Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Dal femminicidio al bimbicidio: quando la rabbia travalica l 'amore

Dal femminicidio al bimbicidio: quando la rabbia travalica l 'amore
Autore: Il DIrettore: Emilia Urso Anfuso
Data: 22/08/2014

Negli ultimi anni il fenomeno del femminicidio ha letteralmente invaso le cronache nazionali e i talk show, fino a giungere alla realizzazione di format televisivi che raccontano dei casi più efferati in alcuni casi tentando di scandagliare la mente dell’omicida di turno.

Si dice che chi uccide una donna lo fa potenzialmente per possederla oltre la vita. “O mia o di nessuno”. Qualcosa del genere. Oggi che le donne sono più indipendenti psicologicamente e in alcuni casi anche finanziariamente, risulta più facile sganciarsi da storie d’amore cadute in crisi. Per l’uomo molto spesso non è così. Un tempo era la donna semmai ad essere “sedotta e abbandonata”, la figura del maschio che mieteva vittime d’amore era normale come l’acqua.

Poi, la società è cambiata, per alcuni versi si è evoluta per altri è arretrata.

Nei casi di femminicidio si cercano cause all’interno di rifiuti alle avances maschili o all’allontanamento dell’elemento femminile all’interno della coppia. Sta di fatto che, in caso di omicidio, è bene scandagliare la mente psichiatricamente piuttosto che psicologicamente. Mi spiego: se una persona giunge ad uccidere, non ritengo opportuno scandagliare la psiche dell’omicida di turno tentando – invano – di trovare un qualche pregresso di vita che scusi l’atto omicida.

La moderna psichiatria ci insegna che all’interno del nostro cervello esistono aree che parlano profondamente di ognuno di noi e che ce n’è una, quella frontale, deputata al ragionamento razionale e alla scelta delle azioni da compiere, che dovrebbe quindi sovrastare le pulsioni più barbare che sembrano albergare comunque in un angolino in ognuno di noi.

Recentemente, vi è una sorta di spostamento dell’attenzione omicida da parte di alcuni uomini che scelgono di uccidere i loro figli minori. Solitamente, l’omicidio si conclude con un suicidio o con un tentativo di suicidio.

Le ragioni che vengono addotte a scusante di tali atti ignobili sarebbero da ricercare non solo nella crisi di coppia ma anche e soprattutto nella crisi economica che rende sempre più spesso le persone di sesso maschile maggiormente vulnerabili.

Come dire: se io non ce la faccio più a campare allora deve morire tutta la mia famiglia. Una sorta di rito indù in cui se muore il capofamiglia di sesso maschile gli altri componenti dovrebbero gettarsi nella pira. Peccato che l’omicida non consumi un suicidio nella speranza folle che la famiglia ne segua l’esempio. No: si convince di avere il diritto primario di togliere la vita a coloro che hanno un legame di sangue o di coppia, poi semmai si pensa a togliere la vita a se stessi.

Qualunque sia la molla che faccia scattare l’impeto omicida a me sembra che l’umanità sia impazzita del tutto. E’ vero, la crisi è soffocante, la precarietà economica e sentimentale sono due fattori che gettano in crisi gli esseri umani, ma giungere all’uccisione è a mio avviso un estremo tentativo di palesare un potere, l’ultimo: quello di decidere della morte dei propri cari e semmai, di se stresso.

Nella crisi di valori che tutti stiamo subendo, si mettono in scena acrobazie narcisistiche che nulla hanno a che fare con il sentimento dell’amore. Altrimenti, qualcuno ci spieghi come facevano un tempo nel nostro paese quelle famiglie – erano la maggior parte – che versavano in ristrettezze economiche e precarietà lavorativa a non fare stragi familiari ogni giorno. Forse all’epoca c’era più amore e meno rabbia

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/02/2020 17:31:16

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/02/2020
Coronavirus e altre considerazioni

Il Conte bis è a caccia di soldi. Servono 15 miliardi, da trovare in tutta fretta per avviare la riforma fiscale tanto propagandata, e che dovrebbe portare – secondo le ipotesi non avallate dai fatti – all’agognata semplificazione. Niente di spettacolare, almeno per quanto ne sappiamo fino a oggi. Si tratterebbe di ridurre gli scaglioni reddituali da 5 a 3, copiando il modello tedesco da cui copiamo un mucchio di cose, le peggiori, come il reddito di cittadinanza.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 02/02/2020
Sardine: un movimento impopolare

Dopo i ringraziamenti slinguettanti di Zingaretti alle sardine, per aver ben sostenuto la vincita di Bonaccini, ecco che il movimento ittico, o meglio i leader, arrivano non solo a omaggiare i grandi industriali, gli stessi a cui il governo dice di voler sottrarre la concessione di Autostrade

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 27/01/2020
Giornalisti e lettori: un matrimonio da salvare

Se davvero vogliamo migliorare la società, torniamo a dialogare, mettiamo da parte le rabbie, le tifoserie, l'ossessione contro le "caste". Almeno un tentativo va fatto. Proviamoci.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/01/2020
Policlinico Umberto I: Dipartimento di chirurgia Valdoni e un bel ricordo da conservare nel cuore

Sapere che sì, esistono luoghi di cura, che ancora oggi si possa contare sull’attenzione, la professionalità e l’umanità di professionisti a cui chiediamo di prendersi la responsabilità della nostra vita, è un grande valore.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -