Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Senza Diritti non esiste Democrazia

Senza Diritti non esiste Democrazia
Autore: Il DIrettore: Emilia Urso Anfuso
Data: 20/07/2014

Ritengo inutile blaterare di Democrazia in una nazione, la nostra, in cui i Diritti civili sono cosa mai garantita. Oggi come ieri, non si fa altro che argomentare su un criterio solo paventato, promesso, urlato a suon di slogan, contraffatto, esasperato ma mai messo in atto: la Democrazia.

In un Regime davvero Democratico, la base fondamentale è la messa in atto di quelle strategie, proposte governative e progetti istituzionali che servono a garantire la salvaguardia dei Diritti della popolazione.

Nulla di ciò è mai avvenuto nel nostro Paese. Nel ‘900 le esasperanti condizioni civili che hanno portato alla rivoluzione civile degli anni ’70 ne sono una riprova. I rivoluzionari chiedevano allora le stesse cose che oggi giovani e adulti ambiscono: lavoro, diritti, futuro.

Cos’è cambiato da allora ad oggi? Solamente le dinamiche attraverso le quali vengono diffuse le notizie e il livello di scontento popolare. Internet fa si che la rabbia passi di persona in persona in maniera diretta rispetto a quanto accadeva nel secolo scorso. Punto. Nessun’altra differenza.

I temi dibattuti rimangono gli stessi: diritto al lavoro, alla casa, a tasse e imposte che non divengano la priorità familiare e che non fungano da vessazione eterna.

Oggi come ieri, si teme il domani perché nulla lo garantisce. Non avere prospettive è la cosa più anti democratica che si possa imporre. Non permettere agli individui di potersi mantenere grazie al lavoro e con anche una prospettiva di risparmio che conforti per i momenti difficili che la vita presenta, è la netta conferma.

Inutile che si continui a parlare di “crisi economica” quando la realtà dei fatti quotidianamente parla di crisi realizzata ai soli danni della cosiddetta Classe media nazionale.

Fiumi di denaro sono passati e passano tutt’ora nelle mani di chi ha invaso lo Stato: i Partiti politici. Quelle organizzazioni che originariamente dovevano essere il tramite fra l’elettorato e lo Stato affinché le istanze dei cittadini venissero prese in considerazione e risolte. Partiti politici che proprio negli anni ’70 si sono convertiti in qualcos’altro: non più promotori delle necessità dell’elettore bensì parte integrante della macchina statale e di conseguenza, elemento vessatorio contro la popolazione, l’elettore. Da qui parte, anche, lo sfascio nazionale che stiamo vivendo. La scusa della “crisi economica” che – guarda caso – aggredisce solo la massa e mai i ricchi, i politici e i gruppi bancari, non regge. Non può e non deve reggere.

Alienando costantemente Diritti alla popolazione si aliena qualsiasi possibile regime democratico.

Guardate come si è utilizzato il mostro Equitalia per abituare il popolo all’infame metodo dell’espropriazione di immobili. Mai si era vista una cosa del genere. Migliaia di persone si sono viste sottrarre il bene fondamentale, la casa – a volte i capannoni dell’azienda – persino quando nulla dovevano al Fisco. Nessuno ha fatto nulla per fermare questo scempio. Ed è solo uno dei tanti esempi.

Rovinare le famiglie con l’imposizione fiscale più alta d’Europa vi sembra da regime democratico? E come può il popolo onorare i propri “impegni” economici col Fisco se poi non si realizzano soluzioni per garantire lavoro e anche ben pagato?

Nulla di ciò che i nostri padri fondatori hanno pensato nel momento in cui lavorarono alla realizzazione della nostra Costituzione viene messo in atto. Chi dovrebbe curarsene? I Partiti politici. Che essendo divenuti parte integrante dello Stato, legiferano contro le Leggi dello Stato ai danni dei cittadini.

E’ una situazione paradossale. Che non può trovare soluzione fino a quando i cittadini italiani non decideranno di fermarsi tutti insieme per recuperare spazi di trattativa con lo Stato e con quei partiti politici che si ostinano a “votare” e che invece si votano da soli: abbiamo la non Legge elettorale per eccellenza. Me la chiamate Democrazia questa?

Non so cosa attenda ancora la popolazione italiana prima di rendersi conto che un regime dittatoriale contrabbandato a parole per democratico è la peggiore vessazione che si possa subire. Siamo messi peggio, molto peggio degli anni infuocati in cui le pistole e le molotov erano la consuetudine nel nostro paese. All’epoca si “toccava con mano” la guerriglia e si conoscevano le motivazioni della lotta

Oggi, ci si lascia blandire dalle parole e non ci si rende conto fino in fondo che siamo arrivati a una situazione aberrante in cui in pochi ci si rende conto davvero del livello di abbattimento dei diritti civili.

Per rendersi conto di quanto dico, è sufficiente fare un giro sui Social Network: rabbia, ingiurie, vignette satiriche contro questo o quel politico. E’ questo ciò che ci è consentito fare in una situazione vergognosa come quella in cui ci troviamo ormai da anni? Vomitare rabbia dentro un mondo virtuale. Per risvegliarsi il mattino dopo con una rabbia reale, triplicata.

Senza Diritti non esisterà mai democrazia. Non potendo più contare da anni sui partiti politici dovremmo contare su noi stessi. Ma non vedo segnali in tal senso…

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 21/01/2020 23:46:37

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/01/2020
Policlinico Umberto I: Dipartimento di chirurgia Valdoni e un bel ricordo da conservare nel cuore

Sapere che sì, esistono luoghi di cura, che ancora oggi si possa contare sull’attenzione, la professionalità e l’umanità di professionisti a cui chiediamo di prendersi la responsabilità della nostra vita, è un grande valore.

Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 19/01/2020
Università: le scelte alternative per chi non passa il test a Medicina

Nel 2019 sono stati 68.694 gli iscritti ai test d’ingresso, a fronte di soli 11.698 posti disponibili nei vari atenei dislocati sul territorio nazionale...

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 12/01/2020
'L’odore della vagina' e la follia di chi la compra

Il punto è la candela, il business, i soldi spesi per un moccolo firmato e profumato? No, il punto è un altro e ve lo spiego. Non esistono più limiti. A cosa? A qualsiasi cosa. Qualcuno potrebbe dire: “Ma dai, che vuoi che sia…” e come al solito si rimette tutto nelle mani del “Esistono cose peggiori e più gravi”.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/01/2020
Dittatura intangibile: gravi le dichiarazioni del ministro Paola Pisano sulla password di Stato

Non esiste libertà quando essa è controllata a 360° dallo Stato. Non esiste libertà attraverso la tecnologia, se è la tecnologia a controllare te.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -