Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Fisco e Tasse  
Un'Italia alla frutta

Un'Italia alla frutta
Autore: Teresa.Corrado
Data: 08/07/2014

Gli italiani continuano a spendere progressivamente meno e, per la precisione, i consumi medi sono scesi fino a toccare i livelli di un decennio fa. Questi sono i dati salienti dell'ultima rilevazione dell'ISTAT, secondo cui la spesa mensile per famiglia si è ridotta del 2,5% e attualmente ammonta a 2'359 euro, contro i 2'381 euro del 2004.

Un'analisi maggiormente dettagliata pone l'accento sul consumo di prodotti alimentari, considerati il bene essenziale per antonomasia, evidenziando come, sebbene il valore assoluto della spesa sia rimasto pressoché invariato negli ultimi anni, gli italiani abbiano operato delle rigide misure di "austerità" per quanto riguarda la qualità e la quantità dei prodotti. La scelta del discount, inoltre, investe indiscriminatamente ogni fascia di reddito.

Questo dato è perfettamente in linea con la tendenza secondo la quale le imposte, le quali rappresentano una delle principali cause della crisi della nostra industria, producono i propri effetti sul prezzo dei beni essenziali, caratterizzati da una domanda che, di fatto, non diminuisce nel tempo, anziché, come "da manuale" è lecito attendersi, favorire una ridistribuzione del reddito volta a salvaguardare le fasce meno abbienti, oltre ad essere utilizzate per opere pubbliche le quali (vedi Mose ed Expo) si sono rivelate una mera compravendita di vantaggi politici e non.

Analogamente, però, è possibile individuare un fenomeno inverso, ossia di influenza da parte dei consumatori nei confronti delle piccole e medie imprese italiane. Purtroppo la scelta di sacrificare la qualità dei nostri beni agroalimentari, di cui siamo eccellenti produttori nonché potenziali esportatori, a vantaggio del risparmio, sebbene sia del tutto giustificabile dal punto di vista dell'economia domestica, comporta una notevole perdita di competitività delle nostre merci relativamente a quelle di altri paesi le quali, pur non essendo accompagnate dai medesimi standard, vengono commercializzate a prezzi di gran lunga inferiori e spesso minori dei costi di produzione delle imprese italiane.

Per queste ragioni è possibile concludere auspicando che la recente statistica dell'ISTAT faccia riflettere chi si occupa dell'economia del nostro paese in merito alla possibilità di ricercare un nuovo equilibrio all'interno del "triangolo" ridistribuzione-consumi-globalizzazione nel tentativo di allontanare quanto prima i risultati negativi dell'equilibrio attuale.

Scritto da Alessio Marra




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/09/2022 19:09:10

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Fisco e Tasse

Autore: Emilia Urso Anfuso - Redazione Economia
Data: 15/05/2020
Bonus vacanze 2020: tutte le informazioni utili

Un dato interessante: le perdite economiche subite dal settore ricettivo ammontano a circa 81 milioni di euro.

Leggi l'articolo

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 13/05/2020
Decreto rilancio: rinviata la lotteria degli scontrini

 

La partenza della lotteria degli scontrini, prevista dal 1° luglio 2020, slitterà al 1° gennaio 2021: è quanto si legge nell’ultima bozza del Decreto Rilancio 
Leggi l'articolo

Autore: Andrea Pascale - Redazione Economia
Data: 15/02/2020
Scongiurato l'aumento IVA per bar e ristoranti

Il Presidente di Fipe, Lino Enrico Stoppani: "Ci auguriamo che questa posizione sia mantenuta non tanto per porre fine alle speculazioni e alle voci che ciclicamente ritornano"...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 23/01/2020
Il Vademecum del contribuente 2020 presentato da Unione Fiduciaria

Chi vuole orientarsi nel mondo dei tributi senza perdere le più recenti norme introdotte dall’ultima Legge Finanziaria, deve avere con sé il volume “Vademecum del Contribuente 2020” 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -