Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Ilva di Taranto: 53 rinvii a giudizio

Ilva di Taranto: 53 rinvii a giudizio
Autore: Teresa.Corrado
Data: 06/03/2014

Richiesto il rinvio a giudizio per 50 persone e tre società. È questo che emerge dall’ufficio del gip di Taranto, dove la Procura della Repubblica, dopo atti d’ufficio dovuti, denunce e inchieste ambientali sul disastro dell’Ilva, ha consegnato per l’inchiesta sul disastro ambientale causato dalle acciaierie di Taranto. Tra i nomi delle persone che dovrebbero andare a processo, figurano, oltre alla famiglia Riva, che grazie a fondi statali e altre agevolazioni ha fatto la propria fortuna, anche il governatore della Puglia Nichi Vendola.

A firmare le richieste di rinvio a giudizio, il procuratore Franco Sebastio, il procuratore aggiunto Pietro Argentino e i sostituti procuratori Mariano Buccoliero, Giovanna Cannarile, Remo Epifani e Raffaele Graziano, a sottolineare quanto sia grande la macchina d’inchiesta che sta indagando sull’immenso danno ambientale che l’azienda ha causato alla città pugliese.

A giudizio sono finiti tutti gli indagati elencati nello scorso 30 ottobre, quando la Guardia di Finanza aveva notificato a tutti che le indagini erano finite e che si sarebbe provveduto alla stesura del processo.

Un’indagine che ha tenuto sotto pressione l’intera Italia e che ha visto cadere nella macchia delle indagini, nomi illustri di personaggi e politici vecchi e nuovi. Tra di questi, infatti, figurano anche i vertici vecchi e nuovi dell’Ilva, prima del commissariamento da parte del Governo.

Ecco allora spuntare i nomi, oltre a Emilio, Fabio e Nicola Riva e a Nichi Vendola, Lorenzo Nicastro, assessore regionale, Nicola Fratoianni, deputato ed ex assessore regionale, Giovanni Florido, ex presidente della provincia di Taranto, Ippazio Stefano sindaco del capoluogo, ma anche assessori, dirigenti e funzionari ministeriali e della Regione Puglia, oltre ad uno stuolo di ex dirigenti o attuali dell’Ilva. Tra gli altri figurano anche un sacerdote, un carabiniere e un poliziotto.

Molti i capi di imputazione e i reati contestati ai 50 indagati, si va dall’associazione per delinquere finalizzata al disastro ambientale, a quella di omicidio colposo per due morti bianche dell’Ilva. Ma non mancano i reati contro le amministrazioni o per avvelenamento di acque e sostanze alimentari

Non si placano nemmeno le bufere scoppiate proprio a causa di queste indagini.

Gli ambientalisti non nascondono la propria soddisfazione, visto che per la prima volta in Italia si apre un processo in nome del “popolo italiano” ingannato dalla politica e dalle istituzioni, come sottolinea il leader dei Verdi Angelo Bonelli.

Infatti questo potrebbe essere solo l’inizio di una serie di processi non solo ai colpevoli materiali dei disastri ambientali, ma anche alle istituzioni che con leggi, emendamenti e sotterfugi, hanno collaborato al declino del territorio, diventando parte offendente dei cittadini. Sono molti quelli che si costituiranno parte civile, come famiglie di persone morte a causa dell’inquinamento, operai, cittadini, associazioni.

 

Il processo segna l’inizio di una nuova  era per la giustizia italiana, pronta a colpire chi ha ucciso e depredato il territorio.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 11/08/2020 23:41:57

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: La Redazione
Data: 15/05/2020
E' morto il Maestro Ezio Bosso, aveva 48 anni

Restiamo senza parole per la morte del Maestro Ezio Bosso, esempio di cultura, genialità, capacità artistica ma anche grande cuore, onestà intellettuale e sensibilità umana.

Leggi l'articolo

Autore: Valerio L'Abbate - Redazione Economia
Data: 13/05/2020
Agricoltura: pronti i fondi per rilanciare il settore apistico

In Italia ci sono circa 56.000 apicoltori, con 1,5 milioni di alveari e una produzione annua pari a 23.000 tonnellate concentrate per lo più nelle regioni del Nord, che ci collocano al quarto posto tra i Paesi Ue.

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Rubrica LiberaMente
Data: 08/05/2020
Fasi lunari, curve dei contagi e bufale...

Si era generata tanta aspettativa sull’agognata “Fase 2”. molti si aspettavano davvero una libertà di circolazione...

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 04/05/2020
Roma: una donna da fuoco sul balcone al corpo senza vita di un 59enne

Sono stati i vicini ad allertare le forze dell’ordine, quando dalle loro finestre hanno visto l’incendio sul balcone: era il corpo dello sloveno, dato alle fiamme.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -