Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Politica Estera  
Turchia: votazioni  Erdogan 'pagheranno per quello che hanno fatto'

Turchia: votazioni Erdogan 'pagheranno per quello che hanno fatto'
Autore: Nostra Inviata Teresa.Corrado - Redazione Politica
Data: 31/03/2014

Il partito islamico di Erdogan arriva in testa alle elezioni, con una maggioranza quasi assoluta, schiacciando nettamente l’opposizione che ha già fatto sapere che contesterà le elezioni. La prima reazione del presidente Erdogan è stata durissima. Affacciatosi nella notte, dal palazzo dove ha sede il suo partito, ha usato parole durissime contro i suoi oppositori. “C’è chi cercherà di scappare domani, ma pagheranno per quello che hanno fatto”.

Ad accompagnarlo l’intera famiglia e il figlio Bilal, protagonista, insieme al padre, di una telefonata intercettata, nella quale parlano di come far sparire “milioni di euro tenuti in casa”. Erdogan non si è fermato a questo, ha anche aggiunto che “la politica delle registrazioni e delle cassette oggi è stata sconfitta”.  Il partito islamico Akp si è fermato al 45,6%, meno delle votazioni presidenziali del 2011, mentre l’opposizione vede il partito Chp dei socialdemocratici guidati da Kemal Kilicdaroglu, che ha definito Erdogan un “dittatore” e il “Primo ladro” fermi al 28,8 %, i nazionalisti del Mhp al 15,5% e i curdi Bdp al 4,1%.

Ma il vicepresidente del Chp ha esortato i militanti a controllare fino alla fine lo spoglio dei seggi, dicendo che il risultato finale potrebbero riservare delle sorprese e accusando la diffusione di dati parziali, da parte di Erdogan, come risultati finali.

La giornata di domenica, dedicata alle votazione Turchia, sembra non ancora del tutto conclusa. Il popolo è stato chiamato a votare alle amministrative, anche se per il governo turco, sono votazioni importanti che precedono quelle politiche che verranno fatte il 10 agosto e dove si andrà a scegliere il presidente.

Nei primi scrutini, in avanti il partito del presidente Recep Tayyip Erdogan, in questo periodo invischiato in scandali di corruzione e indebolito anche da rivelazioni compromettenti. Contestatissimo dall’opposizione che in più occasioni lo ha contestato anche con manifestazioni di piazza.

Il pericolo di votazioni truccate, ha innalzato la preoccupazione per queste elezioni e migliaia di osservatori civili e dei partiti, sorvegliano costantemente i seggi e i circa 180mila elettori. Il Governo, dal canto suo, ha messo in campo misure straordinarie di sicurezza per queste elezioni precedute da una dura campagna elettorale, che non ha risparmiato veleni e accuse e che ha alzato la tensione politica e civile del paese.

Solo a Istanbul, sono stati schierati 40mila agenti a presidio dei seggi elettorali. Questo, non ha impedito scontri e morti nei villaggi vicini. Gli scontri non si sono fatti attendere e la giornata ha registrato anche delle vittime in alcuni villaggi, dove rappresentanti di schieramenti opposti, si sono affrontati. Il bilancio è di 8 morti e una ventina di feriti.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 13/04/2021 19:27:05

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Estera

Autore: Laurent Joffrin - Redazione Esteri
Data: 08/04/2020
Coronavirus: gli USA e il disastro sociale

La tragica prova che gli Stati Uniti stanno attraversando apriranno finalmente gli occhi agli elettori americani? 

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Esteri
Data: 22/03/2020
Coronavirus - Angela Merkel è stata posta in quarantena

La Merkel, 65 anni, sarà sottoposta a "test regolari" nei prossimi giorni e continuerà con il suo lavoro da casa, almeno per il momento.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Esteri
Data: 17/03/2020
Covid-19 - Macron: 'Siamo in guerra'

"L'epidemia di coronavirus è diventata una realtà immediata, presente. Siamo in guerra, una guerra sanitaria certamente: non lottiamo contro un esercito o contro un altro paese". 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 16/03/2020
Covid-19: risposta insufficiente del Regno Unito all'emergenza sanitaria

Mentre molti paesi europei hanno adottato misure drastiche per arginare la diffusione del coronavirus, il Regno Unito non ha ancora introdotto misure di "distanziamento sociale"...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -