Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
La corruzione e' ovunque, allarme della Corte dei Conti

La corruzione e' ovunque, allarme della Corte dei Conti
Autore: Teresa.Corrado - Vice Direttore
Data: 27/06/2014

La corruzione è ovunque! Qualcuno storcerà il naso, qualcun altro negherà fortemente questa dichiarazione, soprattutto se facente parte della categoria accusata di corruzione, ma i più continueranno ad affermare che si sapeva, che tutti, tra i corridoi, tra gli addetti ai lavori, tra i contribuenti, sanno e conoscono che la corruzione è ovunque, dilagante e senza ritegno.

Ad accertarne questa verità, ci ha pensato il presidente dell’Anticorruzione Cantone, che in questi giorni ha istituito l’Unità speciale per Expo, dopo le inchieste che hanno portato all’arresto non solo imprenditori, ma anche funzionari pubblici coinvolti in uno degli scandali più grandi d’Italia e che conferma il non cambio di marcia che qualcuno si aspettava dopo le inchieste di “Mani pulite”. Invece ci ritroviamo, a distanza di anni, nella stessa ideologia di fare economia e mercato e soprattutto politica. Nulla è cambiato, tanto che ormai, se una ventina d’anni fa, parlare di corruzione sembrava un caso sporadico, adesso, invece, è all’ordine del giorno.

L’Unità speciale messa su da Cantone, dovrà controllare e vigilare sulla correttezza e trasparenza delle procedure connesse alla realizzazione di tutte le opere messe in cantiere per l’Expo Milano. A sancirne il compito e le direttive, una delibera datata 25 giugno e pubblicata sul sito dell’Autorità, proprio per precisarne la trasparenza.

La sede dell’unità sarà a Roma, proprio presso l’ANAC, l’ente dell’anticorruzione, ma ci sarà anche una sede a Milano, dove c’è l’attività fisica dell’Expo. Nella delibera vengono evidenziati dei punti importanti che ne sottolineano il compito e le responsabilità: “l'unità operativa sia costituita da un ufficio di staff e da un ufficio per la vigilanza ed il controllo; che il coordinamento amministrativo della struttura sia affidato al Segretario generale dell'Anac, dott.ssa Antonella Bianconi; che siano predisposte dal Segretario generale le variazioni di bilancio necessarie a far fronte alle spese per l'unità operativa nonché sia prevista un'apposita categoria denominata Unità operativa speciale EXPO 2015 e che sia istituita un'apposita sezione nel sito dell'Anac dedicata a tutte le attività svolte dall'Unità operativa in cui venga pubblicata per prima la presente delibera”.

Il procuratore generale presso la Corte dei Conti, Salvatore Nottola, non usa mezzi termini e lancia l’allarme dichiarando che la corruzione è ovunque e che nessuna istituzione, o organismo ne è immune, allo stesso tempo nessuno istituzione con competenze pubbliche può ritenersi libera da responsabilità. Ognuno deve fare la sua parte in concomitanza con le leggi e le regole.

Anche la crisi economica, la spending review del Governo, le numerose deroghe a norme e controlli, hanno permesso che la corruzione dilagasse in quello che è considerato il caso più eclatante del momento, visto che Expo è una vetrina internazionale che coinvolge paesi provenienti da tutto il mondo e che sarà anche una vetrina del modo di lavorare in Italia.

La Corte dei Conti aveva già evidenziato i rischi che si correvano nella gestione non controllata dell’Expo, ma anche di tutti gli altri lavori gestiti dalla pubblica amministrazione o da partecipazione della stessa, o meno, che si corre per la rimessa in ordine dei conti pubblici, con la corsa anche all’eliminazione degli sprechi




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 16/01/2021 02:44:45

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: La Redazione
Data: 15/05/2020
E' morto il Maestro Ezio Bosso, aveva 48 anni

Restiamo senza parole per la morte del Maestro Ezio Bosso, esempio di cultura, genialità, capacità artistica ma anche grande cuore, onestà intellettuale e sensibilità umana.

Leggi l'articolo

Autore: Valerio L'Abbate - Redazione Economia
Data: 13/05/2020
Agricoltura: pronti i fondi per rilanciare il settore apistico

In Italia ci sono circa 56.000 apicoltori, con 1,5 milioni di alveari e una produzione annua pari a 23.000 tonnellate concentrate per lo più nelle regioni del Nord, che ci collocano al quarto posto tra i Paesi Ue.

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Rubrica LiberaMente
Data: 08/05/2020
Fasi lunari, curve dei contagi e bufale...

Si era generata tanta aspettativa sull’agognata “Fase 2”. molti si aspettavano davvero una libertà di circolazione...

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 04/05/2020
Roma: una donna da fuoco sul balcone al corpo senza vita di un 59enne

Sono stati i vicini ad allertare le forze dell’ordine, quando dalle loro finestre hanno visto l’incendio sul balcone: era il corpo dello sloveno, dato alle fiamme.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -