Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Cancro al polmone: il 'Big killer' di cui non si parla

Cancro al polmone: il 'Big killer' di cui non si parla
Autore: Il DIrettore: Emilia Urso Anfuso
Data: 10/08/2014

Big Killer”: così è chiamato in codice il temutissimo cancro ai polmoni. Un killer spietato che ogni anno a livello mondiale miete oltre otto milioni di vittime. Dato che purtroppo è destinato a crescere, almeno stando alle sime effettuate dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, che espone un quadro quanto mai desolante: sembra infatti che, nei prossimi 20 anni, le vittime di cancro polmonare passeranno a circa 13 milioni con una maggiore espansione in Africa,   Asia e America del Sud.

Nel nostro Paese ogni anno si verificano circa 40.000 nuovi casi di cancro polmonare fondamentalmente causato da tabagismo. Un vero genocidio, di cui però si parla poco e male.

Si noti come Informazioni inerenti eventuali “pandemie” influenzali occupino le cronache dei giornali per molto tempo, mentre non si fa Informazione su uno dei tumori a maggiore incidenza di morte. Si sceglie di non fare Informazione e nemmeno troppe campagne di sensibilizzazione, quasi come se non parlando del problema si possa in qualche modo relegarlo in un angolo fra le cose meno importanti della vita quotidiana.

La realtà è ovviamente diversa: milioni di persone ogni giorno scoprono di essere malate e iniziano un percorso di cura che troppo spesso ha un solo traguardo: la morte.

C’è da dire che molti malati di cancro causato da tabagismo, pur sapendo di dover combattere con una delle malattie più temibili, si ostinano a continuare a fumare con l’idea che “tanto non può cambiare nulla”. Niente di più sbagliato, in considerazione del fatto che evidentemente se la causa primaria della malattia è il tabagismo, va da se che smettere di fumare deve necessariamente essere il primo criterio da adottare nella speranza che, evitare di continuare a inalare sostanze tossiche possa contribuire a migliorare le condizioni di salute.

I dati di mortalità legati al cancro polmonare la dicono lunga su come l’abitudine al fumo abbia alimentato, sviluppandola a macchia d’olio, la patologia polmonare pur non essendo l’unica causa accertata.  Ciò su cui è necessario riflettere è in qualche modo il legame a doppio nodo che si crea da un lato per l’assunzione costante di sostanze nocive come ad esempio la Nicotina, inserita fra le sostanze velenose nel prontuario nazionale delle sostanze chimiche e dall’altro, in special modo in anni in cui la crisi economica è divenuta l’unica cosa stabile e garantita a livello planetario, ci si aggrappi al vizio del fumo per sedare lo stress che aggredisce un sempre più alto numero di cittadini.

Nel nostro paese poi, il legame fra Monopolio di Stato e distribuzione di sigarette ha al proprio interno un criterio assolutamente anomalo: il Monopolio avrebbe dovuto garantire un prezzo di vendita equo contro eventuali speculazioni economiche ma nella realtà dei fatti, col tempo, lo Stato ha penalizzato i cittadini facendo ricadere proprio sui Tabacchi molte imposizioni fiscali, così da rendere assolutamente impossibile slegarsi da quel tipo d’imposta per il fatto di non poter decidere da un giorno all’altro di smettere di fumare. In qualche modo, lo Stato si rende doppiamente reo di non lasciare spirito critico a milioni di cittadini, dato che non sostiene sufficientemente grandi campagne di sensibilizzazione contro il tabagismo e anzi sfrutta la vendita di tabacco per fini economici.

Sul fronte sanitario nazionale, poco o nulla viene fatto per prevenire questo tipo di cancro, così come altri. Da anni si attende che entri a far parte dei normali controlli di routine - almeno sui soggetti a rischio - la Tac spirale,  elemento diagnostico che potrebbe in molti casi evidenziare in tempo i segnali del tumore ai polmoni. Purtroppo la Sanità nazionale, ormai vittima di se stessa per aver dilapidato enormi capitali pubblici a causa di cattiva gestione e di appropriazione indebita di fondi, non ritiene utile inserire questo elemento fra gli esami rimborsabili almeno ai cittadini  a maggior rischio. Così, si vive in pratica in un limbo che ha i colori di una roulette russa: si spera di non ammalarsi ma si fa poco o nulla affinché ciò non accada. Davvero poco rispetto alla gravità della patologia che si diffonderà sempre più, continuando a mietere milioni di vittime che, agendo diversamente e su più fronti, potrebbero essere salvate.

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 07/12/2019 01:02:07

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 06/12/2019
Prescrizione: il dubbio atroce. Attenzione all'ambito civile...

Perché mai si dovrebbe cancellare l’istituto giuridico della prescrizione? Il nostro sistema giudiziario necessita di un altro tipo di riforma, quella che renderebbe possibile lo snellimento delle cause, e anche di corposi finanziamenti che possano sostenere la buona tenuta di tutto il sistema. Invece a cosa pensano?

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 25/11/2019
Siamo tutti in pericolo!

Vogliamo continuare a perder tempo, a contare i morti, ad assistere alle passeggiate propagandistiche di questo o quel politico, puntualmente presenti dopo il verificarsi dell’ennesima tragedia che si poteva, e si doveva, evitare? 

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 23/11/2019
Sardine: quando i movimenti spontanei rischiano di fiaccare l'energia del popolo

Ignorare i propri diritti, non conoscere a dovere cosa è lecito fare da parte del mondo della politica, permette ai governi di scaraventare sulla popolazione un numero enorme di misure che contrastano vivacemente con il criterio stesso di democrazia.

Leggi l'articolo

Autore: Il direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 20/11/2019
Fondo Salva Stati e dittatura economica

Riproponiamo questo articolo del nostro direttore, Emilia Urso Anfuso, pubblicato la prima volta nel 2012

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -