Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Simonetta Cesaroni: il delitto di Via Poma 23 anni dopo

Simonetta Cesaroni: il delitto di Via Poma 23 anni dopo
Autore: Gaia La Pietra - Redazione Cronaca
Data: 27/02/2014 16:08:00

 

CSI, cold case, senza traccia e chi più ne ha più ne metta. Chi non si è imbattuto, almeno una volta, in questi telefilm in cui mostrano e tecniche di investigazione all’avanguardia, in cui analizzano ogni minimo granello di polvere, in cui anche ad anni di distanza riescono a risolvere casi e analizzare prove che non si sono deteriorate e che presentano tante di quelle informazione che neanche il testamento del colpevole potrebbe dare.

E poi ti accorgi che vivi in Italia e non a New York o a Philadelphia, e che i nostri detective non si chiamano Gil Grissom o Lilly Rush e che dopo 23 anni dall’accaduto l’unico indagato nell’omicidio di Simonetta Cesaroni è stato assolto.

Infatti la cassazione ha confermato il verdetto di non colpevolezza già sancito dal processo di secondo grado per Raniero Busco che all’epoca dei fatti era il fidanzato della vittima.

L’unico dato di fatto della storia è che il pomeriggio del 7 agosto 1990 in un appartamento di via Poma a Roma Simonetta Cesaroni è stata brutalmente uccisa con 29 coltellate inflitte con un tagliacarte. Nessuno ha visto o sentito niente. Chiunque sia stato è entrato e uscito indisturbato.

Come già detto sono passati 23 anni, di ipotesi, tentativi, insabbiamenti, prove nuove e altre smentite, insomma nulla di fatto. Si è spaziato dalla Banda della Magliana, alla follia di un ipotetico utente di video chat che l’aveva adescata, dal coinvolgimento del Vaticano ai servizi segreti preoccupati dalla scoperta da parte della vittima di documenti compromettenti.

Sono stati fatti nomi, dal portiere dello stabile al vicino di casa, sono stati proposti moventi, dal delitto passionale al delitto casuale della serie “posto sbagliato nel momento sbagliato”.  Insomma tutta una serie di voli pindarici che si sono dimostrati inconcludenti.

E in questo teatrino mediatico sono gli avvocati a tirare i fili del gioco. Hanno in mano tutto e niente. Ogni prova e testimonianza è dimostrabile e confutabile. Tutti hanno ragione e tutti hanno torto. Maggiore è la destrezza del legale maggiori saranno le possibilità di cavarsela con una stretta di mano.

Evidentemente tutti gli imputati hanno avuto questa fortuna e l’ultimo capitolo di questa reale opera teatrale si è conclusa ieri con la definitiva chiusura del sipario sull’unico indagato.  

E allora la domanda sorge spontanea: che cosa è stato fatto e soprattutto chi ha sbagliato? Perché in questa storia i colpevoli sono più di uno. Il primo è colui che l’atto l’ha commesso e l’altro è colui che doveva fare il suo lavoro e non lo ha fatto, colui che doveva indagare e invece è stato fuorviato da qualcuno o qualcosa. Il secondo è importante tanto quanto il primo, colpevole di superficialità e incompetenza.

La conclusione è che la vita non è un telefilm e che di casi come questo ne è piena la cronaca. Nessun colpevole solo una vittima che presto cadrà nel dimenticatoi e avanti il prossimo.

 

 

 

 


L'articolo ha ricevuto 1360 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/06/2019 03:20:55

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Redazione Cronaca
Data: 24/06/2019 06:45:01
Roma: terremoto di magnitudo 3.7 avvertito da molti cittadini

E' durata alcuni secondi ed è stata avvertita verso le 22:43 di ieri sera, domenica 23 giugno, una forte scossa di terremoto di magnitudo 3.7.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 22/06/2019 20:06:19
Cremona: bimba di due anni morta accoltellata. Si indaga sul padre, un ivoriano

Terribile omicidio è accaduto all'interno di un'abitazione di Cremona, dove il corpicino di una bimba di appena due anni, è stato trovato senza vita.

Leggi l'articolo

Autore: Max Murro - Redazione Cronaca
Data: 23/06/2019 06:12:16
Salerno: bimba di otto mesi arriva morta in ospedale. Indagati i genitori

E' arrivata già morta all'ospedale a Nocera Inferiore una bimba di appena otto mesi residente nel quartiere San Lorenzo a Sant'Egidio dek Monte Albino, in provincia di Salerno.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 21/06/2019 06:40:58
Rocca di Papa: è morto il sindaco

Il sindaco è la seconda vittima causata dall'esplosione del palazzo comunale, dopo la morte del delegato del primo cittadino, Vincenzo Eleuteri.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -