Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Immigrazione  
Tensioni fra Russia e Ucraina: ora si cerca il dialogo

Tensioni fra Russia e Ucraina: ora si cerca il dialogo
Autore: Teresa.Corrado
Data: 09/04/2014

Russia e Ucraina sono pronte al dialogo per una risoluzione pacifica della crisi che da mesi imperversa sui loro rispettiviconfini.

In questa situazione rischiosa, giocano un ruolo di primo piano anche UE e Usa, che sostengono il governo Ucraino al potere dopo la lunga lotta per liberare il leader di opposizione tenuta in carcere dopo un processo da molti considerato sommario e organizzato solo per impedirle di partecipare alle elezioni presidenziali.

Ma il dialogo diplomatico tra Ucraina e Russia, almeno apparentemente, non vuole fermarsi. Su questo provano a lavorare il segretario di Stato americano John Kerry e il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov, che hanno provato a discutere su probabili negoziati utilizzando un asse allargato Ue-Russia-Usa-Ucraina, cercando di risolvere una crisi che sta mettendo in ginocchio l’Ucraina, ma che allarma l’intera Europa.

L’Ucraina intanto ha inasprito le pene contro chi si macchia di attentato all’unità del paese, arrivando a condannare chi ricopre cariche pubbliche, fino a dieci anni. il tutto su una proposta avanzata da Serghii Sobolev, capogruppo del partito “Patria, che fa capo a Iulia Timoshenko.

Continua però la lotta di informazioni dall’una e dell’altra parte delle barricate. I russi lamentano la presenza nel territorio ucraino di mercenari americani che indossano divise da forze speciali. I russi hanno anche lamentato l’invio di forze di polizia nella zona sud-orientale dell’Ucraina, come rafforzamento della presente forza militare nella zona. Gli ucraini, invece, lamentano la sobillazione di secessione da parte di pochi attivisti filorussi che si sono barricati in alcuni edifici, come il palazzo del governo a Kharkiv, dai quali sono stati fatti evacuare e settanta sono finiti in prigione.

Preoccupa la reazione al distaccamento della Crimea, annesso allo Stato russo anche con la presenza di parte dell’esercito di Putin che ne ha consentito l’annessione contro la volontà ucraina. Certamente la zona è figlia della grande tensione russa e gestita dalla storia come parte dell’ex Unione sovietica, così cara a una parte della popolazione, ma altrettanto osteggiata dall’altra, soprattutto da quella più liberale e giovane.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/01/2020 02:17:28

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Immigrazione

Autore: Redazione Esteri
Data: 18/10/2019
Libia: chiude il centro di detenzione di Misurata. Profughi e migranti in condizioni inumane

Uomini, donne e bambini arbitrariamente detenuti per mesi e in molti casi per anni, con poco accesso a cibo, acqua e accesso all’aria, saranno esposti alle stesse condizioni disumane. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 12/10/2019
Roberta Pinotti (PD): 'L'Europa deve far sentire la propria condanna alla Turchia'

“L’Europa deve far pesare la propria indignazione e condanna con delle sanzioni economiche nei confronti della Turchia”

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Esteri
Data: 11/10/2019
Siria: la Turchia all'attacco dei curdi. Erdogan 'Vi invieremo 3,6 milioni di rifugiati'

Secondo il rapporto delle forze curde 5 soldati turchi sarebbero rimasti uccisi. Nel frattempo ad Ankara è scattata un'inchiesta per "propaganda del terrore" e le indagini si concentrano i leader filo-curdi.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 02/09/2019
Venezuelani in Brasile: migliaia di migranti e richiedenti asilo in condizioni precarie nel Roraima

Migliaia di persone in fuga dal Venezuela devastato dalla crisi vivono in condizioni del tutto precarie nello stato brasiliano del Roraima, principale punto di ingresso dal Venezuela al Brasile, dove faticano anche a trovare cure mediche adeguate. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -