Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
#IceBucketChallenge: secchiato e contento!

#IceBucketChallenge: secchiato e contento!
Autore: Ermanno Cecconetto - Redazione Attualita'
Data: 28/08/2014

Italia: Paese di Santi, poeti, navigatori, ladri e mugugnoni… Così si potrebbe riassumere il nostro BelPaese, stando anche alle sterili polemiche che leggo qua e la in questi giorni.

L’argomento è sempre quello: l’IceBucketChallenge. Ovvero le secchiate di acqua gelata in favore della raccolta fondi per la ricerca sulla SLA, malattia degenerativa che colpisce molte persone. Tutto è iniziato con diversi personaggi famosi che col loro gesto volevano sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema, ma presto la cosa è spopolata grazie ai social network e a secchiate si son presi pure i comuni mortali, coinvolgendo amici e parenti.

Sta accadendo in tutto il Mondo, ma credo che solo in Italia stiamo assistendo ad una serie di polemiche inutili quanto le critiche sollevate sull’iniziativa. Nessuno mette in dubbio che molti lo abbiano fatto solo per farsi pubblicità, oppure che chi guadagna migliaia di euro ci possa mettere qualche centinaia di euro in più del metalmeccanico cassintegrato (anche se magari quelle 100 euro erano simboliche e il personaggio di turno a telecamere spente versa ogni anno molto di più), così come è vero che la beneficenza si fa senza clamore e via dicendo.

Si poteva fare di più? Sicuramente! Si poteva fare senza secchiate? Certamente! In America han raccolto 88 milioni di dollari? Beati loro! Ma diversi soldini sono andati a favore della AISLA (ad oggi sono 685mila euro) e tutto il resto è noia, come avrebbe cantato il Califfo. Perché ogni cosa nel nostro Paese deve esser motivo di polemica?

Come ha detto anche Massimo Mauro, presidente dell’AISLA: ” Il mondo del volontariato è un mondo individualmente libero. Non ha senso sindacare sulle cifre, sui motivi. Quando una persona fa una cosa del genere ed è a disposizione degli altri non ha senso fomentare le polemiche. ”Io, insieme a mia moglie, ho fatto la mia donazione e mi sono “secchiato” volentieri, chiamato in causa da amici e chiamando a mia volta in competizione altri amici. Prima della secchiata gelida abbiamo invitato tutti a dare, ma si fa beneficenza, quindi ognuno deve poter dare quello che può e vuole, dall’euro alle migliaia.
E’ una cosa stupida? Può essere, ma non essendo V.I.P. non lo abbiamo fatto per un ritorno pubblicitario e se lo fanno tanti anche senza sapere cosa sia la SLA o a cosa serva la secchiata pazienza!

L’importante è che coinvolgano altri che magari sanno di cosa si parla e faranno una donazione. Del resto c’è anche la scelta di fare la donazione senza secchiata (cosa che a molti, nella foga di criticare, è sfuggita) Insomma, cari criticoni della secchiata gelata, nessuno vi impone di fare lo stesso, ma visto che siamo ancora in democrazia, lasciateci secchiare in pace, senza doverci giustificare e senza sentirvi pontificare su quanto è sbagliato. Anzi, proprio voi che polemizzate, una donazione l’avete fatta? Altrimenti un po’ ipocriti lo siete anche voi…

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/01/2021 13:23:11

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 27/05/2020
Traffico di droga: le società fantasma dei cartelli messicani

La rete più articolata, e che riguarda uno degli importi più elevati da record, è stata scoperta dall'Unità di informazione finanziaria (FIU) del Tesoro nel 2014.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 14/05/2020
Afghanistan: attacco a un reparto maternità di Kabul

I primi momenti della vita di un neonato dovrebbero trascorrere tra le braccia di sua madre, non in un ospedale in fiamme con proiettili e bombe che piovono...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/05/2020
Allarme Interpol: droga consegnata domicilio con il cibo

Le organizzazioni criminali stanno ricorrendo ai servizi di consegna di cibo per trasportare la droga e altre sostanze illecite, mentre i Paesi sono in preda al lockdown a causa della pandemia globale di Covid-19. 

Leggi l'articolo

Autore: Di Luca De Rossi - Redazione Esteri
Data: 07/05/2020
Coronavirus: in Olanda aumenta l'uso di cannabis a causa dell'isolamento forzato

Il consumo di cannabis in Olanda e’ aumentato durante la crisi causata dall’avvento del coronavirus.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -