucraino Viktor Ianukovich di sgombrare la piazza, se non in modo civile, con la forza. Erano state date due ore per farlo, ma alla fine la polizia in tenuta antisommossa, ne aveva concesse quattro. Forte condanna di Ianukovich che ha accusato i leader dell’opposizione di voler prendere il potere con la forza, nonostante le elezioni, aggiungendo in un discorso alla nazione, mentre, gli agenti assaltavano la piazza: “Hanno passato i limiti chiamando la gente a prendere le armi. C'è una eclatante violazione della legge e i colpevoli compariranno davanti alla giustizia”.

L’assalto alle otto di sera, in uno scenario che ormai sembra una consuetudine delle ultime settimane a Kiev. Gli agenti delle forze speciali “Berkut”, erano molti e ben equipaggiata, ma si sono ritrovati a fronteggiare migliaia di manifestanti che si sono armati alla meglio. Spranghe, pietre, molotov e fuochi d’artificio, ma hanno fatto la comparsa anche alcune pistole. Tanto che il Ministero dell’Interno ha denunciato la morte di 7 agenti a causa delle armi da fuoco.

Attorno ai manifestanti vengono bruciate centinaia di pneumatici per impedire l’attacco della polizia e creare una cortina di fumo e fuoco che li protegga, ma l’attacco è stato duro. La violenza ha avuto inizio quando in mattinata era stato impedito ad un gruppo di manifestanti di recarsi presso il Parlamento dove si sarebbe discussa una riforma costituzionale per ridurre i poteri del presidente. Da qui l’escalation della protesta. Il cordone della polizia si è aperto un varco a manganellate e colpi di fucile con proiettili di gomma, anche se un manifestante è stato ucciso con un colpo alla testa da un proiettile vero.

Entrambe le parti accusano gli avversari di usare armi da fuoco.

Dura la condanna dell’ONU, da parte del segretario Ban Ki-monn e dal capo della diplomazia Ue Catherine Ashton, dalla Casa Bianca e dalla Nato. Mosca, invece, accusa la politica estera dell’asse Usa-Ue, che ha portato la violenza nelle strade di Kiev.

La situazione era già molto dura dopo la condanna di Iulia Timoshenko avvenuta prima delle elezioni a detta dei suoi sostenitori, per impedirle di partecipare alle votazioni e per portare il paese in una situazione di paura.

Le notizie che giungono da Kiev e dall’Ucraina, sono preoccupanti, perché con la corsa alle armi dei manifestanti e la lunga notte di scontri, il paese sta cadendo, inesorabilmente in una guerra civile.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 02/03/2021 06:07:29

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 27/05/2020
Traffico di droga: le società fantasma dei cartelli messicani

La rete più articolata, e che riguarda uno degli importi più elevati da record, è stata scoperta dall'Unità di informazione finanziaria (FIU) del Tesoro nel 2014.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 14/05/2020
Afghanistan: attacco a un reparto maternità di Kabul

I primi momenti della vita di un neonato dovrebbero trascorrere tra le braccia di sua madre, non in un ospedale in fiamme con proiettili e bombe che piovono...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/05/2020
Allarme Interpol: droga consegnata domicilio con il cibo

Le organizzazioni criminali stanno ricorrendo ai servizi di consegna di cibo per trasportare la droga e altre sostanze illecite, mentre i Paesi sono in preda al lockdown a causa della pandemia globale di Covid-19. 

Leggi l'articolo

Autore: Di Luca De Rossi - Redazione Esteri
Data: 07/05/2020
Coronavirus: in Olanda aumenta l'uso di cannabis a causa dell'isolamento forzato

Il consumo di cannabis in Olanda e’ aumentato durante la crisi causata dall’avvento del coronavirus.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -