Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Ancora una finta tregua di Hamas

Ancora una finta tregua di Hamas
Autore: Teresa Corrado - Redazione Esteri
Data: 27/07/2014 21:24:17

Sembrava che dovesse essere una domenica di tregua, invece le sirene continuano a suonare a Tel Aviv, mentre razzi lanciati da Gaza si abbattono sulle località del Neghev e verso Beer Sheva.

Termina così la tregua umanitaria di 24 ore accettata anche da Hamas, partita alle ore 14.00 su richiesta dell’Onu, per permettere alle organizzazioni umanitarie di portare soccorso nella striscia di Gaza. Le sirene continuano a suonare mentre oltre 200 mila persone corrono a rifugiarsi nei rifugi delle città.

Il premier israeliano Benyamin Netanyahu, in un’intervista rilasciata alla Cnn, ha espressamente accusato Hamas di volere la morte dei suoi cittadini. Il premier ha dichiarato che non si fermeranno fino a quando non ci sarà la smilitarizzazione di Gaza e che loro hanno chiesto alla popolazione di abbandonare le loro case, proprio per evitare morti e stragi inutili. Cosa che, invece, il governo di Hamas non vuole.

Proprio su questo punto ci sono innumerevoli considerazioni sulla necessità o meno di mandar via la popolazione poiché, come precisato da fonti sicure, i quartier generali di Hamas e delle cellule attive terroristiche, sono insediati proprio accanto ai palazzi dove vivono i cittadini, o dove ci sono centri di incontro civili.

Ma la volontà israeliana di continuare a difendersi, non si ferma qui, come ha sottolineato Netanyahu, esponendo la necessità di eliminare armi dalla striscia di Gaza, e soprattutto i tunnel sotterranei che permettono a cellule armate di penetrare nel territorio ebraico e attaccare il paese dall’interno.

Una grande mobilitazione militare sta infatti demolendo proprio questi tunnel offensivi, che si trovano sotto i recinti di confine. Un’operazione che sarebbe proseguita anche con la richiesta di tregua approvata da Hamas per 24 ore, ma poi, annullata dagli stessi palestinesi che hanno ripreso a sparare razzi sulle città israeliane.

Intanto un altro appello alla pace è stato lanciato oggi all’Angelus da papa Francesco. "Tutto si perde con la guerra, nulla si perde con la pace, mai più la guerra, penso soprattutto ai bambini ai quali si toglie la speranza, il futuro, bambini morti, bambini feriti, bambini orfani, bambini che giocano sui residui bellici e non sanno sorridere, vi prego fermatevi ve lo chiedo con tutto il cuore”, ha sottolineato il papa in questa giornata particolare.

Anche il papa, infatti, ha ricordato i 100 anni dalla Grande Guerra, che verranno ricordati esattamente lunedì. "Auspico che non si ripetano gli sbagli del passato”, ha aggiunto il pontefice, ricordando i morti e le migliaia di bambini che hanno subito le conseguenze di questo tragico avvenimento.


L'articolo ha ricevuto 624 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 17/08/2019 14:00:35

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 17/08/2019 07:10:39
Lotta alla droga: l'ascesa del cartello Jalisco Nueva Generación in Messico

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti considera il CJNG come uno dei sei più importanti cartelli del Messico e anche uno dei cinque gruppi criminali transnazionali più pericolosi al mondo.

Leggi l'articolo

Autore: Amy Swearer - Redazione Esteri
Data: 13/08/2019 06:28:19
USA: l'uso delle armi in alcuni casi salva la vita

Sulla scia delle tragiche sparatorie di massa, come quelle avvenute negli ultimi giorni a El Paso, Texas e Dayton, Ohio, è comprensibile che la nazione cerchi risposte.

Leggi l'articolo

Autore: Chris Moore - Redazione Scientifica
Data: 12/08/2019 06:40:43
Cannabis legale: negli USA chi la consuma beve meno alcolici e assume pochi farmaci

I ricercatori hanno intervistato 8.805 consumatori di cannabis di età compresa tra 21 e 64 anni che vivono in uno dei 21 Stati Usa dove la cannabis è legale. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 09/08/2019 06:14:47
Stati Uniti: più armi che abitanti

Dopo ogni strage, il dibattito in Usa si concentra sull'accesso, decisamente facile, al mercato delle armi. Nel mondo ci sono solo tre Paesi, uno dei quali sono appunto gli Usa, in cui il diritto a possedere armi per l'autodifesa e' protetto dalla Costituzione.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -