Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Appello di papa' Marrazzo per la giovani rapite in Siria

Appello di papa' Marrazzo per la giovani rapite in Siria
Autore: Teresa Corrado - Redazione Esteri
Data: 13/08/2014 02:09:51

Salvatore Marzullo, il padre di Vanessa, una delle due ragazze rapite in Siria, ha fatto un appello ai rapitori che uscito oggi sul settimanale “Oggi”.

Chi ha fatto Vanessa e Greta prigioniere dovrebbe ricordare cos'erano lì a fare. Volevano il bene e sarebbe un dramma se qualcuno le ripagasse con il male”. Queste le parole affidate al settimanale, attraverso il quale l’uomo si rivolge a chi ha portato via la sua Vanessa e l’amica Greta. La famiglia Marzullo, come quella Ramelli, restano in attesa di notizie da parte di chi sta lavorando per liberare le due volontarie rapite ormai da due settimane da Aleppo, una delle città più colpite dalla guerra in Siria.

Marzullo non esita a spiegare anche che le due ragazze erano li come volontarie, non per fare una gita o un viaggio di piacere e risponde, in questo modo, alle critiche piovute dal web sulla presenza delle giovani ad Aleppo. Rispondendo alle critiche, l’uomo affermo che entrambe le ragazze non sono superficiali, come descritte in alcuni commenti, ma sottolinea: “Vanessa è proprio il contrario. È una ragazza profonda che si immedesima nella sofferenza degli altri e non riesce a stare con le mani in mano

Intanto il viceministro degli Esteri Lapo Pistelli, fa sapere che qualcosa si muove, visto che siamo sulle tracce dei rapitori, sottolineando che la Farnesina si è mossa immediatamente, prima che la notizia giungesse ai media e cioè sei giorni prima che la notizia facesse il giro del web.

Con discrezione e impegna da parte delle forze di intelligence italiane, si sta cercando un contatto con il gruppo armato che ha prelevato le due giovani da casa del capo del “Consiglio rivoluzionario” del villaggio di El Ismo, dove le giovani erano ospitate. La paura è che il gruppo che le ha prelevate, le ceda ad un altro e che quindi si dovrebbe ricominciare tutta la trattativa d’accapo. Una situazione in cui la Farnesina non vorrebbe ritrovarsi, in modo da riportare a casa, quanto prima, le due giovani.

Intanto l’intera comunità di Gavirate e Brembate si stringe attorno alle famiglie delle due ragazze, ai genitori e ai parenti che attendono con ansia notizie, mentre la rete e la politica si divide sulla scelta dei genitori di far partire le giovani in una zona così pericolosa, in guerra da ormai tre anni e chi, invece, ne loda le gesta e il coraggio. Tra insulti e polemiche, si aspettano notizie che possano rassicurare i genitori di entrambe le giovani.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/10/2019 19:33:08

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 19/10/2019 06:46:25
Rapporto Oxfam: la dura condizione dei lavoratori delle aziende agricole nel mondo

I salari molto bassi, le dure condizioni di lavoro e la discriminazione basata sul genere sono diffusi nelle aziende agricole e nelle piantagioni che forniscono tè, frutta e verdura a catene di vendita al dettaglio come Lidl, PLUS e Whole Foods

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 16/10/2019 07:14:36
Messico: alla ricerca delle tombe clandestine nell'ex prigione di Topo Chico/Nuevo Leòn

Il governo locale ha deciso di aprire queste indagini dopo accuse secondo cui in quella prigione controllata dal cartello dei Los Zetas sono scomparsi diversi detenuti.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 13/10/2019 08:13:31
Johnson & Johnson condannata a 8 miliardi di dollari per i danni causati dal Risperdal

La giuria di un tribunale in Pennsylvania ha oggi condannato la multinazionale Johnson & Johnson a pagare $ 8 miliardi di danni per non aver notato che uno dei suoi farmaci usati in psichiatria gonfia il petto degli uomini

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 11/10/2019 11:29:17
Premio Nobel per la Pace al premier etiope Abiy Ahmed Alì

Alla fine, il premio Nobel per la Pace è stato assegnato al premier etiope Abiy Ahmed Alì con questa motivazione: "I suoi sforzi per raggiungere la pace e la cooperazione internazionale, e in particolare per la sua decisiva iniziativa di risolvere il conflitto di confine con la vicina Eritrea"

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -