Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Papa Francesco offre il Vaticano per una preghiera comunitaria

Papa Francesco offre il Vaticano per una preghiera comunitaria
Autore: Teresa.Corrado - Vice Direttore
Data: 25/05/2014

La proposta di Papa Francesco, di aprire le porte del Vaticano per una preghiera comunitaria invitando anche Abu Mazen e Shimon Peres, lascia un segno di speranza in Palestina, dove il papa si trova in visita pastorale, accolto da migliaia di fedeli.

L’invito fatto dal papa ai due leader è stato accolto con favore da entrambi e, secondo quando si è appreso anche dalle dichiarazioni di padre Federico Lombardi, lo stesso si dovrebbe svolgere prima della fine del mandato di Peres, che scade a luglio. Probabilmente, quindi, dovrebbe avvenire già il mese prossimo. Dello stesso avviso anche il portavoce di Peres che ha sottolineato quanto sia stato apprezzato lo sforzo di trovare una soluzione tra Israele e la Palestina da parte di papa Francesco.

Oggi la messa è stata celebrata a Betlemme, seconda tappa del viaggio in Terrasanta, nella piazza della Mangiatoia che riesce a contenere circa novemila persone. Il papa è arrivato sulla papamobile scoperta, tra grida di festa e accolto da fedeli provenienti da dalla Striscia di Gaza, dalla Galilea, ma anche dall’Asia. Moltissime, infatti, sono le etnie che si sono riunite questa mattina per salutare il papa: palestinesi, israeliani, indiani, filippini, polacchi e anche un nutrito numero di pellegrini italiani.

Piccolo fuori programma di Francesco, quando si è ritrovato a passare accanto al muro di divisione che è stato costruito a Betlemme, il papa si è fermato alcuni minuti accanto ad esso, raccogliendosi in preghiera. Un gesto che sottolinea quanto lavoro c’è ancora da fare per eliminare le contraddittorie espressioni di potere ed economia. L’unica via d’uscita, infatti, è la convivenza, come ha sottolineato anche Mazen, presidente palestinese, al termine dell’incontro che ha avuto con papa Francesco a Betlemme. Un incontro privato, dal quale sono uscite parole coraggiose, come quelle che sottolineano come Gerusalemme deve essere la capitale delle tre religioni monoteiste, come effettivamente già avviene. 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/01/2020 02:15:23

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Karina Garcia Reyes - Redazione Scientifica
Data: 17/01/2020
Droga: 33 ex narcos spiegano le ragioni del fallimento alla lotta alla droga

Le cause del crimine e della violenza in America Latina sono simili. Indipendentemente dal tipo di violenza, traffico di droga, militari, guerriglieri o bande

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 16/01/2020
Siria nord-occidentale: milioni di sfollati costretti ad affrontare il freddo in condizioni estreme

Intense offensive militari da parte del governo siriano e dei suoi alleati nel sud di Idlib, con bombardamenti sia terrestri che aerei e offensive di terra...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 15/01/2020
Yemen: almeno 78 bambini sono morti a causa della dengue

Il conflitto ha portato il sistema sanitario dello Yemen al collasso e inadatto a fronteggiare l’emergenza

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 12/01/2020
Haiti 10 anni dopo il terremoto: strutture sanitarie sono sull’orlo del collasso

A 10 anni dal devastante terremoto che colpì Haiti, il sistema sanitario dell’isola caraibica è sull’orlo del collasso. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -