Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Musica  
DOCTOR 3 -  IL NUOVO ALBUM PRESENTATO ALL 'AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA

DOCTOR 3 - IL NUOVO ALBUM PRESENTATO ALL 'AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA
Autore: susanna.schivardi
Data: 04/06/2014

Sono tornati con Parco della Musica Records, in associazione con Jando Music, i Doctor 3, trio storico degli anni ’90, composto da Danilo Rea al pianoforte, Enzo Pietropaoli al contrabbasso e Fabrizio Sferra alla batteria. Presso l’Auditorium Parco della Musica alle 12 del 4 giugno il trio si è presentato con il nuovo album, dopo aver trascorso alcuni anni divisi, come accade nelle migliori storie d’amore. “Ci siamo ritrovati in un agriturismo – racconta scherzando Pietropaoli – e di notte non c’erano i riscaldamenti, era inverno e faceva freddo e, come succede sempre, quando si soffre si crea meglio”. I tre ironizzano sulla loro storia musicale, i loro incontri sempre caratterizzati da allegria e fantasiosi intermezzi.

Anche in occasione della presentazione dell’album non mancano di deridersi e giocare sulle loro scelte. Forse cinque, forse sette anni sono trascorsi dall’ultimo disco, anche su questo argomento sembrano non trovare un accordo. “Questo è un nuovo esperimento con i Doctor 3 – interviene Danilo Rea – l’importante è suonare insieme a persone con cui c’è amicizia, perché si stabiliscono cose intime che contano tanto”. Sono il primo gruppo ad aver coniugato la musica degli anni ’70 con l’improvvisazione, come nel 1998 con Biagio Pagano, con un disco molto rischioso che hanno portato alla Town Hall di New York e che il critico di allora del New York Times aveva definito la musica proposta da italiani, che aveva tirato di più.

Fabrizio Sferra tende a precisare “abbiamo messo in evidenza la modalità in atto, di evitare gli a soli tipici del jazz, eseguendo invece un solo collettivo. Quindi la musica tende ad essere tematica e collettiva, con una forte impronta melodica”. Ogni brano ha un inizio e una fine, hanno in parte abbandonato l’uso di mescolare temi, anche se Danilo Rea lo definisce un delirio sul tema. “Il tema è centrale, viene presa una cellula tematica e rigirata in tutti i modi, facendo si che incastri ritmici aumentino le possibilità di esecuzione”. Non hanno fatto niente di rivoluzionario ma hanno reso attuale un certo tipo di musica, soprattutto degli anni settanta, che, come dicono loro, piace sempre a tutti. “Abbiamo provato ad improvvisare su Eminem o sui Coldplay – continua Rea – ma ci siamo resi conto che la musica di oggi ha dei limiti, è sempre presente l’arrangiamento, invece sui pezzi del passato le melodie sono così potenti che guidano l’esecuzione”. In questi anni, senza farne un giudizio di merito, il pop è costruito su troppi arrangiamenti, mentre la loro musica, come la musica jazz, ha bisogno di spontaneità e sentimento. “Ogni volta che decidiamo di suonare qualcosa – racconta Pietropaoli – quando siamo sul palco cambiamo automaticamente idea. Così è successo a Perugia, avevamo detto facciamo questo, facciamo quell’altro e poi …”. Il feeling musicale è anche affinità elettiva di intenti e concezione ritmica.

I brani scelti su cui riorganizzare il ritmo fanno parte di un loro personale sentire collettivo che pone un’affettività forte indispensabile per suonare insieme. David Bowie, Simon and Gurfunkel, Elton John, i Bee Gees rientrano in quella tradizione melodica e romantica che così tanto ci differenzia dagli americani. In quella che sembra più una seduta di psicoanalisi, come dice Pietropaoli ironizzando su di sé, che la presentazione di un album, non manca l’ascolto di alcuni brani, che sopra ogni altra cosa sanno parlare perfettamente di loro.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 29/05/2020 14:47:38

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Musica

Autore: Elisabetta Castiglioni - Redazione Cultura
Data: 25/05/2020
VIM - Live at Home: GIUSEPPE ALBANESE - lunedì 25 maggio ore 19:00

Torna per Visioninmusica, ma stavolta in diretta streaming dalla sua abitazione, il pianista Giuseppe Albanese, protagonista del prossimo "Live at Home" lunedì 25 maggio alle ore 19:00

Leggi l'articolo

Autore: Giacomo Vitali - Redazione Cultura
Data: 20/05/2020
I-Days 2020: festival cancellato -  come chiedere il rimborso dei biglietti

l’edizione 2020 del festival IDAYS, che avrebbe dovuto avere luogo dal 12 al 15 giugno + 17 luglio a MILANO nell’area MIND – Milano Innovation District (area expo), è cancellata.

Leggi l'articolo

Autore: Giacomo Vitali - Redazione Cultura
Data: 21/02/2020
MACHINE GUN KELLY: il rapper americano fa ritorno in Italia il 1 luglio a Bologna

Machine Gun Kelly, di nuovo in Italia per un’unica data mercoledì 1° luglio al Sequoie Music Park di Bologna.

Leggi l'articolo

Autore: Erica Gasaro - Redazione Cultura
Data: 22/12/2019
GHEMON: 'Scritto nelle stelle' in tour  dal 3 Aprile 2020

“Scritto nelle Stelle” è un disco che mescola tutte le anime di Ghemon: la melodia, il rap, una band di musicisti e il lavoro dei migliori producer in circolazione. 


Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -