Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Politica Italiana  
Condanna a Berlusconi, un anno ai servizi sociali

Condanna a Berlusconi, un anno ai servizi sociali
Autore: Teresa.Corrado
Data: 16/04/2014 01:28:29

Sentenza definitiva quella che coinvolge Silvio Berlusconi, affidato temporaneamente ai servizi sociali. In pochi sottolineano che dei quattro anni di sentenza a lui ne verrà applicato solo uno, grazie all’indulto. Oltre a questo, nonostante sia stato condannato a restare nel territorio lombardo, ha avuto il permesso di recarsi a Roma dal martedì al giovedì, come se stesse lavorando al Senato.

Il provvedimento del Tribunale di Sorveglianza che ha messo Berlusconi all’affidamento ai servizi sociali, mette in evidenza che l’ex premier ha pagato il risarcimento danni all’agenzia delle entrate e le spese processuali, per questo viene considerato meno pericoloso come "delinquente".

Inoltre lui stesso si è messo a disposizione dell’Uepe, ufficio esecuzione penale esterna, per un’attività di volontariato e rieducativa. Un anno da dedicare in strutture per il volontariato. Secondo i giudici, inoltre, tutte le azioni del premier indicano “il riconoscimento della condanna” ed “evidenziano la scemata pericolosità”, anche se in un passo precedente affermavano che “colui che viene affidato in prova ai servizi sociali è ancora persona socialmente pericolosa”. Una serie di dichiarazioni contraddittorie che ne indicano la certa pena per il reato, ma che ne limitano l’effettiva condanna.

Si, perché la condanna del leader del Pdl sarebbe, in effetti, la condanna dell’intero sistema politico italiano, non solo relativo alla prima Repubblica, ma anche alla seconda, quella che avrebbe dovuto cancellare l’onta delle mazzette, adesso rese sempre più evidenti e difficili da condannare.

Di che se ne dica, Berlusconi resta il solo personaggio politico a essere stato condannato, mentre altri si nascondono dietro facciate e indagini tenute sotto silenzio stampa, come quella che coinvolge il Pd in questi giorni, in un’inchiesta, condotta dall’ufficio della Boccassini su infiltrazioni di esponenti della ‘ndrangheta che a Lecco vede un sindaco e un consigliere Pd coinvolti in quella che viene chiamata inchiesta “Metastasi”, ma ne parla la stampa locale, non i giornali nazionali.

Per il momento lasciamo che l’accanimento della rete e delle testate resti verso il centro destra, mentre, da persona non schierata, credo che lo stesso atteggiamento utilizzato dal centro destra, sia presente anche nel centro sinistra. Possono cambiare le persone, ma il modo di far politica, cambierà solo estirpando alla radice determinate dinamiche, ormai divenute parte integrante del pensiero politico italiano.

Non si fa politica per servire la Nazione, per essere d’aiuto a chi ha bisogno, si fa politica per soldi, perché è il modo migliore e più semplice di diventare ricchi possidenti senza andare a lavorare, facendo lavorare gli altri per noi. E per far ciò basta avere una bella faccia, un po’ di parlantina, il resto non serve, non servono le idee, non servono le opinioni, tanto, alla fine, tutto va nello stesso calderone.

 


L'articolo ha ricevuto 1024 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/09/2019 17:15:16

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Italiana

Autore: Lucaa del Negro - Redazione Politica
Data: 20/09/2019 06:52:34
L'analisi (pseudo)politica che ti aspettavi ma che fai fatica a comprendere

Comunisti, fascisti, Democristiani, Zoroastrani, Juventini... vanno tutti bene (e male) ma politica... niente. “I valori dell'Europa Cattolica!” si sente risuonare dagli studi e dai palchi: Lutero? Non pervenuto.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 18/09/2019 06:59:32
Francesco Boccia: 'Non capisco la scissione di Renzi'

"Non capisco il senso di questa scissione. Non so se il gruppo di Renzi nasce per una questione di bilanciamento di poteri"...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 15/09/2019 07:34:56
 Maurizio Landini: 'Incidenti sul lavoro: siamo di fronte a una strage'

“Siamo di fronte ad una strage, siamo ad una media di circa tre morti al giorno”.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 12/09/2019 06:20:01
Abbandono scolastico: un problema da risolvere urgentemente

Nel 2018, 600mila ragazzi in fuga dalla scuola. L’Organizzazione SOS Villaggi dei Bambini ogni anno sostiene la formazione per centinaia di bambini e ragazzi privi di cure familiari, prevenendo la dispersione scolastica.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -