Sei nella sezione Scienza   -> Categoria:  Astrofisica  
Kepler-186f: il pianeta gemello della Terra a pochi passi da noi

Kepler-186f: il pianeta gemello della Terra a pochi passi da noi
Autore: Redazione scientifica
Data: 18/04/2014

 

Si chiama Kepler-186f il nuovo esopianeta scoperto dalla sonda spaziale Kepler, che ha dimensioni simili a quelle della Terra, ruota attorno alla propria stella in una zona definita "abitabile" e potrebbe offrire acqua allo stato liquido. È una delle scoperte più sensazionali dell'esplorazione spaziale perché è il primo pianeta roccioso individuato dalla NASA con tutte le condizioni per poter essere un potenziale alter ego della nostra Terra.

Kepler-186-F, ricostruzione grafica

L'annuncio è arrivato ieri sera con una conferenza stampa tenuta dalla NASA, e i dettagli di questo nuovo pianeta sono snocciolati in un articolo scientifico pubblicato sulla rivista Science. Kepler-186f supera di circa il 10 percento le dimensioni della Terra, con un diametro approssimativo di 14.0000 chilometri, ed è il più esterno di cinque pianeti che orbitano attorno a una nana rossa, ossia una stella più piccola del nostro Sole e relativamente fredda (Teff ≤ 3500 K).

Ecco dove si trova

Al momento non abbiamo gli elementi per misurare la sua massa, perché è fuori dalla portata dei nostri strumenti. Si trova infatti nella Via Lattea, a circa 500 anni luce di distanza nella costellazione del Cigno. Ma dai calcoli eseguiti dagli esperti risulta che la temperatura sul Pianeta dovrebbe essere compresa fra 20 e 30 gradi centigradi proprio perché il pianeta è all'interno della cosiddetta fascia abitabile, ossia alla distanza ideale dalla sua stella per non ricevere troppo calore, ma non essere troppo freddo. La velocità a cui ruota attorno al suo Sole fa sì che un anno duri 130 giorni. Insomma se mai dovessimo arrivarci dovremmo rivedere tutti i calendari.

La Terra a confronto con Kepler-186-f

Quel che è certo è che al momento Kepler-186f è per noi irraggiungibile. Però Paul Hertz, direttore della Astrophysics Division della NASA, spiega che "questa scoperta è un passo significativo verso la ricerca di mondi come il nostro pianeta Terra. Le future missioni della NASA, come Transiting Exoplanet Survey Satellite e il James Webb Space Telescope, saranno in grado di scoprire pianeti extrasolari rocciosi più vicini a noi e determinarne la composizione e le condizioni atmosferiche".

Aspettiamo fiduciosi, intanto godiamoci questo regalo di Kepler, che prima del guasto è riuscito a inviarci abbastanza materiale per ravvivare i nostri sogni.

 


 



Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/08/2022 12:23:26

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Astrofisica

Autore: Vito Lecci - Redazione Scientifica
Data: 24/04/2020
L'asteroide 1998 OR2 si avvicina alla Terra ma non è pericoloso

 Grande e grosso come una montagna, si avvicinerà al punto da poter essere visto da terra, anche con un piccolo telescopio.

Leggi l'articolo

Autore: Nathalie Mayer - Redazione Scientifica
Data: 05/03/2020
Coronavirus: e se i virus un giorno arrivassero da Marte?

E’ degli ultimi giorni anche l'annuncio degli ultimi preparativi del team per la missione Marte 2020, con la prospettiva di riportare sulla Terra campioni di rocce da un altro pianeta.

Leggi l'articolo

Autore: Floriane Boyer - Redazione Scientifica
Data: 20/06/2019
Astronomia cinese: un mondo affascinante

Per Jean-Marc Bonnet-Bidaud, astrofisico al Commissariato per l’energia atomica e alle energie alternative (CEA), tutto è cominciato con la fine del cataclisma delle stelle: le supernove.

Leggi l'articolo

Autore: Vito Lecci - Redazione Scientifica
Data: 01/04/2018
Stazione Spaziale Cinese in caduta libera: aggiornamenti

Questa mappa, in cui puoi vedere il punto del rientro in atmosfera, tiene conto dei dati disponibili al momento, secondo i quali la Tiangong-1 dovrebbe precipitare:

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -