Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Politica Italiana  
Riforma del Senato a Palazzo Madama, poi 1000 giorni per cambiare l'Italia

Riforma del Senato a Palazzo Madama, poi 1000 giorni per cambiare l'Italia
Autore: Gabriele Santoro - Capo redattore
Data: 21/07/2014

 7800 emendamenti per 40 articoli, la riforma del Senato approda per la votazione proprio nella seconda Camera del Parlamento, prodromo ad un pacchetto di interventi che nell’ottica del Primo Ministro Renzi dovrà cambiare l’Italia nei prossimi 1000 giorni. Già perché le prospettive sono cambiate dai tre mesi inizialmente previsti dall’ex sindaco di Firenze, il piano è ora triennale e partirà, realisticamente, da settembre per chiudersi alla fine di maggio 2017.

L’obiettivo più urgente è però superare il sistema di bicameralismo perfetto, sintesi delle istanze di Democrazia Cristiana e Partito Comunista nella Costituente dell’immediato dopoguerra. Il testo prevede una riduzione dei senatori a 100 membri, eletti nella quasi totalità dai consigli regionali e nel numero di cinque nominati dal Capo dello Stato. Cambierebbero anche le funzioni, ridotte rispetto alle attuali, come ad esempio nell’impossibilità di votare la fiducia al Governo.

L’assoluzione di Berlusconi in secondo grado nell’ambito del processo Ruby sembra aver ridato nuova linfa a Forza Italia, pronta più che mai a rinsaldare il patto con il Pd per condurre il Governo nella strada delle riforme. Donato Bruno, senatore forzista, conferma “l’appoggio e i voti a una riforma che abbiamo voluto e che cercheremo insieme di migliorare”.

Il MoVimento Cinque Stelle dal canto suo prosegue sulle caute aperture alla maggioranza, dettate più che altro dalla recente euro-scoppola. I pentastellati hanno stilato una lista di sei punti che il Pd dovrà valutare positivamente per avere la collaborazione grillina, su Senato e riforma elettorale. Su tutti il no ad una Camera Alta di nominati e la reintroduzione delle preferenze, poi l’abolizione di soglie di sbarramento – o al massimo da portare all’1% - del premio di maggioranza, salvo meccanismi di garanzia costituzionale,  del doppio turno, accettabile solo per le amministrative ma non per le politiche, quindi esclusione dell’immunità parlamentare. E il Pd dovrà scegliere in fretta, perché “le riforme non possono più aspettare”, recita il blog di Grillo, dove Renzi appare raffigurato con il corpo di una lumaca.

Premier che ribatte sarcastico alle possibilità di dialogo offerte dal M5S, “oggi è giorno pari e ne hanno voglia”, dichiara riferendosi al comportamento ai limiti dello schizofrenico del movimento. Di ritorno dalla trasferta africana in Mozambico, Congo ed Angola, Renzi prova a spazzare via l’ostruzionismo, “chi lo fa mette un sasso sui binari. Noi con pazienza togliamo il sasso e facciamo ripartire quel treno, perché quel treno è l’Italia”.

Treno che dovrà fare tappa in diverse stazioni, già che l’ambizioso progetto del Premier andrà a toccare più ambiti cardine per “riportare l’Italia a fare l’Italia”. In primis una pubblica amministrazione ed una burocrazia più snelle, poi ritocchi in tema di fisco, welfare, lavoro, immigrazione. Ma la definizione dettagliata sarà svelata ragionevolmente al termine di agosto, comunque dopo le vacanze estive.

Le frecciate all’Europa Un’agenda che ad ogni modo non dovrà “essere dettata da un soggetto esterno. Non vogliamo inganni, rispettiamo le regole ma dobbiamo dire che o l’Europa cambia la direzione di marcia o non esiste possibilità di sviluppo e crescita. Non chiediamo di violare la regola del 3% (il tetto di deficit concesso rispetto al Pil, ndr) a differenza della Germania e della Francia nel 2003, ma come loro vogliamo smettere di vivere l’elenco di raccomandazioni come una lista della spesa che ci capita tra capo e collo. Se c’è un pacchetto di riforme credibili  le regole europee consentono, impongono di aiutare lo sforzo riformatore dei Paesi che vogliano stare nella dinamica di crescita e sviluppo”.

L’emergenza immigrazione Ma le critiche maggiori alle politiche europee sono in tema di immigrazione, con i continui sbarchi di migranti e richiedenti asilo e le troppe morti che conta il Mediterraneo. “Un’Europa che ci dice tutto su come pescare il tonno ma quando nel mare ci sono i cadaveri si volta dall’altra parte non è degna di chiamarsi Europa di civiltà. O accettiamo un destino e valori comuni o perdiamo il ruolo dell’Europa davanti a se stessa. Se di fronte alle tragedie dobbiamo sentirci dire ‘il problema non ci riguarda’, tenetevi la vostra moneta ma lasciateci i nostri valori”.

L’alternativa al renzismo Lega che, non poteva essere altrimenti, affibbia a Renzi e a politiche troppo morbide (a rigor di logica dovrebbe essere il contrario) il peso del dramma umano che continuamente si ripete nelle nostre acque – solo fino al 2013 erano stimate 6700 perdite in 10 anni. E da Padova il segretario Salvini lancia il Carroccio come unica alternativa al renzismo, al momento in corsa da solo pur senza  esclusione di alleanze future. Certo se poi dichiarazioni su aperture al Sud vengono prontamente bocciate dal senatùr Bossi, si capiscono la reale compattezza e potenzialità dello schieramento.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/02/2020 20:52:14

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Italiana

Autore: Redazione Politica
Data: 19/02/2020
Ettore Rosato (Iv): ''Conte cerca maggioranza alternativa ma non ci riesce''

Volete cacciare Conte da Palazzo Chigi? “E’ lui che tutti i giorni cerca una maggioranza alternativa ma ahimè non ci riesce” 

Leggi l'articolo

Autore: Max Murro - Redazione Politica
Data: 13/02/2020
Caso Gregoretti: un video chiarisce il coinvolgimento di Giuseppe Conte

"Per quanto riguarda le collocazioni abbiamo sempre lavorato noi, col ministero degli Esteri, per le ricollocazioni".

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 13/02/2020
Buoni pasto, FIPE: 'Buona l'apertura, ora attendiamo risposte concrete dal governo'

L'apertura arrivata oggi da Consip, con l'annuncio di imminenti audizioni sul tema dei buoni pasto, rappresenta un primo passo che va nella giusta direzione.

Leggi l'articolo

Autore: Primo Mastrantoni - Redazione Politica
Data: 12/02/2020
Governo: ecco perché in Italia non si investe

I motivi per i quali non si investe in Italia sono sotto gli occhi di tutti; putroppo gli occhi sono bendati, almeno quelli dei nostri governanti.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -